Come pulire i crostacei

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se hai intenzione di preparare un buon pranzo a base di crostacei, ti consiglio di preferire l’acquisto di prodotti freschi, giacché sono più gustosi e pregiati, eviterai così l’acquisto di alimenti precotti o decongelati. Per riconoscere un crostaceo fresco ti basterà osservare la lucentezza e la trasparenza delle carni, infatti, quando questo tende a imbianchirsi ed ad opacizzarsi, vuol dire che è stato a patire il calore o è già passato il massimo del suo tempo di consumo. Adesso che hai imparato a sceglierli, devi anche sapere come fare per pulire in modo corretto i tuoi crostacei che dovrai poi cucinare e preparare.

27

Occorrente

  • forbici
  • schiaccianoci
  • pinzette
  • coltello
37

Per pulire gli scampi

Per pulire gli scampi, devi staccarne la testa dalla coda, taglia le antenne e le zampe e poi il carapace usando delle forbici ed estrarne la coda molto lentamente, facendo attenzione al budello intestinale e quindi a eliminarlo tutto. Invece per quanto riguarda i gamberoni procedi staccando la testa, elimina tutte le zampe e infine il carapace. In seguito incidi il dorso ed elimina l’intestino, questo procedimento può essere applicato per pulire tutti i crostacei di piccole dimensioni.

47

Pulire crostacei di grandi dimensioni

Per quanto riguarda quelli di grandi dimensioni, il procedimento è un po’ più complicato, poiché possono essere ancora vivi e quindi ti possono anche pizzicare con le chele, assicurati dunque che il negoziante le abbia bloccate con degli elastici. Come primo passo dovrai prendere il crostaceo ancora vivo e metterlo nella pentola per effettuare una cottura per ebollizione, in modo che la polpa al suo interno sia più facile da estrarre giacché più morbida. Se non vuoi che il tuo crostaceo perda la sua forma, ti conviene legarlo a un’asticella di legno. Sala l’acqua e premurati di condirlo con un mix di sedano, carota e cipolla, timo e prezzemolo e vino bianco. Ricorda di tagliare anche le antenne.

Continua la lettura
57

Per i carapaci

Una volta terminata la cottura aspetta che questo si raffreddi e procedi come per quelli piccoli, l’unica differenza sta nelle chele, che essendo ricche di polpa, devono essere rotte con l’aiuto di uno schiaccianoci. Se vuoi puoi anche fare a meno di togliere la polpa dal carapace, ma ti basterà aver cura di tagliare con la forbice il centro della parte inferiore del carapace del crostaceo con la forbice, in modo tale che i tuoi ospiti possano poi al momento del consumo, facilmente estrarne la polpa, e così gustarli. Adesso che hai imparato tutto procedi pure a preparare il tuo gustoso pranzo a base di crostacei.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Ricetta: spiedini di crostacei al sesamo

Esistono numerose ricette capaci di deliziare il nostro palato; esse vanno dalle più complesse, in cui è necessaria un'alta abilità di guida, a quelle molto semplici dove fanno strada soltanto gli ingredienti e i tempi di cottura. Adatti a tutte le...
Pesce

Come pulire le canocchie

Le canocchie (o come vengono comunemente chiamate "le cicale di mare") sono dei crostacei dal corpo allungato, che vivono nei fondi sabbiosi di fiumi e canali. Sono molto pregiate e si possono assaporare soprattutto nelle stagioni più fredde, come l'autunno...
Pesce

Come pulire e cucinare gli scampi

Gli scampi sono dei crostacei pregiati, caratterizzati da una forma allungata e dal colore bianco – rosato. Sono morfologicamente molto simili ai gamberi, rispetto ai quali vantano le chele. È nella coda che gli scampi conservano tutto il loro gusto,...
Pesce

Come pulire i gamberoni

Avete comprato dei buonissimi gamberoni e desiderate prepararli in qualsiasi maniera? Risulta davvero importante pulirli con molta accuratezza. Eseguire questa pulizia è abbastanza facile, anche per chi non sa cucinare. Esistono comunque delle semplici...
Pesce

Come pulire e cucinare le vongole

Le vongole sono uno dei frutti di mare più apprezzati a tavola, grazie al loro gusto molto particolare e la varietà delle ricette che le riguardano. Quando si cucinano le vongole, è fondamentale pulire in modo adeguato in modo da rimuovere tutta la...
Pesce

Come pulire e cucinare l’anguilla

Le anguille sono state considerate come creature misteriose fin dai tempi antichi, e numerose teorie sono state avanzate nel corso degli anni su come si riproducono e quali sono i loro movimenti. La loro esatta storia di vita è ancora un punto di discussione...
Pesce

Come pulire la sogliola

Oggi vogliamo proporre una guida molto utile che servirà a tutti coloro che amano stare in cucina e preparare dei piatti unici ed inimitabili, in particolar modo quelli che hanno come ingrediente principale il caro e tanto salutare pesce. Nello specifico,...
Pesce

Come pulire le alici

Le alici appartengono alla famiglia delle Engraulidae. Esse, presenti soprattutto nel Mar Mediterraneo, hanno un corpo fusiforme e possono raggiungere i 12 o 20 cm di lunghezza, riconoscibili dal tipico dorso azzurro-argentato e dal ventre bianco. Il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.