DonnaModerna

Come pulire le frattaglie

Tramite: O2O 16/08/2021
Difficoltà:media
19

Introduzione

Con il termine generico di ?frattaglie?, si intendono le interiora degli animali: dal cuore ai rognoni, dai fegatini alle animelle, trippa inclusa. Impiegate per dar sapore a brodi e consommé, soprattutto quelle di pollo e per dare sapidità a ripieni, farciture, terrine e paté, le frattaglie costituiscono l'ingrediente principale di gustose ricette e preparazioni culinarie, tipiche di varie regioni italiane e non solo. Nutrienti e saporite, presentano però l'inconveniente di suscitare una certa riluttanza per quanto riguarda la loro igienicità. In questa guida vediamo come pulire le frattaglie in maniera veloce ed efficiente. Ecco come occorre procedere.

29

Occorrente

  • Frattaglie
  • 2 cucchiai di aceto bianco
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • Coltello dalla lama sottile
  • Vecchio spazzolino da denti
  • Sacchetti per alimenti
39

Sciacquate le frattaglie

Le interiora crude possono contenere germi e batteri particolarmente resistenti, che sopravvivono alle basse temperature e possono svilupparsi anche all'interno del frigorifero, infettando gli altri alimenti contenuti. Per questa ragione, prima di essere impiegate in cucina, richiedono un'accurata pulizia e vanno sempre consumate freschissime. Anche le frattaglie che acquistiamo già pulite in macelleria, debbono comunque essere risciacquate e accuratamente pulite a casa, prima della cottura.

49

Fate bollire le interiora in acqua calda

Una pulizia scrupolosa, mirante innanzitutto a prevenire infezioni batteriche, implica un procedimento preliminare preciso. Innanzitutto occorre far bollire le interiora per 5 minuti prima di pulirle. Questo passo non incide sul loro sapore ed uccide i batteri, evitandone la diffusione. Vi ricordiamo di avere sempre le mani ben pulite dopo aver toccato le interiora e prima di venire in contatto con qualsiasi altra cosa. Mentre le frattaglie stanno bollendo, lavare tutti gli utensili da cucina impiegati con una soluzione a base di 1 cucchiaio di candeggina mescolato in 4 litri d'acqua. Se durante l'ebollizione in superficie dovesse formarsi una patina oleosa e spumosa, occorre prelevarla con una schiumarola ed eliminarla. Un metodo per attenuare il caratteristico sapore forte delle frattaglie, consiste nell'aggiungere 2 cucchiai di aceto bianco o succo di limone all'acqua in ebollizione.

Continua la lettura
59

Eliminate pellicine e membrane esterne

A questo punto dobbiamo lavare le interiora: l'operazione risulta piú agevole se eseguita in 2 lavabi: in uno separiamo le pellicine e laviamo le interiora sotto il getto d'acqua fredda corrente, nell'altro (che avremo previamente riempito con acqua pulita) depositiamo le frattaglie pulite. Ripetiamo il lavaggio almeno 3 volte o finché l'acqua non sará piú oleosa o fosca. Animelle, fegato, rognone solitamente vengono venduti provvisti della loro sottile membrana esterna o pellicina: per prelevarla con delicatezza possiamo impiegare un coltellino dalla lama sottile oppure indossare guanti in lattice e sfilarla con le dita. Oltre alle pellicine eliminiamo anche eventuali grumi di sangue, tessuti connettivi, nodi, specialmente presenti in cuore e cervella. Per pulire la trippa da eventuali residui di sporcizia possiamo anche avvalerci di un vecchio spazzolino da denti. Quando puliamo il fegato eliminiamo anche eventuali parti grasse e nervose, che in cottura lo renderebbero duro e saliamo solo una volta cotto. Per quanto riguarda il rognone non dimentichiamo di eliminare anche il grasso interno.

69

Utilizzate succo di limone e aceto bianco

Qualora non volessimo sottoporre le frattaglie al procedimento preliminare di cottura, per pulirle e sbiancarle immergiamole e lasciamole a bagno per almeno 30 minuti in acqua fredda con ½ bicchiere di succo di limone o aceto bianco. Trascorso il tempo dovremo risciacquarle accuratamente prima di cuocerle o riporle in appositi sacchetti e congelarle. In linea di massima le frattaglie necessitano di brevi tempi di cottura: minimi per quelle di vitello, leggermente piú lunghi quelle di manzo e maggiori per quelle di maiale. La trippa fa eccezione: piú cuoce piú diventa morbida ed assorbe i sapori.

