Come produrre il vino passito

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il vino passito è un vino dolce ottenuto tramite la vinificazione dell'uva vendemmiata più tardi rispetto alle normali vendemmie. I grappoli destinati all'appassimento vengono lasciati sulla vite più a lungo per fare in modo che l'acqua evapori e che la concentrazione di zuccheri nell'acino sia maggiore. La vendemmia per i vini passiti viene effettuata in ottobre, anzichè in agosto-settembre, ma a volte anche a novembre o a dicembre. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo proprio come produrre il vino passito.

27

Occorrente

  • Uva
  • Cassette di legno
  • Torchio
37

L'elaborazione

Il passito si elabora partendo da uve perfettamente sane, senza segni di deterioramento, raccolte intorno alla fine del mese di agosto. La selezione dei grappoli deve avvenire prima della fase di appassimento: essi non devono essere troppo maturi, il chicco non deve risultare troppo morbido e croccante. Dopo la raccolta c’è bisogno di far appassire l’uva raccolta in locali ben arieggiati come cantine o sottoscala, in modo da favorire il naturale e progressivo appassimento dei grappoli. Essi devono essere disposti l’uno sopra l’altro, su di un letto di paglia, preferibilmente in cassette di legno. Tecnicamente l’appassimento permette che dall'uva evapori l'acqua affinché aumenti la concentrazione di zucchero, quindi per chi desidera un retrogusto dolce conviene prolungare il periodo di appassimento.

47

La torchiatura

La torchiatura è la lavorazione che, con una spremitura delle vinacce, mira a sottrarre la maggior parte del mosto che esse contengono. Rappresenta il lavoro più faticoso e costoso dell'intera lavorazione di vinificazione. La torchiatura può avvenire esclusivamente dopo circa sei settimane di appassimento. Segue poi la fermentazione che dipende anch'essa dalle condizioni climatiche, soprattutto dalla temperatura dell’ambiente di conservazione del mosto. La fermentazione si concluderà quando il vino raggiungerà il tasso alcolico di 15° e i lieviti interromperanno spontaneamente la loro attività di trasformazione dello zucchero in alcool.

Continua la lettura
57

Il travaso

A fine fermentazione si travasa: per garantire l'affinamento, conviene operare in condizioni climatiche prive di umidità. Spesso si preferisce filtrare il vino novello per evitare l'accumulo di sedimenti dovuti all'uva e allo zucchero non convertito. Si è soliti travasare il vino in fusti di legno per mantenere la fragranza ed aiutare l’areazione per aumentare il grado di affinamento, sempre in funzione del tipo di uva e del vino che si vuole ottenere.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Carne

Come preparare l'arrosto al passito

L’arrosto al passito è un goloso secondo piatto da preparare in occasioni speciali o quando si vuol riunire tutta la famiglia interno a una tavola imbandita. Non è molto difficile da preparare e il risultato finale è sempre garantito. Per preparare...
Dolci

Panna cotta con mango, ricotta e passito

La panna cotta è un dolce al cucchiaio di origine piemontese. Di facile e veloce preparazione conta moltissime versioni: al cioccolato, caramello, frutta o marmellata. Il dessert è tipicamente estivo, ma è ottimo anche in altri periodi dell'anno. La...
Vino e Alcolici

5 regole per fare un buon vino

Il vino è una bevanda molto gradita in tutto il mondo. Si ottiene dalla fermentazione lunga o breve del mosto che si ricava dalla spremitura degli acini di uva. Molti vorrebbero conoscere il segreto per ottenere un buon vino fatto in casa. Qui di seguito...
Dolci

Ricetta: budino di riso al cioccolato

Il budino di riso al cioccolato è un dolce che si presta molto bene per essere servito e consumato in diverse occasioni: dallo snack pomeridiano al dessert per festa di compleanno, dal dolce di fine pasto all'aperitivo. Cotto in stampini monoporzione...
Consigli di Cucina

Abbinamenti cibo vino: i 5 errori più comuni

Abbinare un buon vino ad una pietanza sembra semplice, ma non lo è poi così tanto. L'Italia è il primo paese produttore di vino al mondo, con ben l'ottanta per cento del vino prodotto. E con una scelta così vasta è facile sbagliare. In questo articolo...
Vino e Alcolici

Come scegliere il giusto vino in base al menù

Una cena perfetta consiste in un buon primo, un ottimo secondo e in un bel dolce, ma se il vino non è quello giusto, rischiamo veramente di alterare i sapori e rovinare tutto. L'esperienza di un bravo sommelier potrebbe esserci utile, ma a volte serve...
Dolci

Come preparare i datteri farciti

I datteri sono dei frutti che essiccati e opportunamente trattati, hanno un sapore gradevole e possono essere consumati anche a distanza di tempo. La pianta dal quale si ricavano, è una palma molto longeva che può vivere fino a 300 anni e produrre...
Consigli di Cucina

Come fermentare il succo d'uva

L'uva di buona qualitá, in particolare quella da coltivazioni biologiche, contiene per sua natura lieviti e zucchero: i 2 elementi necessari alla fermentazione. Anche pane, birra e la frutta in generale fermentano spontaneamente. La fermentazione è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.