Come preparare le trofie con sugo d'anatra

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le trofie sono perfette con il pesto, come suggerisce la tradizione ligure. Tuttavia, esistono anche altre varianti che rendono questa pasta decisamente interessante. Qui vedremo come preparare le trofie con sugo d'anatra. Il primo piatto è perfetto per la stagione fredda che sta per arrivare. Veloce e abbastanza semplice da realizzare, è un'ottima soluzione per un pasto completo.

25

Occorrente

  • trofie fresche 750 gr
  • carote 120 gr
  • mezzo petto d'anatra con la pelle
  • vino rosso -
35

Per preparare le trofie con sugo d'anatra è indispensabile avere a disposizione ingredienti di prima qualità. Preferite la pasta artigianale fresca, che darà più sapore alla carne. Iniziate a togliere la pelle dell'anatra. Tagliatela a metà e disossatela. Evisceratela a lavatela sotto il getto dell'acqua corrente. Se preferite, chiedete al macellaio un'anatra già tagliata. Tagliuzzate la carne d'anatra a piccolo dadini. Mettete sul fuoco una pentola di acqua salata. Nel frattempo, scaldate due o tre cucchiai di olio extravergine di oliva in una pentola antiaderente. Buttate nella padella i dadini di carne. Abbassate la fiamma e rosolate la carne d'anatra. Per insaporire ulteriormente, aggiungete anche qualche straccetto di pelle d'anatra.

45

Levate dal fuoco la carne d'anatra. Nella stessa padella, andrete a preparare il resto del sugo. Vediamo come fare. Pelate le carote e tagliatele alla julienne. Fate lo stesso con una cipolla. Soffriggete le verdure per qualche minuto. Successivamente, spostatele nella parte laterale della padella. Al centro andrete ad adagiare il petto dell'anatra. Cuocetelo per quattro minuti circa su ogni lato. Se notate che il sugo si asciuga, rinvigoritelo con un po' di vino rosso. Proseguite con la cottura per altri dieci minuti, tenendo il fuoco basso. Quando il petto d'anatra sarà rosolato, toglietelo dalla padella. Tagliatelo a striscioline, aiutandovi con un paio di forbici da cucina. A questo punto, buttate nuovamente le strisce di carne in padella con le verdure. Saltate il tutto per massimo due minuti poi spegnete il fuoco.

Continua la lettura
55

Lessate le trofie. A tempo debito, scolatele e versatele in una terrina. Aggiungete al condimento un mestolo di acqua di cottura. Unite il sugo d'anatra alle trofie. Mescolate il tutto. Aggiustate di sale e pepe nero. Completate il piatto con abbondante formaggio grattugiato o pecorino. Servite le trofie ancora ben calde. Come si può ben notare, preparare le trofie al sugo d'anatra non è particolarmente difficile. Accompagnatele con un buon bicchiere di vino rosso a temperatura ambiente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: bigoli al sugo d'anatra

Se ci si ritrova nell'occasione di dover preparare un pranzo ricco, magari in occasione di un evento, si può pensare di rivolgersi alla tradizione del nord Italia. Il piatto presentato in questa guida è un primo piuttosto completo, ideale da presentare...
Primi Piatti

Come preparare le trofie con provola affumicata e noci

Le trofie sono una tipologia di pasta, solitamente fresca, che viene fatta attorcigliando su se stesso un filo di pasta. Sono ottime per trattenere qualunque tipo di sugo, ed ideali quindi per abbinarle a tanti tipi di ricette. Durante il periodo invernale...
Primi Piatti

Come preparare le trofie alla trapanese con mandorle

La cucina siciliana è risaputamente ricca e saporita e spesso è il frutto di una rielaborazione ricercata di altre cucine. Ne è un esempio il pesto alla trapanese nato dall'incontro del pesto alla genovese importato dai marinai liguri di passaggio,...
Primi Piatti

Come preparare le trofie alla crema di spinaci

Le trofie sono un tipo di pasta, tipica della cucina ligure. Gli ingredienti sono farina e patate e si prestano alla realizzazione di piatti molto succulenti. Il condimento principe è il locale pesto, a base di basilico genovese. Tuttavia si associano...
Primi Piatti

Come preparare le trofie alla crema di peperoni

Avete degli ospiti a cena ma non avete molto tempo a disposizione per preparare piatti raffinati? Oppure i fornelli non sono proprio il vostro forte? Bene, allora siete capitati nella guida giusta. In questa guida infatti vi mostreremo come preparare...
Primi Piatti

Come preparare le trofie alle noci con fagiolini

Se siete alla ricerca di un primo piatto sano, ma dal sapore goloso e fresco, eccovi nel posto giusto. Lungo i passi di questa guida vi sveleremo la ricetta delle trofie alle noci con fagiolini. Un piatto resto appetitoso da una succulenta salsa alle...
Primi Piatti

Come preparare le pappardelle alla rapa rossa con ragù di anatra

La buona cucina italiana è tanto apprezzata quanto invidiata dai vari turisti delle nazioni di tutto il mondo, la vasta gamma di pietanze culinarie che si possono assaggiare fa venire l'acquolina in bocca al solo nominarne qualcuna di esse. Di regione...
Primi Piatti

Ricetta: trofie con zucca e bacon

Preparare un ottimo pranzo dai tipici e gustosi sapori dell'autunno può essere molto semplice. Una delle ricette più golose per preparare un primo piatto saporito, nutriente e squisitamente autunnale, ad esempio, è quella delle trofie, una tipologia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.