Come preparare una granita alla mela

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Durante la stagione più calda, si è soliti cercare i rimedi più disparati per rinfrescarsi e riprendersi dalle botte di calore causate dalla temperatura eccessivamente elevata. Tra questi rimedi, è possibile citare le deliziose e rinfrescanti granite alla frutta, vere protagoniste dell'estate. Al bar è possibile trovarla nei gusti più disparati, e fra i gusti più classici, ci sono fragola, limone, menta e caffè ma nei bar più grandi e ben forniti vi è una varietà ancora maggiore: mandorle, cioccolata, gelsi, cocco e perfino mela verde. A tal proposito, nella seguente guida, vi illustrerò come preparare in maniera semplice e divertente una gustosissima granita alla mela. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • 1 kg di mele
  • 5 cucchiai di zucchero
  • 1 limone
  • 150 ml di acqua
37

Innanzitutto, la prima operazione da compiere consiste nel lavare accuratamente, sotto l'acqua corrente, le mele e rimuovere il picciolo e l'eventuale adesivo del marchio, dopodiché tagliatele in quattro parte ed eliminate gli ossicini e le parti più solide che si trovano al centro. Continuate a tagliarle in pezzetti ancora più piccoli e mettetele in una ciotola con una spolverata di zucchero. Successivamente, mescolate per bene e lasciate riposare a temperatura ambiente per almeno mezzora, in modo che lo zucchero si sciolga e penetri all'interno della superficie della mela.

47

Trascorso questo lasso di tempo, versate le mele all'interno di un mixer e riducetele ad una purea liscia ed omogenea. Durante questa procedura, aggiungete poco per volta l'acqua, il rimanente zucchero e il succo di un limone, continuando a mixare finché il risultato non vi sembrerà soddisfacente. A questo punto, vi accorgerete che il colore non sarà verde. L'attesa, infatti, avrà fatto ossidare la mela conferendogli un colorito tendente al bruno. Per ovviare a questo problema, si consiglia di utilizzare un colorante alimentare, innocuo e commestibile.

Continua la lettura
57

Ottenuta la purea verde, dovrete versarla all'interno di un contenitore rettangolare con bordi non troppo alti, facendo attenzione a non riempirlo fino all'estremità, dopodiché riponete la granita in freezer. Questa è la parte che necessita di maggiore attenzione da parte vostra, perché ogni mezzora, per le prime 3 ore, vi toccherà estrarre la vaschetta dal freezer e dare una bella mescolata energica. Questo farà in modo che potrete servire la vostra granita senza troppi sforzi ma soprattutto che resti sempre morbida e soffice da gustare. Il modo migliore per deliziarvi e rinfrescarvi con il vostro dolce, sarà quello di servirla in coppe ghiacciate.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come preparare il succo di mela

Il succo di mela casalingo, da non confondere con il succo di frutta, non contiene conservanti né zuccheri aggiunti. È utilissimo in pasticceria, come bagna per il pan di Spagna oppure per aromatizzare le creme. Se piace, puoi servirlo tranquillamente...
Analcolici

Come fare un frullato di kiwi, mela e ananas

Ottenuta la vostra bevanda rigenerante, riponetela in congelatore per una mezzora e quando sarà della temperatura che desiderate, servitela in bicchieri lunghi con cannuccia. Se ne avrete voglia potrete ricorrere anche a qualche decorazione: una fettina...
Analcolici

Come fare il succo di mela e uva

L'uva e la mela, che connubio perfetto! Alcuni tipi di frutta, infatti, se combinati, acquisiscono un sapore ancor piú gustoso. Le mele aggiungono corpositá al succo d'uva ed una spruzzatina di limone rende la combinazione ancor piú rinfrescante. In...
Analcolici

Come preparare il succo ACE con il Bimby

Anche con l'avvicinarsi dell'autunno, il desiderio di bevande fresche e leggere non viene mai meno. E quale migliore idea di prepararle in casa, in modo assolutamente naturale ma, soprattutto, salutare?! Nella guida che segue scopriremo qualche utile...
Analcolici

Come preparare dei cocktail analcolici alla frutta

Non è detto che solo gli alcolici sappiano dare la spinta giusta alla serata, i cocktail analcolici alla frutta, sono una bevanda dissetante e divertente da preparare, non hanno bisogno di ingredienti costosi, ma solo di fantasia e gusto nello scegliere...
Analcolici

Come preparare un frappè alla fragola

Il frappè di frutta è un'ottima soluzione per non far mai mancare ai nostri bambini, anche ai più diffidenti e riluttanti, le vitamine necessarie. Tuttavia con i suoi ingredienti naturali e genuini, costituisce una deliziosa e sana merenda fresca,...
Analcolici

Come preparare l'acqua di avena

L'avena sativa è una pianta annuale della famiglia delle Graminacee. Da essa si ricava una bevanda dalle molteplici proprietà: l'acqua di avena. Ottimo ricostituente, ricchissima di fibre e sostanze proteiche, questa bevanda è semplice da preparare...
Analcolici

I 5 migliori cocktail analcolici

Solitamente, quando si esce per prendere qualcosa da bere, si punta sul classico cocktail. Se però l'alcol non è di vostro gradimento, potreste optare per un cocktail analcolico. Questo genere di drink è perfetto anche per i più piccoli, perché fondamentalmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.