79

Cucinate le frattaglie secondo i vostri gusti

Polmoni, cuore, fegato, animelle, cervella, trippa, milza, lingua, taione e rognone, rappresentano senza dubbio le frattaglie più comuni e conosciute, molto spesso utilizzate in cucina per la preparazione di piatti davvero succulenti. Ma esistono anche parti che non sono interne e vengono comunque annoverate fra le frattaglie, come ad esempio la testina, la coda e le zampe. Tutte queste parti, è possibile cucinarle in molti modi differenti. E così, le frattaglie possono essere cotte in umido come si fa per uno spezzatino, oppure possono essere bollite e presentate in tavola ben calde all'interno di un buon brodo, oppure ancora servite fredde in insalata, condite con della coloratissima salsa di pomodoro, ma anche fritte, servite nei panini per un pranzo davvero all'insegna del sapore e dell'originalità. Molto spesso le frattaglie vengono preparate in modi che eliminano già inizialmente tutte le impurità. A tal proposito, c'è da dire che la milza fritta in olio bollente o la testina bollita in acqua per un?ora, risultano sempre già purificate. Anche in questo caso, tuttavia, è sempre buona norma sbianchire prima, sciacquando e cucinando a parte questi alimenti ricchi di sapore, senza mai rischiare nulla.

89

Guarda il video

99

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come pulire le alici sotto sale

Sin dall'antichità per conservare gli alimenti viene utilizzato il sale. La salatura è adatta soprattutto alla conservazione di carne e pesce. Questa tecnica si usa ancora oggi prettamente per il pesce, in particolare merluzzo e alici o acciughe. In...
Consigli di Cucina

Come pulire e tagliare facilmente la zucca

Uno degli ortaggi autunnali tra i più versatili ed apprezzati è la zucca. Quest'ultima è l'ingrediente principale di molte ricette sia dolci che salate. Ogni regione italiana ha il suo modo peculiare di cuocerla. Inoltre si presta bene sia a pranzo che...
Consigli di Cucina

Come pulire i funghi rositi

Sono davvero tante le specie di funghi commestibili ma bisogna saperle distingure. Per l'acquisto di funghi affidatevi ad un esperto, ed evitate di andare per i monti a cercarne, è divertente ma sulla pericolosità dei funghi non si scherza. Questi miceti...
Consigli di Cucina

Come pulire le cicorie

La cicoria è una pianta erbacea commestibile, che si caratterizza per essere piuttosto simile alle bietole, anche se, probabilmente, risulta avere al palato un gusto un po’ più amaro. Assai ricca di sostanze benefiche, come le vitamine e i sali minerali,...
Consigli di Cucina

Come pulire i peperoni

I peperoni sono un alimento molto presente sulle tavole italiane, specialmente nel periodo estivo, poiché si sposano perfettamente con diverse ricette e hanno un alto valore nutrizionale.Per fare il pieno di quest'ultimo è indispensabile consumarli crudi...
Consigli di Cucina

Come pulire i cardi facilmente

Il cardo è un ortaggio invernale simile al sedano, dunque dalla consistenza dura e filamentosa, ma che appartiene alla stessa famiglia del carciofo. Già gli antichi Egizi e i Greci tessevano le lodi del cardo, culinarie e non. Oggi il cardo è poco utilizzato...
Consigli di Cucina

Come usare la farina di riso

La farina di riso gode di tutte le proprietà nutritive dell'alimento da cui deriva: il riso. Nella cucina orientale viene utilizzata prevalentemente per la preparazione di biscotti secchi, cracker e gallette. Rispetto ad altre tipologie di farina, possiede...
Consigli di Cucina

10 piatti tipici della cucina milanese

L'Italia è uno dei paesi, se non il paese, in cui si mangia meglio al mondo. Ogni regione, ogni provincia e spesso anche ogni singolo borgo vanta una o più specialità gastronomiche e Milano non fa certo eccezione.Accanto alle sfilate di moda e ai ristoranti...