Come riconoscere l'aragosta fresca

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La scelta dell’aragosta, e dei crostacei in generale, non è un elemento da sottovalutare. Bisogna porre estrema attenzione alla freschezza del prodotto, così da ottenere piatti succulenti e gustosi. Spesso, l’aragosta arriva nelle pescherie ancora viva. Non sempre, però, questa caratteristica ne assicura la freschezza. Se il crostaceo proviene da una lunga permanenza nel vivaio, la carne presenterà una consistenza fibrosa e poco gradevole. Come comportarsi? Semplice. Nei passi che seguono, vi forniremo alcuni validi consigli per riconoscere un’aragosta fresca.

27

Occorrente

  • Esaminare il colore del guscio e delle carni
  • Analizzare l’odore dell’aragosta
  • Controllare la consistenza della polpa
37

CONTROLLARNE IL COLORE.
Per riconoscere se l’aragosta è fresca, dovete innanzitutto controllare il colore del guscio. Il carapace deve avere un aspetto vivido e brillante. Se notate delle macchie scure sul dorso, evitatene l’acquisto. Sono indice di un prodotto vecchio e poco raccomandabile. Gli occhi devono risultare umidi e gonfi, con una pupilla bruna ed intensa. Infine, esaminatene anche le carni. Devono avere una colorazione bianca, tendente al rosato.

47

ESAMINARNE L'ODORE.
Il profumo è uno degli elementi essenziali per riconoscere la freschezza dell’aragosta. Avvicinando il crostaceo al naso, dovrete percepire un gradevole odore dolciastro. Se sentirete un’esalazione pungente, con un vago sentore di ammoniaca, l’aragosta non è fresca.
Sulla scelta dell’aragosta, vi consigliamo di optare per un esemplare femmina. Presenta una polpa molto più consistente e delicata, ideale per qualsiasi preparazione culinaria. Potrete riconoscerla, esaminandone accuratamente l’addome. L’aragosta femmina ha una duplice fila di pinne, necessarie per proteggere e trattenere le uova.

Continua la lettura
57

VERIFICARNE LA CONSISTENZA.
Un’altro fattore per riconoscere se l’aragosta è fresca consiste nell’esaminarne la compattezza delle carni. Prendetela in mano e constatatene il movimento. L’aragosta deve essere viva al momento dell’acquisto. In questo modo eviterete seri problemi di salute. La carne deve risultare turgida al tatto. L'addome deve essere sodo, non molle e cedevole. Optate per esemplari di piccole dimensioni. Presentano una polpa molto più saporita e delicata.
Vi consigliamo di consumare l’aragosta entro poche ore dall’acquisto. In questo modo, riuscirete a mantenerne inalterate le caratteristiche organolettiche. Potete, comunque, conservarla in frigorifero per 24 ore. L’importante è proteggerla accuratamente con la pellicola per alimenti.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se desiderate congelare l’aragosta, eliminate prima il budello intestinale e privatela della testa. Sciacquatela accuratamente sotto acqua corrente e riponetela negli appositi sacchetti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Come preparare l'aragosta in camicia

L'aragosta è un pregiato crostaceo diffuso nel mar Mediterraneo e nell'oceano Atlantico orientale. Delicata, prelibata, addirittura afrodisiaca, l'aragosta viene impiegata in molte ricette raffinate per la qualità della sua polpa dal sapore inimitabile....
Primi Piatti

Come fare il ragù di aragosta

L'aragosta è un pregiato e delicato crostaceo, che solitamente viene consumato in occasioni speciali, per via del suo costo elevato. È uno dei crostacei più ricchi di proteine e di sali minerali. L'aragosta viene cucinata in svariati modi. Con la sua...
Pesce

Come preparare l'aragosta alla greca

La Grecia ha una antichissima tradizione culinaria. La cucina greca utilizza totalmente prodotti del Mediterraneo, dalle verdure al pesce. Tra i crostacei troviamo l'aragosta, la protagonista di uno dei piatti più famosi e richiesti della tradizione...
Pesce

Come preparare le polpette di aragosta

All'interno di questa guida, andremo a parlare di cucina. Nello specifico, andremo ad occuparci di polpette di aragosta. Cercheremo di rispondere a questa domanda: come si devono preparare le polpette di aragosta? Vedremo la procedura ed anche alcuni...
Pesce

Come cucinare l'aragosta in salsa

L'aragosta è un gustosissimo crostaceo definito "nobile" per il sapore dolce e delicato della sua polpa. Inoltre, è prodotto di pregio e di un certo costo. Nella nostra ricetta vedremo come cucinare l'aragosta nel più semplice dei modi. La salsa rouille,...
Pesce

Linguine all'aragosta

Se volete stupire i vostri commensali con una ricetta sfiziosa, genuina e di facile preparazione vi proponiamo un primo piatto a base di pesce: le linguine all'aragosta. Questa ricetta, nonostante quello che potete pensare, è molto semplice anche se...
Primi Piatti

Come preparare i medaglioni di aragosta allo zabaione

Gentili lettori, nella guida che prenderemo in esame parleremo di ricette e, entrando più nel dettaglio ci occuperemo di capire come preparare i medaglioni di aragosta allo zabaione.Cercheremo di offrirvi una guida che vi accompagni passo dopo passo...
Primi Piatti

Ricetta: crema di aragosta

Se dovete preparare una cena molto importante e volete sbalordire i vostri ospiti con un piatto davvero prelibato e nello stesso tempo semplice da preparare, dovrete necessariamente scegliere di preparare una ricetta a base di pesce. Uno dei pesci più...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.