Come sbucciare il fico d'India

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
18

Introduzione

Il fico d'India è un frutto di forma cilindrica e ha al suo interno una polpa succosa e ricca di semi. All'esterno, invece, la buccia è ricoperta di spine piccole e sottili, che rendono difficile pulire il frutto. Molti di noi lo mangiano, ma pochi sanno che per sbucciare il fico d'India occorre seguire una tecnica ben precisa, soprattutto per evitare di pungersi con le spine, vediamo ora come fare.

28

Occorrente

  • Fico d'india
  • Coltello
  • Forchetta
38

Il modo migliore di sbucciare il fico d'india è quello di pulirlo usando la forchetta e il coltello. Come prima cosa lo si deve passare qualche secondo sotto l'acqua per togliere la polvere, lo si deve asciugare e mettere in un piatto. Ora si devono prendere la forchetta e il coltello e, tenendo fermo il fico con la forchetta, si dovrà praticare un taglio ad una delle due estremità del frutto.

48

Il taglio deve togliere circa 2 cm di frutto. Si dovrà ripetere la medesima operazione eliminando anche l'altra estremità del frutto. Dopo aver tolto le estremità si riuscirà, quindi, a vedere parte della polpa. È importante questo passaggio poiché consente di scollare bene il fico d'india durante i passaggi successivi.

Continua la lettura
58

Ora si dovrà prendere la forchetta e infilarla leggermente nel fico d'india. Si deve prestare attenzione a non esercitare un'eccessiva pressione altrimenti si corre il rischio di rompere il fico d'india causando un effetto estetico che sarà poco gradevole. Con il coltello è necessario praticare un taglio longitudinale, cercando di intaccare non la polpa ma la buccia.

68

Ora arriva la parte più difficile: si deve prendere la forchetta e tenere fermo il frutto, fatto ciò, aiutandoci con il coltello, dobbiamo cercare di scollarlo. Durante questo passaggio il frutto può rompersi, soprattutto se si sceglie un fico d'india poco maturo. Le prime volte è consigliabile scegliere dei frutti verdini o rossi, che sono quelli che contengo maggiormente acqua e restano più sodi. Quelli gialli, invece, tendono ad essere più farinosi e non sbucciarli con questa tecnica risulta un'operazione particolarmente complessa.

78

Ora non ci resta che portarlo a tavola. Il fico d'india può essere presentato in alternativa al dessert, tagliato a fettine, intervallandolo con qualche ciuffetto di panna, oppure a cubetti sotto forma di spiedino alternandolo agli acini d'uva. Il consumo di frutto ha delle controindicazioni per le persone affette da patologie a carico dell'intestino, come la diverticolite, e per coloro soffrono di stipsi, perché ne accentua la sintomatologia.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prendere le prime volte i fichi d'india più maturi e quelli verdini o rossi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Ricetta: insalata brasiliana

Le insalate sono un piatto sempre consigliato, grazie agli importanti benefici che arrecano al benessere ed alla salute dell'organismo. In questa guida, scopriremo insieme la ricetta di un'insalata tipica brasiliana. Da sempre uno dei piatti più conosciuti...
Cucina Etnica

Ricetta: sashimi di dentice

Il sashimi è una prelibatezza giapponese composta da carne cruda molto fresca o pesce tagliato a pezzi sottili. Questa prelibatezza giapponese deliziosamente semplice ma elegante è composta esclusivamente da pesce crudo molto fresco, nella nostra ricetta...
Cucina Etnica

Come fare le pakora

Con il termine pakora si intende la ricetta tipica indiana delle deliziose polpette fritte realizzate con farina di ceci e tantissime spezie come la curcuma e il cumino. Si tratta di una preparazione analoga alla tempura giapponese: queste crocchette...
Cucina Etnica

Come preparare il kebab in casa

Una delle pietanze più amate dai giovani è il kebab; la tradizione di questa pietanza ha origini molto antiche: in particolare il kebab deriva dalla Persia e se ne cibavano i soldati che grigliavano questa carne speziata utilizzando le loro stesse...
Cucina Etnica

Come preparare in casa la salsa tzatziki

La tzatziki (tzatzìki; in greco τζατζίκι, in bulgaro снежанка, in armeno cacık ed in Lingua albanese xaxiq) è un tipo di antipasto di origine greca, bulgara, albanese e armena che viene utilizzato anche come salsa o come contorno, soprattutto...
Cucina Etnica

Come fare le patate maritate

Quella delle patate maritate è una ricetta tipica di Pescasseroli, nel cuore del parco Nazionale dell'Abruzzo, dove ancora oggi viene conservata dagli abitanti come tesoro di una tradizione e di un'antica cultura pastorale. Il piatto infatti è molto...
Cucina Etnica

Come preparare la banoffee pie

Siamo alle soglie dell'autunno e possiamo finalmente concederci un dolce sostanzioso per affrontare il freddo che comincia a farsi sentire: niente di meglio della banoffee pie in cui la frutta e le creme si sposano con il caramello, la panna montata e...
Cucina Etnica

Come preparare il platano fritto

Il Platano è un frutto tropicale, parte della famiglia delle banane e ingrediente tipico della cucina Brasiliana. Nel Sud America e in Venezuela viene consumato giornalmente e si cucina in decine di modi differenti. È commestibile in ogni fase della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.