Come preparare le sarde alla beccafico

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come preparare le sarde alla beccafico
15

Introduzione

Le sarde alla beccafico sono un tipico piatto siciliano che è conosciuto in tutta l'Italia. Questa ricetta è una vera prelibatezza è generalmente viene consumata nelle serate estive con un buon vino bianco. Questo piatto si può servire come antipasto oppure come un secondo leggero e digeribile. La scelta va fatta in base al menù che si ha intenzione di preparare. Questa guida ha l'obiettivo di dare alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come preparare un piatto di sarde alla beccafico.

25

Occorrente per preparare le sarde come antipasto

Per la preparazione delle sarde alla beccafico come antipasto per 6 persone occorrono le seguenti dosi ed ingredienti: 4 acciughe sotto sale oppure in alternativa 4 alici, 6 foglie di alloro, 50 g. Di pinoli sgusciati, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato finemente, il succo di un'arancia, 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva, 800 g. Di sarde fresche, 50 g. Di uvetta, 100 g. Di pangrattato, sale, pepe e 2 cucchiaini di zucchero.

35

Preparazione delle sarde

A questo punto la prima cosa da fare è quella di squamare le sarde, aprire il ventre e togliere tutto l'intestino. Successivamente si deve tagliare la testa ad ogni sarda e togliere con molta delicatezza la lisca, mentre la coda va lasciata. In seguito bisogna sciacquare il pesce sotto l'acqua corrente e poi si tampona con della carta assorbente. Ora è il momento di aprire il corpo delle sarde e poi si mettono sul piano di lavoro. Durante questa operazione bisogna prestare attenzione a non separare le due metà.

Continua la lettura
45

Preparazione della farcitura

Adesso si versano l'olio d'oliva e del pangrattato in una padella e successivamente si fa cuocere per un paio di minuti. Intanto si deve mettere a bagno in acqua tiepida l'uvetta per circa mezz'ora. In seguito si trita il prezzemolo e si riducono a pezzetti le acciughe, dopo che sono state sciacquate con l'acqua corrente. A questo punto si prende una ciotola e si versano le acciughe, il prezzemolo, l'uvetta, i pinoli, il pangrattato, lo zucchero, il sale ed il pepe. Poi, si mescolano accuratamente gli ingredienti in modo che si possono distribuire uniformemente.

55

Riempire le sarde

Le sarde aperte bisogna tenerle con la pelle rivolta verso il basso. Si versa in ognuna di esse circa mezzo cucchiaio del composto che è stato preparato in precedenza e poi si arrotolano. Si comincia dalla parte della testa; così facendo la coda resta come abbellimento. Si unge una pirofila con dell'olio e si dispongono le sarde una accanto all'altra. Poi, si sistemano qua e là delle foglie d'alloro e si cosparge il tutto con la farcitura rimasta. Infine, si irrorano con del succo d'arancia e si cuociono in forno a 180° C per 20 minuti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Involtini di spada a beccafico con zafferano

Se si vuole organizzare un pranzo o una cena e servire piatti a base di pesce, una ricetta originale per stupire gli ospiti consiste nel preparare gli involtini di pesce spada a beccafico con zafferano. Tale piatto trae origine dalla famosa preparazione...
Pesce

Come cucinare le sarde

Le sarde, pesce molto usato in cucina, sono tra le specie più diffuse nel mar Mediterraneo. Le sarde, dato l'elevato contenuto di omega 3 e di altre sostanze nutritive, vengono consigliate da nutrizionisti e cardiologi. Le sarde sono il pesce protagonista...
Pesce

Come preparare le acciughe al beccafico

La seguente ricetta spiegherà come preparare le acciughe al beccafico un piatto tipico della regione Calabria. Come ingrediente di base abbiamo le acciughe che verranno poi accompagnate da una croccante panatura di farina e da un ripieno di mollica...
Pesce

Ricetta: acciughe alla povera

Se intendete preparare una ricetta davvero gustosa e nello specifico un antipasto, potete optare per delle acciughe cosiddette alla povera. Si tratta di un piatto molto diffuso tra i pescatori dell'isola d'Elba e che viene particolarmente apprezzato...
Pesce

Ricetta: sarde in carpione

Capita a tutti di avere ospiti a pranzo o a cena e di non sapere cosa preparare per sorprenderli e deliziarli. Spesso, rispolverare un piatto tipico della nostra tradizione può essere la mossa vincente. Fanno al caso nostro le sarde in carpione, una...
Primi Piatti

Ricetta: Sarde beccaficu

Le sarde, con la loro carne gustosa e saporita, sono un pesce particolarmente versatile in cucina. In questo tutorial, vi proponiamo una deliziosa ricetta, tipica della tradizione siciliana. Si tratta delle sarde beccaficu, un secondo piatto appetitoso...
Primi Piatti

Come preparare la pasta con le sarde alla palermitana

Questo è un piatto, come suggerisce il nome, originario della Sicilia e in particolare della zona di Palermo. La ricetta è molto antica e viene tramandata da generazioni, restando invariata nel tempo. In Sicilia infatti, sono molti i ristoranti e le...
Primi Piatti

Come si fa la pasta con le sarde

In cucina vengono preparate molte ricette prelibate. Tra antipasto, prima portata, seconda portata, contorno e infine dessert, ci di può sbizzarrire. Per esempio possiamo preparare la pasta con il pesto fresco fatto in casa, o magari fare la lasagna....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.