Come servire gli gnocchetti sardi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come servire gli gnocchetti sardi
17

Introduzione

La pasta, nella sua semplicità, è il vero caposaldo della cucina italiana. Una preparazione povera, che racchiude però tutto il gusto del mangiare sano ma con sapore! Gli gnocchetti sardi sono un formato di pasta corta, perfetto per "raccogliere" ogni tipo di condimento. Per portare in tavola una ricetta sfiziosa e last minute, lasciamoci stuzzicare dai profumi estivi come quelli del pomodoro fresco. Andiamo allora a scoprire insieme come servire gli gnocchetti sardi.

27

Occorrente

  • Ingredienti per 4 persone:
  • 320 gr di gnocchetti sardi
  • 500 gr di pomodorini freschi
  • 150 gr di olive verdi
  • una manciata di rucola fresca
  • basilico fresco q.b.
  • olio evo q.b.
  • sale q.b.
37

Puliamo le verdure

Il primo passo per servire con gusto gli gnocchetti sardi, è quello di andare ad occuparci della pulizia delle verdure. Iniziamo quindi andando a lavare per bene i pomodorini freschi. Per la nostra preparazione possiamo scegliere il classico pomodoro pachino, o i profumatissimi pomodorini vesuviani. Tamponiamoli con della carta assorbente e disponiamoli sopra un tagliere. Andiamo quindi a tagliarli a fettine piuttosto sottili. Procediamo quindi andando a sgocciolare le olive verdi. Nel caso fosse necessario, priviamole del nocciolo e tagliamole a metà.

47

Prepariamo la base aromatica

Ora che i nostri profumati pomodorini sono pronti, possiamo passare allo step successivo. Portiamo una padella capiente e antiaderente sul fuoco. Mettiamo quindi a scaldare un filo di olio evo. Quando l'olio sarà ben caldo, aggiungiamo i pomodorini. Per rendere la base del nostro sugo ancora più aromatica, possiamo aggiungere mezzo spicchio d'aglio privato dell'anima. In questo caso invece, il nostro condimento sarà estremamente leggero. Lasciamo saltare i pomodorini a fiamma dolce per qualche minuto, mescolandoli con un cucchiaio di legno. Aggiungiamo quindi le foglie di basilico fresco e le olive. Lasciamo proseguire la cottura fin quando i pomodorini non risulteranno ben morbidi. Considerata la sapidità delle olive, saliamo appena il nostro sugo.

Continua la lettura
57

Terminiamo la cottura e serviamo

Mentre il sugo continua la sua cottura, passiamo alla fase finale della nostra preparazione. Portiamo una pentola sul fuoco e lasciamo che l'acqua arrivi a bollore. Una volta pronta, saliamola leggermente e tuffiamo i nostri gnocchetti sardi. Lasciamoli quindi cuocere seguendo il tempo indicato sulla confezione. Ovviamente per un piatto di pasta a regola d'arte, il consiglio è quello di scolare gli gnocchetti sardi al dente! Una volta pronti, scoliamoli direttamente nella padella con il condimento. Aggiungiamo la rughetta fresca e saltiamo a fiamma vivace per un paio di minuti. Per evitare che la pasta possa asciugarsi eccessivamente, aggiungiamo un mestolo di acqua di cottura. A questo punto non ci resta che spegnere il fuoco e servire i nostri gnocchetti sardi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per rendere ancora più saporiti gli gnocchetti sardi, guarniamoli con una generosa spolverata di pecorino grattugiato
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come servire i bolliti

Se intendete servire dei bolliti cotti al punto giusto in modo tale che gli ospiti possano apprezzarlo al meglio, è importante attenersi ad alcuni consigli; infatti, si tratta di alcuni accorgimenti legati sia alla scelta dei prodotti che al modo di...
Consigli di Cucina

Come servire un'insalatona

L'insalatona è un piatto leggero e gustoso, adatto per ogni occasione. Per gli amanti della cucina salutare o per chi segue la cucina vegetariana, sarà l'ideale. Oltre ad essere un piatto leggero e fresco, può essere una portata speciale da servire...
Consigli di Cucina

Come servire il tacchino ripieno

Il tacchino ripieno è uno dei piatti simbolo della cucina americana, e protagonista assoluto del Giorno del Ringraziamento. Anche se questa ricetta può sembrare eccessivamente elaborata e complessa, in realtà è molto semplice. L'importante è seguire...
Consigli di Cucina

Come servire e accompagnare il riso

Il riso è un tipo di pasta che può essere servito sia come primo piatto che come ingrediente per preparare dei gustosi secondi. Si può servire anche freddo o come piatto unico con verdure e carne, ma è davvero eccezionale nei dolci. Quindi il riso...
Consigli di Cucina

Come servire un timballo farcito

Servire un timballo farcito è molto semplice data la fattura stessa del piatto. Chiaramente la difficoltà aumenta in base alla tipilogia, cioè se fatto con una base di pasta, di riso o di patate. Come vedremo con pochissime semplici mosse arriveremo...
Consigli di Cucina

5 modi per servire l'anguria

Con l'avvicinarsi della bella stagione e dei primi caldi è bene ricercare e servire alimenti freschi e ricchi di liquidi e sali minerali, fondamentali per affrontare in maniera salutare le giornate di caldo. Nel periodo che va da maggio a settembre infatti...
Consigli di Cucina

Come servire la paella

La paella è un tipico piatto di origine spagnola, caratteristico della Valencia. Il termine "paella" significa "padella" e prende il nome dal recipiente nel quale si cucina questo delizioso piatto. È una pietanza a base di riso asciutto con pollo, pesce...
Consigli di Cucina

Come servire la frittura di pesce

La frittura di pesce è un piatto particolarmente estivo, che richiede una cottura veloce e non molto impegnativa. Questa ricetta infatti, è facile da preparare e può essere servita come antipasto o secondo. Il punto forte della frittura di pesce è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.