Come riconoscere i tartufi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il tartufo può essere considerato come un fungo di tipo ipogeo, il cui ciclo di vita inizia sotto terra. Generalmente cresce vicino agli alberi o nei pressi degli arbusti, per cui è facile trovarlo in prossimità delle querce o delle larici. Si conoscono quattro tipologie di tartufo: tartufo bianco e nero pregiato, tartufo nero estivo e tartufo bianchetto. Naturalmente per chi vive in montagna e si diletta spesso ad andare a caccia di questo prelibato quanto costoso tartufo, non troverà certamente difficoltà nel saperlo distinguere. Tuttavia, l'articolo a seguire saprà fornirvi degli utili consigli su come riconoscere i tartufi.

25

Il tartufo nero pregiato si sviluppa su terreni sedimentari

Il tartufo nero estivo si presenta di un colore giallo-nocciola e raggiunge la piena maturazione in estate. La sua forma è tuberosa ed è costituita da alcune cavità, mentre la sua dimensione può raggiungere diametri di circa cinque centimetri. In alcuni casi è possibile trovarne alcuni esemplari più grandi anche di un uovo e si sviluppa per lo più in terreni pieni di calcio e magnesio. Il tartufo nero pregiato, noto anche come Tuber melanosporum, ha una forma tondeggiante e si trova in diverse dimensioni. Per lo più cresce e si sviluppa su terreni sedimentari come quelli calcarei. Il periodo nel quale inizia a svilupparsi è Settembre per poi maturare in Inverno, a Dicembre, fino ad arrivare a Marzo.

35

Il tartufo bianco pregiato cresce nel terreno argilloso

Il tartufo bianco pregiato, noto anche come Tuber magatum, è diffuso soprattutto nella zona di Alba, famosa per la tradizionale fiera del tartufo bianco. Oltre che in questa zona è possibile trovarne in quantità significativa anche in Umbria e a Urbino. Questo tipo di tartufo cresce nel terreno argilloso attraversato dai corsi d’acqua e si trova interrato a profondità che variano da alcuni centimetri fino ad arrivare a circa mezzo metro. Si presenta con una forma irregolare e un colore ocra che con l’avanzare degli anni tende al grigiastro con macchie rosse. Il periodo nel quale cresce varia dall'autunno all'inverno e tra i tartufi commestibili è il più pregiato, quindi anche il più ricercato e costoso.

Continua la lettura
45

Il tartufo bianchetto nasce in terreni sabbiosi

L’ultimo tipo di tartufo prende il nome di tartufo bianchetto, detto anche Tuber borchii. Esso è poco pregiato e nasce in terreni sabbiosi nel periodo che intercorre tra Gennaio e Marzo. Gli esemplari più grandi sono spesso venduti insieme al tartufo bianco più pregiato. Per riconoscere il tartufo bianchetto ed evitare di essere frodati, si deve fare affidamento all'olfatto, poiché questa tipologia di tartufo ha un odore meno forte e gradevole di quello bianco, pregiato e più costoso.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per riconoscere il tartufo bianchetto ed evitare di essere frodati, si deve fare affidamento all'olfatto, poiché questa tipologia di tartufo ha un odore meno forte e gradevole di quello bianco, pregiato e più costoso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Frittata coi tartufi: la ricetta classica

Il tartufo, si sa, è uno degli alimenti più pregiati. Che sia bianco o nero, il profumo e il sapore sono assolutamente inconfondibili. Si sposa alla perfezione con qualsiasi pietanza, anche la più semplice. Qui vedremo infatti come realizzare la ricetta...
Antipasti

Come fare il paté di tartufi

Come tutti sanno il tartufo è un alimento molto pregiato, che ha un elevato costo e che deve essere utilizzato nella maniera corretta per non essere sprecato e per essere gustato al meglio. Molte sono le ricette che prevedono l'utilizzo del tartufo e...
Antipasti

Come riconoscere la qualità di un salume

La tradizione gastronomica italiana vanta una gran varietà di salumi pregiati e rinomati. Si distinguono per provenienza regionale e per metodo di lavorazione. Alcuni, come lo Speck Alto Adige o il Prosciutto San Daniele, hanno fama mondiale e marchi...
Antipasti

I migliori formaggi da fare alla piastra

Esistono molti tipi di formaggio e sono talmente tanti che elencarli risulta difficile. Ce ne sono di duri, e semiduri, molli, a pasta cotta e non cotta. Inoltre, possono avere una durata molto lunga e altri che vanno consumati entro breve tempo. Scegliere...
Antipasti

Canestrino di pamigiano con uovo al tartufo

Il canestrino di pamigiano con uovo al tartufo rappresenta una ricetta di cucina speciale e interessante da preparare, che prende spunto dalla Regione Umbria.Il parmigiano è un formaggio stagionato molto utilizzato in tavola e accompagna soprattutto...
Antipasti

Come fare la frittura di verdure

Le verdure spesso non piacciono ai bambini e anche i grandi le mangiano a fatica. Esiste però un modo di cucinarle che senza dubbio metterà tutti d'accordo, la frittura. Certamente con la frittura la maggior parte delle proprietà benefiche di questi...
Antipasti

Come preparare la crema di piselli alla panna acida

La crema di piselli alla panna acida è un piatto molto economico e semplice da preparare. Potete realizzarlo adoperando sia piselli freschi che surgelati a seconda di quello che avete a disposizione. Il gusto acidulo della panna si sposa alla perfezione...
Antipasti

Come preparare i bicchierini con crema di tartufo e noci

Il finger food è un nuovo termine per definire l'aperitivo a buffet, in pratica è tutto quello che viene consumato in piedi con le mani. Un metodo, soprattutto pratico, veloce e scenografico per allestire aperitivi e buffet con preparazioni particolari,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.