Come riconoscere le ostriche fresche

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

L’ostrica è un mollusco vivente nei fondali della costa, il quale si trova all'interno di una conchiglia grigia con sfumature grigio/viola. Essa ha una forma tondeggiante e presenta due valve unite fra loro da una sorta di cerniera. La superficie esterna del guscio dell'ostrica è piuttosto rugosa ed irregolare. La superficie interna risulta invece liscia, biancastra e composta da uno strato di materiale madreperlaceo. Come dimensioni l'ostrica non supera generalmente i "10 cm", ma talvolta può raggiungere anche un diametro di "15 cm". Esistono numerose tipologie e qualità di ostriche, ma l'elemento comune riguarda il fatto che vanno servite fresche con la conchiglia chiusa. Le ostriche aperte non sono freschissime e possono causare avvelenamenti molto dannosi per l'organismo umano. Dopo la descrizione generale di questi molluschi, bisogna anche sapere come riconoscere le ostriche fresche. Nel seguente tutorial sul mondo del pesce vediamo dunque tutte le indicazioni possibili rilevanti al riguardo.

28

Occorrente

  • Ostriche in confezioni sigillate
  • Rispetto delle regole di vendita e distribuzione
38

Origine delle ostriche

Innanzitutto è necessario sapere che questo eccellente prodotto del mare viene solitamente servito quando è ancora giovane come antipasto, insieme al succo di limone. Di conseguenza non dobbiamo assolutamente fidarci delle ostriche vendute sfuse. Questo perché non c'è alcuna indicazione relativa alla provenienza di tali molluschi, dunque esiste il rischio che provengano da acque inquinate. Per avere la certezza sulla freschezza e sull'origine delle ostriche, ci conviene acquistarle soltanto in confezioni sigillate. Quest'ultime riportano ogni corretta indicazione per assicurare la qualità del prodotto marino al consumatore, inclusa la data di raccolta.

48

Guscio integro

Per verificare se le ostriche sono fresche, è necessario che reagiscano alla percussione e manifestino una specifica resistenza all'apertura. La loro conchiglia deve presentarsi integra, non avere tracce di sporco e racchiudere una buona quantità di liquido intervalvare. Il frutto delle ostriche deve risultare ben idratato, sodo, aderente alla valva e provvisto di un odore salmastro gradevole. Esistono comunque delle regole severe che impongono essenzialmente due obblighi. Vendere questi molluschi ancora vivi e distribuirli soltanto in confezioni provenienti dagli stabilimenti autorizzati.

Continua la lettura
58

Forma e confezione delle ostriche

Le ostriche tonde hanno un sapore ed una qualità maggiore rispetto alle ostriche dalla forma allungata. In ogni caso però dobbiamo verificare se la confezione ha la fascetta o il cartellino dove vengono riportate le informazioni da conoscere sempre. Facciamo questo controllo soprattutto qualora non volessimo acquistare il sacchetto intero. L'ultima verifica riguardante la freschezza di questi molluschi va fatta al momento in cui viene aperto il loro guscio. Qualora ci fosse una loro piccola reazione al nostro tocco, abbiamo la sicurezza che le ostriche sono fresche. Ecco dunque come riconoscere la bontà di questo eccellente prodotto del mare. Dovete ricordare che esistono almeno otto diverse specie e razze di ostriche, alcune molto prelibate altre meno.

68

I trucchi in pescheria

Esistono alcuni trucchi per capire se le ostriche sono fresche già al banco della pescheria al momento dell'acquisto. Notare le striature grigio e rosa sul guscio mentre le parti bianche luccicano allora è il primo vero segnale che quel prodotto è davvero fresco. Un altro trucchetto per verificare la freschezza del mollusco è quello di controllare le valve: devono essere chiuse e combaciare perfettamente tra di loro. Se le due valve distano anche di poco spazio, sono staccate di pochi millimetri significa che il mollusco è morto. In questo caso ingerire l'ostrica potrebbe causare infezioni e l'attacco di batteri. Infine un altro sistema da veri intenditori è quello di "ascoltare" il suono dell'ostrica. Se battiamo l'unghia sul guscio ed il rumore è "sordo" allora è fresca. Al contrario se battendo l'unghia il rumore è "cavo", ovvero da il senso di vuoto.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per sgusciare più facilmente le ostriche, metterle in frigorifero per 15-20 minuti.
  • Acquistare soltanto le ostriche vendute all'interno di confezioni sigillate.
  • Rispettare tutte le norme esistenti relative alla distribuzione e vendita delle ostriche.
  • Verificare la freschezza delle ostriche toccandole quando si apre il loro guscio: se hanno una lieve reazione, vuol dire che sono fresche.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Come cucinare le ostriche

Le ostriche sono da sempre considerate i molluschi più nobili del mare e per questo motivo si consumano in grande quantità soprattutto in occasione di sontuosi banchetti. Per cuocerle non è difficile, ma per prepararle in modo gustoso, è necessario...
Pesce

6 modi di preparare le ostriche

All'interno di questa guida, andremo a parlare di cucina. Nello specifico, ci dedicheremo ad un piatto di mare molto prelibato: le ostriche. Andremo a vedere passo passo 6 modi differenti per poter preparare le ostriche. Buona lettura. Le ostriche sono...
Pesce

Ricetta: alici fresche al limone

Tra le tante ricette della cucina mediterranea, una delle più interessanti è quella delle alici fresche al limone. Sono una portata leggera e facilmente digeribile. Sono perfette da presentare come antipasto per una ricorrenza particolare. Potete servirle...
Pesce

Ricetta: spaghetti alle alici fresche

Gli spaghetti alle alici fresche sono un primo piatto veloce e semplice da preparare. Vi consiglio vivamente la lettura di ulteriori informazioni riguardanti la preparazione di questa ricetta, al fine di cogliere altre particolarità, che potrebbero...
Pesce

Come preparare la sogliola al cartoccio alle erbe aromatiche fresche

Se siete alla ricerca di un piatto gustoso, leggero ma ricco di sapore, ecco a voi la sogliola al cartoccio alle erbe aromatiche. Si tratta di una specialità molto semplice da preparare e anche i meno esperti in cucina sapranno ottenere un risultato...
Pesce

Come riconoscere l'aragosta fresca

La scelta dell’aragosta, e dei crostacei in generale, non è un elemento da sottovalutare. Bisogna porre estrema attenzione alla freschezza del prodotto, così da ottenere piatti succulenti e gustosi. Spesso, l’aragosta arriva nelle pescherie ancora...
Pesce

Come riconoscere gli scampi freschi

Sapere riconoscere la freschezza degli alimenti che acquistiamo è fondamentale, ancora di più se si tratta di pesce. Quando passa troppo tempo tra la pesca e il consumo, infatti, i batteri si moltiplicano costituendo un serio pericolo per la nostra...
Pesce

Come riconoscere i calamari freschi

La cucina di mare oggi ha diffuso nuove ricette, anche grazie al web ed ai programmi televisivi, la diffusione di ristoranti etnici e la propensione di tornare dai viaggi arricchiti anche da esperienze gastronomiche. Un capitolo importante in questa direzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.