Come pulire i funghi rositi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Sono davvero tante le specie di funghi commestibili ma bisogna saperle distingure. Per l'acquisto di funghi affidatevi ad un esperto, ed evitate di andare per i monti a cercarne, è divertente ma sulla pericolosità dei funghi non si scherza. Questi miceti riescono ad esaltare qualsiasi piatto e possono essere consumati in diversi modi. Alcune varietà possono essere consumate anche a crudo, come gli champignon. In generale è sempre bene non consumare funghi in modo assiduo e dopo una adeguata bollitura; non esagerate nemmeno con le dosi. I funghi contengono carboidrati complessi come la chitina, che rallentano i processi digestivi, per questo vanno consumati con moderazione. Il Lactarius deliciosus, detto anche sanguinello, fungo dell'alpino e comunemente fungo rosito, è un fungo molto pregiato, rivalutato negli ultimi tempi, è sempre più presente anche nei menu dei ristoranti. Questa specie raggiunge un massimo di dodici centimetri di diametro. Prende il nome di rosito, proprio per il suo colore rosso/aranciato. Talvolta può presentare delle venature verdi. La sua consistenza è abbastanza solida e la sua polpa è anche essa di colore rosso. Tutti i funghi hanno bisogno di essere puliti, ma vediamo insieme come pulire i funghi rositi.

25

Consigliamo di consumare funghi di cui si conosce la provenienza e che siano stati reputati commestibili da in Ispettore Micologo. Quindi evitate di mangiare funghi che trovate nei boschi, a meno che non siate assolutamente certi della loro natura. Questo perché purtroppo molte specie di funghi sono velenosi, alcuni anche a livello mortale. Fatta questa doverosa precisazione consigliamo inoltre di consumare o cucinare i funghi dopo poco tempo dalla raccolta. Generalmente la conservazione dura due, massimo tre giorni.

35

I funghi rositi sono soliti crescere nell'alta vegetazione quindi potranno riportare delle sterpaglie sulla cappella che si sono inseriti quando questi sono cresciuti. È bene eliminare ogni residuo di questo tipo. I funghi in generale vanno puliti il meno possibile con l'acqua. Cerchiamoli di scuotere energicamente per far cadere i residui di terreno nelle radici e le spore. Adesso con un panno asciutto ripuliamo tutta la superficie. Se dovrai mangiarli al momento invece puoi usare un panno imbevuto.

Continua la lettura
45

Per pulire i vostri funghi rositi e prepararli alla cottura quindi recidete con l'aiuto di un coltello a lama liscia, la parte inferiore del gambo. Eliminerete così tutte le parti con residui di terra. Non eliminate le lamelle, tranne nel caso in cui siano invecchiate e poco sviluppate. Una volta puliti per bene, i vostri funghi saranno pronti per essere cucinati e consumati. Ricordatevi che per cucinarli, dovrete evitare tegami in alluminio, rame o ferro. E in ultimo, nel caso in cui vogliate conservare dei funghi già cotti, scegliete contenitori in vetro o porcellana.

55

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come fare il tocco di funghi

È arrivato l'Autunno e i funghi sono tra i prodotti più consumati tra quelli che ci offre questa stagione. Versatili in cucina, gustosi, profumati e facili da trovare. Tra i tanti piatti che ci permettono di realizzare, c'è anche il tocco di funghi....
Consigli di Cucina

5 sughi con i funghi

Uno dei prodotti più pregiati della cucina mediterranea sono i funghi. Qualunque sia la varietà e qualunque prezzo abbiano, una volta che sono nel piatto di portata, sarà difficile rimanerne delusi.Con i funghi ci sono tantissime ricette da proporre....
Consigli di Cucina

5 ricette per un menu vegan a base di funghi

I funghi sono ingredienti preziosi e spontanei che ci vengono regalati dalla natura. Ne esistono tantissime specie e possono essere preparati in svariati modi. Vengono spesso consumati non solo dalla cucina tradizionale, ma anche da quella vegana, dove...
Consigli di Cucina

5 modi per cucinare i funghi

I funghi costituiscono uno degli ingredienti base della cucina. Le tante varietà poi, permettono preparazioni davvero variegate. Specie nelle zone di collina, o comunque con molte aree verdi e boschi, i funghi porcini fanno da padroni. Ma anche i più...
Consigli di Cucina

Funghi porcini: 5 modi per conservarli per tutto l'anno

Il fungo porcino è considerato il fungo per eccellenza. Bello visivamente, saporito e profumato, questo delizioso vegetale è molto utilizzato in cucina. È, infatti, utile per preparare: risotti, primi piatti, contorni di carne o di pesce o per arricchire...
Consigli di Cucina

Come trifolare i funghi secchi

Con il verbo "trifolare" si indica un preciso procedimento gastronomico. Si tratta infatti di cuocere in padella degli alimenti, riducendoli a fette sottili e condendoli con aglio, olio e prezzemolo. Come ad esempio le melanzane o, più comunemente, i...
Consigli di Cucina

Bimby: Come fare la salsa ai funghi porcini

La salsa ai funghi porcini è un condimento estremamente appetitoso e delicato. È utile per condire un piatto di riso, o della pastasciutta. In alternativa, potete servirla come antipasto, spalmandola su croccanti crostini di pane casereccio. In questo...
Consigli di Cucina

Consigli per ammorbidire i funghi secchi

Se in un supermercato o in qualche sagra ci capita di acquistare dei funghi secchi, è ovvio che per cucinarli, è necessario farli ammorbidire, in modo da ricavarne tutto il loro sapore senza che diventino eccessivamente sminuzzati. A tale proposito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.