Come realizzare i dorayaki

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
Come realizzare i dorayaki
15

Introduzione

I dorayaki sono dolci giapponesi che vantano una lunghissima tradizione. Si prestano a tantissime farciture, che regalano ogni volta sapori diversi. Miele, cioccolato e marmellata sono solo alcuni esempi. Qui vedremo come realizzare i dorayaki alla crema di cioccolato. La preparazione è abbastanza semplice e veloce.

25

Occorrente

  • 2 uova
  • 50 gr di zucchero
  • 100 gr di farina 00
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 100 gr di nutella
35

Come realizzare i dorayaki? Per prima cosa, mettete tutto ciò che vi occorre sul piano di lavoro. Prendete una terrina piuttosto capiente. Rompete le uova e mettetele nella ciotola. Aggiungete lo zucchero. Mescolate con un cucchiaio di legno. Successivamente, amalgamate alla perfezione con una frusta elettrica. Versate poi la farina, poco per volta. Passate ancora la frusta. Dovrete ottenere un composto liquido e privo di grumi, simile ad una pastella. A questo punto, incorporate il miele, meglio se di acacia. In una tazza a parte, sciogliete il lievito in polvere nell'acqua. Mescolate e unite il lievito al resto degli ingredienti.

45

Coprite la ciotola con un foglio di pellicola trasparente. Trasferite il tutto nel frigorifero. L'impasto per i dorayaki dovrà riposare al freddo per almeno trenta minuti. A tempo debito, scaldate una padella antiaderente. Prendete l'impasto e versatelo nella padella. Cercate di non disperdere e di non allargare l'impasto. Le cialde si formeranno da sole con l'azione del calore. Quando compariranno le prime bollicine, dividete la pastella in tante sezioni. Cuocete per circa trenta secondi, senza girare. Successivamente, voltate le cialde dorayaki dall'altra parte. Proseguite la cottura da questo lato per altri trenta secondi. Come vedete, i dorayaki inizieranno a prendere la caratteristica doratura.

Continua la lettura
55

Prendete ad uno ad uno i dorayaki. Per non scottarvi, utilizzate le apposite pinze da cucina. Adagiate le frittelle sul piano di portata. Attendete che si intiepidiscano. Prendete poi la crema al ciccolato. Stendetene uno strato uniforme sulla cialda più chiara. Chiudete il dorayaki con un altro dischetto. Come vedete, preparare i dorayaki è abbastanza semplice. Il segreto è cuocere le cialde senza bruciarle, in maniera uniforme. Per addolcire ancora di più, cospargete i dolcetti con un po' di zucchero a velo. In alternativa, saranno buonissimi con della granella di nocciola o della frutta secca spezzettata. Conservate più a lungo i dorayaki mettendoli in frigorifero, coperti dalla carta stagnola. Ricordatevi però di estrarli dal frigo almeno venti minuti prima di consumarli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

5 ricette dal sapore etnico per stupire gli amici

La cucina etnica ha fatto capolino nel mondo Occidentale, riscuotendo un grande successo grazie alla varietà di profumi, sapori e colori. La preparazione dei piatti etnici è, molto spesso, legata alla miscela di spezie variegate, affascinanti all'aspetto...
Cucina Etnica

I dolci tradizionali giapponesi

La pasticceria tradizionale giapponese, detta Wagashi, si basa sulla creazione di dolci esteticamente perfetti e poco calorici. Quello che stupisce dei dessert nipponici è la forma, curata minuziosamente, la consistenza, diversa rispetto alla tradizione...
Cucina Etnica

Ricetta: sashimi di dentice

Il sashimi è una prelibatezza giapponese composta da carne cruda molto fresca o pesce tagliato a pezzi sottili. Questa prelibatezza giapponese deliziosamente semplice ma elegante è composta esclusivamente da pesce crudo molto fresco, nella nostra ricetta...
Cucina Etnica

Come usare il porro in cucina

Il mondo della cucina è sicuramente per chi piace un mondo molto bello ed appassionante. La cucina italiana, è infatti considerata da molti una della migliori al mondo se non la migliore. Innumerevoli infatti sono i piatti che possiamo realizzare, utilizzando...
Cucina Etnica

Come preparare gli involtini primavera

Gli involtini primavera costituiscono un piatto tipicamente orientale ma estremamente diffuso anche in Occidente negli ultimi tempi. Essi rappresentano una ricetta molto semplice da realizzare che non impiega troppo tempo e che può essere preparata anche...
Cucina Etnica

Moussaka turca

La Moussaka è un primo piatto tipico della tradizione greca, balcanica e mediorientale, facile da realizzare e molto saporoso.La versione più nota e maggiormente conosciuta è quella greca, infatti la Moussaka greca è proprio il piatto tipico e tradizionale...
Cucina Etnica

Quindim brasiliani: la ricetta originale

Il quindim è un dessert tipico del Brasile, molto leggero e saporito. È un dolce dall'aspetto simile al budino, con un ripieno morbido e va servito freddo. Il quindim è tra i dolci più facili e veloci da realizzare e anche tra quelli che richiedono...
Cucina Etnica

Come fare l'insalata di avocado e pesce affumicato

Se siete qui vi starete chiedendo come fare l'insalata di avocado e pesce affumicato. Che dire, siete proprio nel posto giusto al momento giusto. Infatti, vi andrò a spiegare proprio come realizzare l'insalata di avocado e pesce affumicato. Il tutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.