Come preparare le pucce pugliesi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le pucce Pugliesi sono un tipo di pane chiamate anche panpizza, grandi circa 30 cm e fanno parte della tradizione salentina ma non solo, questa tradizione è molto diffusa nel Salento e anche nel trentino. Questo tipo di pane con pochissima mollica si può farcire in molti modi, in questa guida vi diremo come prepararle e far entrare in casa vostra una delle tante tradizioni pugliesi. Avrete degli ottimi panini da riempire come desiderate molto croccanti, che sia prosciutto, pomodoro, acciughe, ecc, attenzione però, ci sono varie pucce ognuna è diversa tra loro, ma noi andremo a vedere come si fanno le originali.

26

Occorrente

  • 400 g di farina, 350 g di farina di semola rimarchiata di grano duro, rasi di sale, miele, olio d'oliva, olive nere, lievito di birra fresco, raso di zucchero.
36

Ci siamo, stiamo per preparare le famosissime pucce pugliesi! Per prima cosa vi consiglio di preparare tutto l'occorrente davanti a voi, per non fare confusione durante la preparazione, cercate di organizzarvi come meglio potete, non è una ricetta difficilissima ma porta via molto tempo, allora... Mettete 50 g di farina bianca dentro una planetaria o una ciotola, 50 g di semola, aggiungete 25 g di lievito, 10 gr di malto, 4 g di lievito di birra sciolto in 50 g di acqua tiepida, un cucchiaino di raso di zucchero, impastate bene e fate riposare del forno spento per 4 ore, non è poco ma alla fine avrete dei risultati fantastici.

46

Fatto ciò mettete l'impasto dentro una ciotola più ampia e aggiungete 350 g di farina, 300 g di farina di semola rimarchiata di grano duro, 2 cucchiai di rasi di sale, 1 cucchiaio di miele, 4 cucchiai di olio d'oliva, 200 g di olive nere, 400 ml di acqua tiepida, semola rimarchiata di grano duro. Lavoratelo molto energicamente, questa è una ricetta molto lunga ma i risultati si vedranno, come detto sopra è una ricetta tipica pugliese ed è molto accurata proprio per la sua importanza, inoltre dovrete regolarvi anche voi per vedere l'impasto come si presenta, deve essere liscio oltre che morbido ed omogeneo.

Continua la lettura
56

lavoratelo per circa 12 minuti fino a farlo diventare come gia detto morbido ed omogeneo, lo ripeto perche è importantissimo, inoltre l'impasto non deve appiccicare. Ricoprire l'impasto e far lievitare altre 2 ore, sempre coperto. Fatto ciò formate delle piccole pagnotte tonde, inseritele in una ciotola piena di semola ed infarinateli facendoli ruotare delicatamente senza rovinarle, inseriteli nella leccarda da forno, mi raccomando anch'essa infarinata alla base e fate lievitare ancora per 2 ore, infarinate a 200-230° per 30-40 minuti. Vedete se è pronta e tiratela fuori, alla fine fate raffreddare il necessario e saranno pronte per essere messe sulle vostre tavole.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come preparare un mocaccino freddo

Durante la fredda stagione invernale è piacevole bere in compagnia un buon caffè bollente oppure una cioccolata calda, chiacchierando tra amici. Quando arriva l'estate, con il clima caldo ed afoso, bere il caffè caldo non è più un piacere, ma è...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a maggio

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di voler assaporare un ortaggio o un frutto durante la stagione invernale, periodo nel quale questi alimenti non vengo prodotti. In questi casi potremo provare a realizzare delle conserve degli ortaggi...
Consigli di Cucina

5 modi per preparare la quinoa

Se attendiamo ospiti a cena e se vogliamo realizzare un piatto buono e gustoso, nulla è meglio del preparare la quinoa. La quinoa è un "falso cereale" poiché non appartiene alla famiglia delle graminacee, ma si dimostra un alimento ottimo per sostituire...
Consigli di Cucina

5 cibi da preparare per un pic-nic

Con l'arrivo della bella stagione e delle belle giornate è sempre piacevole passare una giornata all'aria aperta. E molto spesso si opta per un bel pic-nic con la famiglia e gli amici. Ma ci si chiede sempre cosa poter preparare da mangiare. Qualcosa...
Consigli di Cucina

Cosa preparare una cena facile e veloce

Qualche volta può succedere di avere degli ospiti inaspettati a cena. Se non si è esperti di cucina e non si vuole fare una figuraccia preparando pietanze orribili e complicate questa guida può essere utile. Infatti, leggendo il tutorial si possono...
Consigli di Cucina

5 piatti da preparare a settembre

Madre natura ogni mese dell'anno ci regala dei prodotti, che ci consentono poi di preparare un'infinità di piatti come primi, secondi e contorni. Si tratta infatti, di una vasta gamma di alimenti, che principalmente fanno parte della categoria degli...
Consigli di Cucina

Come preparare un piatto da gourmet

Per essere bravi a cucinare non basta sicuramente saper mettere insieme qualche ingrediente, ma bisogna conoscere bene come cucinare qualsiasi tipologia di piatto in maniera creativa e originale. Per diventare bravi a preparare dei piatti da gourmet,...
Consigli di Cucina

Come preparare una colazione continentale

La colazione rappresenta senza ombra di dubbio uno dei pasti più importanti di una giornata. Il modo di fare colazione cambia da un posto all'altro e di conseguenza ognuno ha le sue abitudini.La colazione in stile continentale, è quella basata solo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.