Come preparare lo yogurt al cocco

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Preparare uno yogurt al cocco non è un'operazione difficile; va comunque sottolineato che essa richiede la conoscenza del procedimento di preparazione. Senza quest'ultimo non si può fare l’aromatizzazione del prodotto base; essa infatti avviene solo in un secondo momento rispetto alla effettiva realizzazione dello yogurt. La proliferazione dei fermenti lattici può essere pregiudicata dall’aggiunta di qualsivoglia ingrediente che non sia latte e dai fermenti lattici stessi. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come preparare lo yogurt al cocco, pur non essendo degli chef o dei veri esperti in cucina.

25

Occorrente

  • Latte, fermenti lattici vivi (o yogurt bianco intero)
35

Ingredienti

Gli ingredienti necessari sono: un litro di latte intero di qualità ed i fermenti lattici vivi (si possono comprare in farmacia). Per fare invece l’aromatizzazione al cocco basta un bicchiere di farina di cocco oppure dell'olio di cocco; la quantità di quest'ultimo varia in base al sapore (più forte o meno) che si vuole conferire al prodotto finito. Si prende un po’ del prodotto e si versa in un bicchiere con la farina oppure l’olio di cocco. Si può aggiungere al composto anche qualche cucchiaino di zucchero semolato o di canna. Se non si riescono a trovare i fermenti lattici in bustina è possibile sostituirli con un vasetto di yogurt bianco intero.

45

Preparazone yogurt

Per preparare lo yogurt bisogna mettere il latte intero in una casseruola e portarlo ad ebollizione; bisogna toglierlo dal fuoco appena raggiunge i 100° C. Nel frattempo si mette il vasetto di yogurt fuori dal frigo; quando si lavora con i fermenti lattici bisogna sempre evitare gli shock termici. A questo punto si prende un termometro per alimenti e, quando la temperatura del latte è di 37° C, si aggiungono i fermenti lattici vivi (o lo yogurt a temperatura ambiente). Poi, si mescola e si versa il tutto in un thermos, precedentemente riempito d’acqua bollente; in questo modo si ottiene una sterilizzazione perfetta. È fondamentale versare il latte quando il thermos è intiepidito; le alte temperature uccidono i fermenti vivi.

Continua la lettura
55

Conservazione

A questo punto bisogna aspettare 24 ore per il processo di fermentazione che trasforma il latte in yogurt. Trascorso questo lasso di tempo bisogna conservare il prodotto finito in frigorifero in vasetti di vetro, in modo da garantire la tenuta. La realizzazione di uno yogurt al cocco dà la possibilità di poter fare merenda con gusto, semplicità e risparmio. Inoltre, si hanno anche notevoli vantaggi per quanto riguarda la forma fisica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Torta con yogurt al cocco e biscotti al cioccolato senza cottura

Le torte sono sempre amate da adulti e bambini, durante ogni stagione dell'anno e in occasione di qualsiasi festività, oltre che essere utilizzate come colazione, merenda o aperitivo. Tuttavia con il caldo e l'afa di questa torrida estete, accendere...
Dolci

Come preparare la torta cremosa al cocco fresco

Quando d'estate il caldo torrido non d° tregua non c'è niente di meglio che dar sfogo alla fantasia in cucina realizzando qualcosa di buono, sano e genuino. Meglio ancora se questo qualcosa è anche rinfrescante. La ricetta che stiamo per proporvi oggi...
Dolci

Come preparare il sorbetto al cocco

Un sorbetto al cocco è un delizioso dessert ghiacciato tropicale, a base di cocco grattugiato e latte di cocco, che viene sciolto nello zucchero e poi congelato. Nella semplicissima e pratica guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come...
Dolci

Come preparare dei pancake al cocco

I pancake sono dei dolci simili a frittelle provenienti dall'America del Nord, ma che oramai fanno parte anche della cucina italiana. Prepararli è molto semplice e davvero poco dispendioso. Esistono numerose varianti di questo dessert americano che si...
Dolci

Come preparare un'ottima torta fredda al cocco

La noce di cocco si tratta di un frutto originario dei Tropici, composto prevalentemente da acqua (il 50%), da fibre e da carboidrati. Al contrario, risulta essere molto povero di grassi. Questo frutto ha origine nelle zone dell'arcipelago indonesiano,...
Dolci

Come preparare i semifreddi allo yogurt greco

Se avete voglia di un dolce fresco, da assaporare durante le calde serate estive, eccovi nel posto giusto. Vi mostreremo come preparare i semifreddi allo yogurt greco. Il sapore dello yogurt greco dona cremosità ed un sapore decisamente particolare,...
Dolci

Come preparare lo yogurt al cioccolato

Lo yogurt è un alimento derivato dal latte. Consumato quotidianamente in diversi momenti della giornata, lo yogurt ha origini lontane nel tempo. Si suppone che i primi a mangiarlo siano stati gli antichi abitanti della Turchia. Attualmente lo yogurt...
Dolci

Come preparare uno smoothie allo yogurt

Prima di scoprire come preparare uno smoothie allo yogurt, specifichiamo che esso è semplicemente la variante americana del frullato italiano. Ma con qualche importante differenza. Lo smoothie, diversamente dal frullato, è più leggero perché non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.