Come riconoscere un caffè di qualità

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il caffè non è una semplice bevanda. Fa parte della tradizione di moltissimi luoghi, nonché scandisce le sue abitudini alimentari. È ormai parte della cultura pop e diffuso in ogni angolo del mondo. Lo si consuma in vari momenti della giornata e per molteplici scopi. Ne esistono tante tipologie, ma solo 4 sono conosciute e importate ovunque (Arabica, Robusta, Excelsa e Liberica). Di solito, gli esperti e i curatori partono dal chicco crudo per l'analisi qualitativa. Lo spezzano, lo tastano e ne percepiscono l'odore che emana. Poi si passa in torrefazione per la tostatura, fase fondamentale. Se essa fosse sbagliata, alla fine avremmo un caffè pessimo e fuori standard. Arriva a noi nelle confezioni da preparare in casa, ma anche in cialde utilizzate dai bar. Come riconoscere un caffè di qualità è un passo importante per gustarlo al meglio.

24

Per prima cosa si analizzi l'aspetto. Un buon caffè e di qualità si riconosce dalla miscela. Per prima cosa, guardiamo semplicemente nella tazza. L'aspetto del caffè ci dirà molto sulla sua pregevolezza.. La crema deve essere ben densa ma non pastosa, ed alta non più di 2-3 millimetri. Essa deve permettere allo zucchero versato di scendere lentamente, per poi ricomporsi. Il colore giusto è il nocciola, dai riflessi rossicci e delle striature chiare. Qualora sia tendente al grigio, la percentuale di "Robusta" è maggiore rispetto alla normale "Arabica". In questo caso il caffè risulta più deciso e amaro, astringente e dal gusto più forte. Se si trova sul bianco, sicuramente è stata impiegata una scarsa quantità di polvere. In più si è forse usata una macinatura grossa e una pressatura nel porta filtri troppo leggera. Nel caso di una gradazione nera, si è dinnanzi a fenomeni contrari ai precedenti. L'estrazione è infatti stata eccessiva.

34

Adesso è il momento di curarsi di odori e sapori. Avvicinando la tazzina al naso, gli aromi saranno di tostatura. Questa è la prima sensazione in assoluto, dovuta alla trasformazione degli zuccheri nella fase della torrefazione. In più si sentirà profumo di cioccolato, vaniglia e frutta. In particolare nei caffè pregiati e di ottima fattura si sente anche uno splendido profumo di agrumi. Questo testimonia una primissima qualità. Al primo assaggio, si evidenziano tre gusti differenti. Si tratta del dolce, l'amaro e l'acido. Essi si associano successivamente alla morbidezza, all'astringenza, al calore, alla densità, alla corposità e alla persistenza sul palato.

Continua la lettura
44

Infine ci curiamo della macinatura. Un caffè di qualità prevede una macinatura media. Nel caso di una grana troppo fine, infatti, il risultato sarà acquoso e leggero. Nel caso contrario, invece, la bevanda risulterà amara e bruciata. Bisogna inoltre evitare di pressare eccessivamente la polvere nei filtri. Questo rende possibile ottenere un prodotto corposo e denso. I chicchi vanno conservati in speciali barattoli di latta pressurizzati. Consentono di mantenerne l'aroma. Se già in polvere, va invece imballato in confezioni sottovuoto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come preparare il caffè nero americano

È ormai risaputo che il caffè è una bevanda bevuta in tutto il globo terrestre. Solitamente, al fine di renderlo più saporito per il nostro palato, vengono aggiunti al suo interno altri ingredienti, come ad esempio il latte o il cioccolato. Appena...
Analcolici

Come tostare il caffè a casa

Attualmente si riesce a produrre un caffè di alta qualità, calcolando i costi energetici ed il calo del peso dopo la cottura (valutabile intorno al 18%), ad un prezzo non superiore ai 5/6 € al kg. Il caffè torrefatto ha un gusto amaro ed aumenta...
Pesce

Come fare l'insalata di trevigiana e calamari

L'insalata di trevigiana e calamari può essere un antipasto freddo molto gustoso, ma può anche essere servita come secondo piatto. Questa insalata, inoltre, risulta adatta per diete ipocaloriche, in quanto i calamari sono alimenti a basso contento calorico....
Consigli di Cucina

Come sostituire la farina 00

La farina 00 è la più usata tra le farine disponibili in commercio; il pane, i dolci e vari impasti (casalinghi o meno) ne prevedono l'utilizzo. Ma per chi non la ama, oppure soffre di qualche intolleranza alimentare che ne vieta il consumo o, ancora,...
Pizze e Focacce

Come scegliere la farina tipo 1

In questa guida vedremo oggi come scegliere la farina di tipo 1. Per riconoscere i tipi giusti di farina e quindi determinarne la qualità, occorrerà innanzitutto capire il tasso di estrazione. Esso si analizzerà da quanta farina all'inizio siamo riusciti...
Analcolici

Come fare la cremina per il caffè

Il caffè è una pianta tipica delle zone tropicali, caratterizzata dalle drupe rosse. La nota bevanda si ricava dalla macinazione e dalla torrefazione dei semi contenuti nel frutto. Già dai tempi più antichi, il caffè veniva considerato un potente...
Analcolici

Come preparare il caffè verde

Il caffè verde rappresenta una valida alternativa al caffè tradizionale, anche se viene ricavato dalla medesima pianta: l'unica differenza è che i chicchi del caffè verde non hanno subito il processo di torrefazione e, quindi, non perdono le loro...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore d'arancia al caffè

Generalmente la buona riuscita di questi liquori fatti in casa dipende moltissimo dagli ingredienti che andremo ad usare e, dalle varie procedure, a seconda del tipo di liquore. Il caffè bevanda eccitante e stimolante fin dai tempi più antichi, si presenta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.