Come pulire e conservare le cozze

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come pulire e conservare le cozze
17

Introduzione

La cozza è un mollusco bivalve. La sua conchiglia è composta da due parti uguali, di colore nero-violacea, mentre la parte interna è arancione madreperlacea. Possono essere selvatiche o di allevamento. Fissandosi alle rocce, si nutrono di plancton. Generalmente le cozze sono incrostate di terra e di alghe, che ovviamente vanno eliminate, prima di cucinarle. Bisogna anche togliere con le mani il bisso, la barbetta che di solito spunta tra le due valve e che, tiene le cozze ancorate agli scogli. Le cozze in passato, venivano servite crude, mettendo solo un po di limone spremuto, ma poi a causa delle epidemie di colera si pensò di cuocerle. Sono da molti considerate tra gli ingredienti più estivi e gustosi, per la realizzazione di primi piatti a base di frutti di mare. Ma per preparare una buona pepata o zuppa di pesce, dobbiamo prestare una certa attenzione nella pulizia di questi mitili. Per non correre dei rischi lasciamoci guidare dai consigli che ci offre questa guida su come pulire e conservare le cozze.

27

Occorrente

  • Paglietta da cucina
  • Coltellino
  • Acqua corrente
37

Come sempre, dobbiamo prestare attenzione al momento dell'acquisto. Il mitilo deve presentarsi di un bel colore nitido e brillante con le valve chiuse ed integre. Per pulirle, innanzitutto, dobbiamo privarle del bisso che è quella barbetta che fuoriesce dal guscio. Poi, sotto l'acqua corrente, raschiamo la superficie per asportare eventuali incrostazioni, con l'aiuto di attrezzi come una paglietta da cucina e un coltellino. Dopo questa operazione, sono pronte per essere cotte e adoperate per qualsiasi ricetta.

47

È preferibile consumarle il prima possibile perché sono facilmente marcescenti, inoltre si assapora meglio il caratteristico gusto. Se proprio non abbiamo alternative, dobbiamo considerare dei semplici metodi. Il presupposto per un'ottima conservazione è la freschezza del prodotto, senza la quale sarebbe inutile procedere.

Continua la lettura
57

La maniera più indicata per tenere da parte i nostri frutti di mare è la congelazione. Questo metodo prevede prima, tutti i passaggi visti fino a qui, poi si procede nel far raffreddare i mitili e riporli dentro i sacchetti appositi del freezer facendo uscire tutta l'aria prima di richiuderli. La temperatura del congelatore deve essere di almeno -18°C. In questo modo avremo tempo sei mesi per consumare i nostri molluschi, per tale motivo, scriviamo con un pennarello alimentare la data di preparazione sulla confezione. Al momento dell'utilizzo non ci resta che utilizzare il forno a microonde oppure il frigo e saranno pronte per preparare gustosissimi piatti.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Acquistare cozze di provenienza certa

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Ricette veloci con le cozze

Uno dei molluschi utilizzato spesso in cucina sono le cozze. Queste si possono cucinare in mille modi. Inventando anche ricette, che aiutano a variare l'alimentazione giornaliera. Le cozze risultano molto apprezzate e particolarmente versatili. Inoltre,...
Pesce

Come preparare le cozze gratinate al pesto di zucchine

Per un antipasto semplice e veloce, ma che sia nello stesso tempo gustoso ed, in modo particolare, sfizioso, ecco una ricetta da fare con le cozze (i frutti di mare risultano sempre amati in cucina). In questa particolare variante andremo a preparare...
Pesce

Come fare la frittata di cozze

Le cozze sono spesso sottovalutate: in molti, infatti, le considerano lo scarto del mare. La loro pulizia è abbastanza impegnativa e si impiega molto tempo per completarla al meglio. Sul loro guscio troviamo attaccate diverse sporcizie provenienti dagli...
Pesce

Come fare le cozze fritte

Quella delle cozze fritte, è una ricetta di origine Pugliese, proveniente probabilmente dalla provincia di Taranto, città famosa per la pesca e l'allevamento di cozze, considerate patrimonio gastronomico locale. È una ricetta gustosa e sfiziosa, che...
Pesce

Come preparare le cozze gratinate al pecorino

Il pesce è un ingrediente largamente utilizzato nella cucina italiana. Le cozze, in particolare, si prestano a numerose preparazioni. Una ricetta semplice e di grandissimo effetto è sicuramente quella che prevede la gratinatura delle cozze. Perfette...
Pesce

Ricetta: l'impepata di cozze

La ricetta dell'impepata di cozze è uno dei tanti piatti tipici della tradizione italiana diffuso soprattutto nel meridione ma anche molto gradito da tutti coloro che amano le cozze. È un piatto molto semplice da preparare poiché la ricetta originale...
Pesce

Ricetta delle cozze alla marinara

Se facessimo una lista con le pietanze più buone a base di mare, la ricetta che troveremmo certamente al primo posto sarà quella che vede come protagoniste le cozze alla marinara. Questo piatto assolutamente squisito, preparato principalmente nelle...
Pesce

Ricetta: zuppa di cozze allo zafferano

Per la loro economicità le cozze, questi frutti di mare gustosissimi, hanno un sicuro successo nella tavola degli italiani. Generalmente prima di cucinarle è indispensabile pulirle accuratamente. Solitamente le cozze che andiamo a comprare dal pescivendolo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.