Come preparare le pappardelle alla rapa rossa con ragù di anatra

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La buona cucina italiana è tanto apprezzata quanto invidiata dai vari turisti delle nazioni di tutto il mondo, la vasta gamma di pietanze culinarie che si possono assaggiare fa venire l'acquolina in bocca al solo nominarne qualcuna di esse. Di regione in regione, di città in città, si scoprono poi piatti originali che vengono apprezzati per la loro manifattura e per i vari condimenti che essi hanno, il giro dei luoghi dell'intera nazione fa si che la cultura italiana in campo culinario cresca sempre più di livello e allarghi i confini del sapore. In questa guida che qui di seguito vi proponiamo ci sarà da leggere la ricetta per come preparare le pappardelle alla rapa rossa con ragù di anatra, eseguendo i vari passaggi ne verrà fuori un primo piatto che delizierà i palati dei vari commensali che lo proveranno. Ricordare però di rispettare i vari tempi di cottura ed avere un accurata attenzione per i particolari, saranno quest'ultimi ad aumentare la bontà di ciò che vi apprestate a preparare.

25

Occorrente

  • 250 gr di farina
  • 1 petto d'anatra
  • 2 uova
  • 1 rapa bollita
  • 1 carota e 1 sedano
  • 1 cipolla
  • olio extravergine d'oliva, pepe e sale q.b.
  • brodo di carne e parmigiano q.b.
35

Il primo passo per la preparazione di questa ricetta culinaria è di andare a pulire sia il sedano che la carota, senza dimenticare la cipolla, subito dopo il lavaggio essi verranno tritati. Con l'aggiunta dell'olio extra vergine d'oliva poi finiranno in una pentola abbastanza grande dove dovranno soffriggere per un tempo non troppo lungo. Nel frattempo anche il petto d'anatra verrà preparato essendo fatto a forma di dadini, esso poi si unirà agli altri ingredienti già presenti nella pentola.

45

La rapa rossa invece dovrà essere bollita ed anche lei unita ai vari condimenti già preparati in precedenza. La carne man mano che soffriggerà tenderà a cambiare colore, a questo punto si aggiungeranno sia i pomodori che il mezzo bicchiere di vino, quest'ultimo servirà per sfumare. Per insaporire poi bisognerà metterci il sale ed anche la rapa che in precedenza è stata bollita, il tutto sarà guarnito dal brodo che servirà ad aumentarne il gusto.

Continua la lettura
55

Il tempo previsto per la cottura del ragù d'anatra è di circa un'ora e mezza, da non dimenticare però che di tanto in tanto mentre si cuoce dovrà essere mescolato. Esso poi andrà in una pentola d'acqua salata quando sarà pronto, alla sua bollitura si dovranno aggiungere le pappardelle che hanno una cottura alquanto veloce. Alla fine di ciò si passerà ad aggiungerci il ragù preparato in precedenza, fatto ciò, questo primo piatto di origini aretine sarà pronto per essere servito a tavola e già dal sapore che emana, ci sarà da leccarsi i baffi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Pappardelle al ragù di cervo

Durante il freddo inverno può essere una sana ed ottima idea quella di preparare un buon primo piatto, caldo e saporito, da gustare in famiglia o da offrire ai propri invitati a tavola in occasione di una cena speciale. Un buon piatto di pappardelle...
Primi Piatti

Come preparare le pappardelle in casa al ragù bianco

Pappardelle al ragù bianco: siamo di fronte ad un piatto della tradizione, e non c'è niente di meglio che dedicarsi alla cucina imparando come prima cosa le basi di uno dei piatti principe riguardante la pasta fatta in casa. In questo caso specifico...
Primi Piatti

Pappardelle al ragù di capriolo

Se avete a pranzo degli ospiti particolarmente esigenti, provate a fare un primo originale. Scegliendo di fare qualcosa di diverso dal solito. Per poi, stupirli una volta che porterete la pietanza a tavola. Per riuscire in questo intento, provate a cucinare...
Primi Piatti

Ricetta: pappardelle al ragù di cinghiale e porcini

Vi sono piatti culinari che vengono tramandati da generazioni: sono quelli preparati dai chi vive nelle montagne dove la caccia e la raccolta dei funghi è una normale tradizione. Il cinghiale è un animale molto apprezzato nella preparazione di ottimi...
Primi Piatti

Ricetta: pappardelle al ragù di cinghiale

Il cinghiale è un animale selvatico molto diffuso e usato in cucina. Il ragù di cinghiale è una ricetta appartenente alla tradizione culinaria Toscana. La carne di cinghiale offre al piatto un sapore unico e inconfondibile. Il sapore forte e deciso...
Primi Piatti

Ricetta: pappardelle al ragù di capriolo

Le pappardelle al ragù di capriolo sono una ricetta molto particolare, ma molto semplice da preparare. La loro preparazione non si discosta molto dalla preparazione delle pappardelle al ragù che spesso si preparano per il pranzo della domenica. La carne...
Primi Piatti

Come fare le pappardelle al ragù bianco di coniglio

Oggi parleremo di uno dei piatti più gustosi della tradizione culinaria toscana: si tratta delle pappardelle al ragù bianco di coniglio. Primo piatto unico nel suo sapore e molto facile da preparare, anche a causa delle sue tempistiche di cottura (si...
Primi Piatti

Come preparare pappardelle al piccione affogato

Le pappardelle al piccione affogato rappresentano un primo piatto tipico della tradizione culinaria della regione Toscana. Si tratta di una pietanza molto gustosa ed anche abbastanza semplice da preparare: basta infatti seguire attentamente la ricetta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.