Come preparare le frittelle con uvetta e pinoli

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Si sa che ogni cibo, se viene fritto, ha un sapore più invitante che piace sempre a tutti, grandi e soprattutto piccini. Naturalmente non bisogna abusare dei fritti, perché questo è un tipo di cottura molto grasso, però ogni tanto si può fare una deroga alla dieta e concedersi un dolcetto fritto! Il dolce fritto per eccellenza sono le frittelle. Le frittelle sono nate come dolci di Carnevale, insieme alle chiacchiere e alle castagnole, ma le puoi preparare tutto l'anno. Le frittelle sono perfette anche come dessert a fine pasto, per concludere una cena all'aperto, un pic nic, un buffet. Oltretutto sono anche una ricetta facile da preparare, che usa ingredienti di alta reperibilità. Per questo motivo le frittelle possono aiutarti quando hai degli ospiti inattesi e non sai cosa servire come dolce: in pochi minuti potrai preparare delle gustose frittelle! Inoltre, puoi personalizzare la ricetta base in tanti modi: oggi noi ti spiegheremo come preparare le frittelle con uvetta e pinoli.

28

Occorrente

  • 300 grammi di farina
  • 3 uova medie
  • un cubetto di lievito di birra
  • 50 grammi di pinoli
  • 50 grammi di uvetta
  • la scorza di un limone biologico
  • un bicchierino di brandy
  • olio per frittura
  • 100 ml di latte
  • zucchero a velo o di semola per decorare
38

Preparazione degli ingredienti

L'operazione preliminare da compiere, se si vogliono insaporire le frittelle con uvetta e pinoli, consiste nel mettere a bagno l'uvetta per farla rivenire. Metti l'uvetta in una terrina con poca acqua e, dopo una decina di minuti, aggiungi un bicchierino di brandy che aromatizzerà l'uvetta. Nel frattempo, in un altro contenitore versa la farina dopo averla accuratamente setacciata affinché non formi grumi. Unisci lo zucchero e comincia a mescolare questi due ingredienti, facendoli assimilare con l'ausilio di un po' di latte. Quando il composto è abbastanza omogeneo puoi versare le uova continuando a mescolare. A parte, nel frattempo, sciogli il lievito di birra in un po' di acqua. Quando è sciolto, aggiungilo a tutti gli altri ingredienti che stai mescolando.

48

Realizzazione delle frittelle

Quando il composto è stato ben amalgamato, in modo che non ci siano grumi, puoi aggiungere gli ingredienti finali. Togli l'uvetta dall'acqua e strizzala per eliminare quella in eccesso. Unisci l'uvetta all'impasto e poi aggiungi anche i pinoli, usando il cucchiaio di legno per incorporarli. Come aromatizzante aggiungi anche la scorza di un limone finemente grattugiata. Abbi cura di acquistare un limone di coltivazione biologica, e comunque lavalo con cura con il bicarbonato. Dopo aver mescolato bene il tutto, lascia riposare l'impasto per almeno un'ora in un luogo fresco e asciutto; se è molto caldo, mettilo in frigorifero. Dopo un'ora l'impasto sarà aumentato di volume all'incirca del doppio: è giunto il momento di friggere.

Continua la lettura
58

Cottura delle frittelle

Usa un tegame profondo e dai bordi alti; riempilo di olio per frittura (a seconda delle tue preferenze puoi usare olio di semi, di oliva o di arachidi). Accendi il fornello e tieni la fiamma molto alta in modo che l'olio si scaldi a sufficienza. Prima di iniziare a friggere verifica che l'olio abbia raggiunto il giusto grado di calore immergendo al suo interno uno stuzzichino o un pezzetto di crosta di pane. Se vedi che tutt'attorno si formano delle bollicine, l'olio è pronto. Ora puoi procedere a formare le singole frittelle aiutandoti con un cucchiaio. Cerca di dare loro una forma tonda o ovoidale, poi buttale lentamente, una alla volta, nella padella. Falle dorare per bene, girandole da un lato e dall'altro. Quando sono ben cotte tirale fuori dall'olio usando una schiumarola o le pinze. Mettile su foglio di carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso.

68

Presentazione delle frittelle

Non servire le frittelle quando sono ancora bollenti ma aspetta che si intiepidiscano per qualche istante. Quando si sono leggermente raffreddate, versaci sopra dello zucchero semolato o cospargile con zucchero a velo setacciato. Infine, per portare in tavola, disponile all'interno di una pirofila, oppure in un cestino rivestito con tovaglioli di stoffa. Per chi è intollerante al lattosio puoi optare per una di queste due soluzioni: usare, al posto del latte, una bevanda vegetale priva di lattosio (ad esempio, il latte di soia), oppure è possibile anche escluderne totalmente l'uso dalla ricetta (l'uovo sarà sufficiente per amalgamare il composto). Buon appetito!

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se uno dei tuoi ospiti è intollerante al lattosio, puoi anche non aggiungere latte all'impasto
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare le frittelle vegane

Le frittelle, chiamate "fritole" in veneziano, sono un dolce tipico di Carnevale, formato da deliziose palline di impasto fritto, ma leggero, condito di uvetta o mele. Sono diffuse in tutto il nord-est italiano, a partire da Verona fino all'Istria. L'impasto,...
Dolci

Come preparare le frittelle alla polenta

La polenta è una delle specialità italiane, e più precisamente delle zone alpine. Le ricette e le varianti che si possono realizzare con questo alimento sono davvero tantissime, per cui vale la pena leggere i passi successivi di questa guida per scoprire...
Dolci

Come preparare la torta di semolino ai pinoli

La torta di semolino ai pinoli è un classico della cucina tradizionale italiana. Viene preparata in molte regioni seguendo ricette diverse. C’è chi aggiunge all’impasto principale uvetta sultanina, chi bagna col rum la torta a fine cottura e chi...
Dolci

Come preparare la marmellata di mele ed uvetta

Le mele e l'uvetta sono divenute, ormai, due degli alimenti meglio assortiti nella cucina italiana. Infatti, vengono cucinate in tantissimi modi differenti e sono note le loro molteplici proprietà benefiche (basti pensare alla quantità di vitamine ed...
Dolci

Come preparare biscotti all'uvetta

I biscotti all'uvetta, solitamente poco amati da coloro che si ritrovano a scambiare i piccoli frutti secchi con pepite di cioccolato, sono invece un delizioso dolce molto versatile, nutriente e semplice da realizzare. Che siano riccamente speziati o...
Dolci

Come preparare le frittelle dolci senza uova

Le frittelle dolci senza uova, sono una variante più leggera delle frittelle classiche. Realizzarle senza uova, è utile per chi è intollerante a questo ingrediente, o per chi desidera realizzare qualcosa di buono, ma allo stesso tempo leggero. La preparazione...
Dolci

Come preparare le frittelle di banane

Quante volte vi sarà capitato di avere voglia di un dolce o di un dessert ma la dispensa era vuota ed in casa non c'erano che pochi ingredienti? Per fortuna, non per tutte le ricette serve una grande preparazione. Per preparare le frittelle di banane,...
Dolci

Come preparare il pan dolce al mais con uvetta

In occasione delle festività possiamo cimentarci a realizzare delle nuove deliziose ricette. In particolar modo non possono mancare i dessert o delle speciali merendine, per rendere felici grandi e piccoli. Con questa semplice ricetta potremo preparare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.