Come riattivare il lievito naturale vecchio

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Lo scopo principale del lievito, è di fungere da catalizzatore nel processo di fermentazione di un impasto, oltre a quello di alimentare gli zuccheri presenti nella farina ed espellere l'anidride carbonica durante il processo di lievitazione. Il lievito può essere di tre tipi: regolare, secco ed istantaneo. Il lievito secco è composto da particelle più grandi rispetto al lievito istantaneo. Nella maggior parte dei casi, a prima vista non ha un bell'aspetto, ma non demordete: il lievito è duro a morire, e con alcuni trucchetti, è possibile utilizzarlo. A tal proposito, nei passi a seguire, vi illustrerò come riattivare il lievito naturale vecchio.

27

Occorrente

  • 100 gr di lievito
  • 100 gr di farina
  • 45 ml di acqua tiepida
37

Impastare il lievito

Anzitutto, se il lievito ha formato dell'acqua sul fondo, scolatelo nel lavandino, stando attenti a non farlo cadere. Una cosa molto importante da fare, sarà quella di eliminare il primo strato del lievito utilizzando una spatola, per poi gettarlo via. Al lievito rimanente aggiungete poi la farina e l'acqua. Una raccomandazione: l'acqua dovrà essere tiepida, con una temperatura di 25-30 gradi. Adesso, impastate il lievito con la farina e coprite con un coperchio o, meglio ancora con uno strofinaccio, quindi tenete al caldo. Ad esempio, potrete lasciare l'impasto nel forno, per almeno 6 ore. Trascorso tale tempo, tirate fuori l'impasto, rimpastatelo per far riattivare il lievito ulteriormente e rimettetelo al caldo per altre 6 ore.

47

Rinfrescare l'impasto

Questo procedimento dovrà essere seguito fino a quando il lievito non sarà in grado di aumentare almeno il doppio del suo volume, nell'arco di 3 ore e non più di 6 ore. Il lievito così ottenuto, andrà posto in un barattolo di vetro chiuso con un coperchio e riposto in frigorifero. Per riequilibrare bene la fermentazione, la prima settimana il lievito andrà rinfrescato quasi tutti i giorni. Naturalmente, andrà preso solo una parte dell'impasto da rinfrescare, ad esempio: su 1 kg di impasto solo 1 etto, altrimenti, se ogni giorno aggiungerete la farina, vi ritroverete a fine settimana sommersi dal lievito.

Continua la lettura
57

Congelare il lievito

Con il trascorrere del tempo, sarà possibile riattivare il lievito anche una volta, ogni due settimane. Il bello del lievito naturale è che non scade mai quindi, se sarete in grado di mantenerlo, potrà durare mesi o addirittura anni. Se dovrete partire per un periodo lungo, di certo non potrete occuparvi del vostro lievito. Tuttavia, esiste anche l'opzione del congelamento: mettete il lievito in un sacchetto e lasciatelo in freezer poi, quando ne avrete bisogno, fatelo scongelare e riattivatelo come descritto sopra.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare una torta senza lievito

Qualche intolleranza alimentare non permetterà di rinunciare al gusto dei piatti preferiti. Anche chi ama i dolci ed è intollerante al lievito potrà ugualmente assaporare tutta la fragranza e la dolcezza di una torta senza lievito. Godendo contestualmente...
Dolci

Come fare una torta al cioccolato senza lievito

Il lievito contribuisce alla realizzazione di dolci alti, soffici e spumosi, ma non è indispensabile. Gli intolleranti a questo ingrediente possono seguire alcuni accorgimenti per ottenere, in ogni caso, un ottimo prodotto. Tra i consigli utili, l'uso...
Dolci

Ricetta: treccia dolce con lievito madre

La merenda fatta in casa, si sa, è l'ideale per i nostri bimbi. Ma anche per noi può essere estremamente gradevole fare colazione con un dolce fatto in casa. Quando realizziamo ricette con le nostre mani la soddisfazione aumenta insieme alla sazietà....
Dolci

Pancake proteici senza lievito

I pancake sono dolci tipici americani e assomigliano moltissimo a delle frittelle. Tutti gli ingredienti sono leggeri e sani, da abbinare a miele, marmellata o a una crema di nocciole, e da accompagnare a una tazza di tè o di latte di vegetale. In questa...
Dolci

Pan di spagna con il lievito

Il Pan di Spagna, originariamente chiamato "Pâte Génoise", è un dolce inventato dal cuoco genovese Giovan Battista Cabona intorno al 1700. Il suo nome attuale si deve al fatto che il cuoco presentò questa pasta soffice e leggerissima alla corte del...
Dolci

Come fare una crema naturale allo yogurt

All'interno della guida che andremo a sviluppare nei passi che seguiranno, andremo a occuparci di creme. Come avrete potuto sicuramente notare attraverso la lettura del titolo che accompagna la nostra guida, ora andremo a spiegarvi Come fare una crema...
Dolci

Come fare la conserva di carote al naturale

Il periodo primaverile, così come quello estivo, è sicuramente il momento migliore per realizzare una deliziosa conserva, che sia di frutta, di verdura o di legumi. Ogni occasione è valida per mettere da parte le primizie per l’inverno, quando purtroppo...
Dolci

Come fare i cookies vegan

La ricetta dei cookies vegan è un ottimo compromesso per chi vuole stare attento alla propria alimentazione e tenersi in forma, senza però rinunciare al gusto. I cookies sono dei golosi biscotti di origine americana, dalla forma rotonda e guarniti con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.