Come servire i gamberoni

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Oggi ti propongo una ricetta molto sfiziosa per preparare i gamberoni gratinati con pane profumato alle erbe, ideali per le festività importanti e le occasioni speciali. È un ottimo piatto da servire ai propri ospiti, un secondo delicato, leggero e a base di pesce. Ecco come servire i gamberoni in modo impeccabile per lasciare stupiti tutti i commensali.

26

Occorrente

  • 700 grammi di gamberoni freschi; 20 grammi di pangrattato; 50 grammi di pane raffermo; 1/2 spicchio di aglio; Erbette fresche (prezzemolo, rosmarino); Sale e pepe q.b. Olio extra vergine di oliva q.b.
36

Vediamo subito nel dettaglio la ricetta per quattro persone: cominciamo a preparare il pane profumato; con l'ausilio di un robot da cucina tritiamo i 50 grammi di pane raffermo, 20 grammi di pangrattato, le erbette fresche (prezzemolo e rosmarino) e il mezzo spicchio d'aglio. Aziona il robot fino ad ottenere un bel trito. Aggiungi del pepe e aziona nuovamente il robot aggiungendo un po' per volta l'olio fino ad ottenere un composto umido, ma non appicicoso; puoi aggiungere altro olio se il composto risulta essere troppo secco.

46

Una volta preparato il pane, puoi dedicarti alla preparazione dei gamberoni.
Sguscia i 700 grammi di gamberoni freschi lasciando la testa e la coda: fai attenzione perché è un procedimento molto delicato e potresti rischiare di togliere anche la parte superiore.
In seguito togli il budellino amaro e sabbioso con l'aiuto di uno stuzzicadenti; una volta finito di pulire i gamberoni, sistemali su una teglia rivestita da carta forno.
In base ai tuoi gusti, puoi gratinare i gamberoni interi oppure li puoi aprire a metà, senza però dividerli. Una volta deciso, condisci con sale e pepe ed in seguito cospargi la teglia col composto di pane profumato.

Continua la lettura
56

Disponi i gamberi e ricoprili con la parte restante di pane, lasciando libere la testa e la coda. Aggiungi olio extra vergine d'oliva e cuoci in forno preriscaldato a 190 gradi per circa sette minuti. Puoi usare la modalità grill in modo da ottenere in poco tempo una crosticina dorata ed evitare che i gamberi si asciughino troppo. Una volta che i gamberoni saranno ben gratinati puoi toglierli dal forno e disporli su un piatto da portata. Ricorda che devono essere mangiati ancora ben caldi, quindi fai attenzione alle tempistiche. Puoi accompagnarli con qualcosa di fresco, come un'insalata mista od un pinzimonio di verdure.

66

Per agevolarti, puoi preparare i gamberoni ed il composto di pane profumato in anticipo, in modo tale da poterli gratinare poco prima del servizio. Questo piatto è da condividere quando si hanno ospiti e soprattutto se si vuol fare un'ottima impressione con poche semplici mosse.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come servire i bolliti

Se intendete servire dei bolliti cotti al punto giusto in modo tale che gli ospiti possano apprezzarlo al meglio, è importante attenersi ad alcuni consigli; infatti, si tratta di alcuni accorgimenti legati sia alla scelta dei prodotti che al modo di...
Consigli di Cucina

Come servire un'insalatona

L'insalatona è un piatto leggero e gustoso, adatto per ogni occasione. Per gli amanti della cucina salutare o per chi segue la cucina vegetariana, sarà l'ideale. Oltre ad essere un piatto leggero e fresco, può essere una portata speciale da servire...
Consigli di Cucina

Come servire il tacchino ripieno

Il tacchino ripieno è uno dei piatti simbolo della cucina americana, e protagonista assoluto del Giorno del Ringraziamento. Anche se questa ricetta può sembrare eccessivamente elaborata e complessa, in realtà è molto semplice. L'importante è seguire...
Consigli di Cucina

Come servire e accompagnare il riso

Il riso è un tipo di pasta che può essere servito sia come primo piatto che come ingrediente per preparare dei gustosi secondi. Si può servire anche freddo o come piatto unico con verdure e carne, ma è davvero eccezionale nei dolci. Quindi il riso...
Consigli di Cucina

Come servire un timballo farcito

Servire un timballo farcito è molto semplice data la fattura stessa del piatto. Chiaramente la difficoltà aumenta in base alla tipilogia, cioè se fatto con una base di pasta, di riso o di patate. Come vedremo con pochissime semplici mosse arriveremo...
Consigli di Cucina

5 modi per servire l'anguria

Con l'avvicinarsi della bella stagione e dei primi caldi è bene ricercare e servire alimenti freschi e ricchi di liquidi e sali minerali, fondamentali per affrontare in maniera salutare le giornate di caldo. Nel periodo che va da maggio a settembre infatti...
Consigli di Cucina

Come servire la paella

La paella è un tipico piatto di origine spagnola, caratteristico della Valencia. Il termine "paella" significa "padella" e prende il nome dal recipiente nel quale si cucina questo delizioso piatto. È una pietanza a base di riso asciutto con pollo, pesce...
Consigli di Cucina

Come servire la frittura di pesce

La frittura di pesce è un piatto particolarmente estivo, che richiede una cottura veloce e non molto impegnativa. Questa ricetta infatti, è facile da preparare e può essere servita come antipasto o secondo. Il punto forte della frittura di pesce è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.