Come preparare le seppie in agrodolce

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Stai cercando un'idea su cosa preparare come secondo piatto al tuo lui o alla tua lei a base di pesce? Bene stai leggendo la guida più adatta alle tue esigente! Si proprio perché in questa guida vi spiegheremo in un paio di passi e al contempo stesso semplicissimi, come preparare le seppie in agrodolce. Questo è un secondo piatto molto gustoso, e pieno di sapore per chi ama il pesce. Il costo per procurarsi gli ingredienti per questa pietanza, è abbastanza limitato, poiché si limita a comprare appunto, solo alcune seppie, ed alcune verdure quali spinaci e scalogno. Gli ingredienti e le quantità che sto per proporvi in questa guida, sono adatte a circa 4 persone. Ma adesso cominciamo con la guida su come cucinare questo secondo piatto.

24

La pulizia

Subito dopo aver comprato tutti gli ingredienti necessari per comporre questa pietanza, è indispensabile cominciare col pulire le seppie stesse. Quindi prendiamole una ad una, e cominciamo ad eliminare gli occhi, e le interiora che si trovano dentro le teste, comprese di osso e sacchetto dell'inchiostro. Con quest'ultimo è bene prestare molta attenzione, poiché molto delicato potrebbe spaccarsi da un momento all'altro e macchiare tutte le seppie stesse.

34

Il lavaggio

Adesso prendi gli spinaci, puliscili molto bene e successivamente lavali sotto l'acqua corrente. Fatto il tutto, scottali in una quantità non eccessiva di acqua bollente e salata, quindi scolali, poi strizzali e infine tritali. Ora procurati una casseruola adeguata, nella quale farai imbiondire lo scalogno e il sedano debitamente tritati, con una quantità minima di olio extravergine d'oliva. Unisci al tutto sia un cucchiaino di pinoli che l'uvetta sultanina (che avrai in precedenza messo a ravvivare in poca acqua tiepida e poi strizzata). Provvedi ad aggiungere anche gli spinaci e regola con la giusta quantità sia di sale che di pepe. Così facendo avrai ottenuto un composto di spinaci.

Continua la lettura
44

La cottura

Metti a cuocere per alcuni minuti il composto di spinaci che hai ottenuto in precedenza. Eseguita questa operazione, riempi le seppie con il composto e quindi falle cuocere in una seconda casseruola con l'olio extravergine d'oliva rimasto. Il tempo di cottura varia da un minimo di dieci minuti fino a un massimo di un quarto d'ora. Durante la fase di cottura bagnale con un po' di vino bianco, circa mezzo bicchiere e, se necessario, aggiungi un po' d'acqua. Dopo che sarà terminata la fase di cottura, regola ancora una volta con un po' di sale e un po' di pepe. Cospargi le seppie con il prezzemolo tritato in precedenza e servile in tavola ben calde a tutti quanti i commensali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come fare i maccheroni carciofi e seppie

I maccheroni carciofi e seppie sono un primo piatto gustoso e nutriente. Il carciofo è uno degli ortaggi che meglio si sposa con il delicato sapore del pesce. Questo abbinamento vi permetterà di realizzare una pietanza saporita ma allo stesso tempo...
Consigli di Cucina

5 errori da evitare quando si cucinano le seppie

Le seppie sono uno dei molluschi più utilizzati in cucina, dai primi ai secondi ai contorni esistono migliaia di ricette che le riguardano, sia come elemento principale (come le seppie ripiene), sia come accompagnamento. Le seppie vengono inoltre ampiamente...
Pesce

5 ricette con la seppia

Tra i pesci più prelibati e più adatti per la preparazione di decine e decine di ricette, è indispensabile inserire la seppia. La seppia è un mollusco carnoso, gustoso, adatto alla preparazione di ottimi primi piatti, secondi, contorni, antipasti,...
Primi Piatti

Ricetta: timballo di riso con seppie in crema di ceci

Il timballo di riso con seppie in crema di ceci è una ricetta delicata e molto ricercata, degna di un vero ristorante di pesce. L'effetto visivo finale è davvero elegante, adatto per un'occasione molto speciale, e il sapore è delizioso e particolarissimo....
Primi Piatti

Come preparare il riso al sugo di seppie

Le seppie sono dei molluschi adatti per diverse ricette, sia come primi che come secondi piatti. Il dubbio principale sovviene nel momento della loro scelta: seppie fresche o surgelate? Nel primo caso è preferibile affidarsi alla propria pescheria di...
Primi Piatti

Ricetta: maccheroni con le seppie

Il pesce è un alimento che si abbina benissimo con la pasta. Infatti, molte ricette tradizionali e conosciute lo contengono. Una ricetta che spesso viene utilizzata è quella dei maccheroni con le seppie. Questo è un primo piuttosto semplice da realizzare...
Pesce

Come fare le seppie ripiene di riso venere

Per portare in tavola tutto il profumo del mare, non è necessario essere dei provetti chef! Alcune ricette sono davvero semplici da preparare e ricche di gusto. Perché allora non divertirci a stupire i nostri commensali con un piatto veramente originale...
Pesce

Ricetta: spiedini seppie e gamberi al pangrattato

In questo articolo, cercheremo di capire ed imparare insieme come creare un piatto a base di pesce, veramente speciale, per proporlo come secondo o anche come piatto unico, magari con un bel contorno di verdura fresca.Stiamo parlando del modo per poter...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.