Come servire il riso alla zucca

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il riso alla zucca non è un piatto difficile da preparare e servire in tavola. Questo tuttavia non deve trarre in inganno: è un piatto delizioso e molto popolare nella cucina tradizionale italiana. Chiaramente è caratteristico della stagione autunnale essendo la zucca tipica di questa stagione: non a caso i colori di questo ortaggio richiamano proprio i colori tipici di questa stagione. Il piatto in questione è in definitiva semplice e comunque ricco di sapore e non vi farà sicuramente sfigurare con gli amici per le vostre cene in compagnia: è una pietanza che permette varie aggiunte ed extra con cui sbizzarrirsi per creare un piatto prelibato e dal sapore unico. Ecco una chiara e semplice guida per imparare come prepararlo e servirlo. Vi ricordo prima di iniziare che alcuni elementi come le spezie sono accessori e se e quanto usarle è a vostra totale discrezione.

25

Occorrente

  • Polpa di zucca (400 gr)
  • Riso (200 gr)
  • Brodo vegetale (1 litro)
  • Olio d'oliva (40 ml)
  • Sale
  • Cipolle
  • Pepe
  • Salvia
  • Timo
35

Preparazione

Cominciate ripulendo la zucca e create dei cubetti, quindi preparate il brodo vegetale per la cottura del riso. Quindi tagliate le cipolle e mettetele in padella con un filo d'olio per farle dorare e aspettate che avvenga la doratura: a quel punto versate i cubetti di zucca e fate rosolare il tutto per altri 5 minuti avendo ben cura di mescolare e non far amalgamare il tutto. Aggiungete il sale, pepe e un mazzolino di salvia e timo; aggiungete anche un po' di vino bianco (la quantità è a vostra discrezione). Prendete il riso e mettetelo in padella; quando inizia a tostare iniziate a buttare il brodo un po' alla volta e aspettate che finisca la cottura: ci vorranno altri 15-20 minuti a seconda del tipo di riso che avete scelto. State bene attenti a non far attaccare il tutto! A fine cottura mettete le scaglie di parmigiano (potete anche usare il brie o il taleggio per un aspetto più cremoso!) e timo e salvia. Se volete potete anche aggiungere cannella o zenzero per dare ancora più sapore.

45

Accompagnamento

Per arricchire il piatto potete accompagnarlo con qualche scaglia di formaggio avanzata, oppure servirlo con della frutta di stagione come le pere. Un altro accorgimento è servirsi di spezie: potete aggiungere cannella, zenzero o giocare con la quantità di salvia e timo in base ai vostri gusti personali.

Continua la lettura
55

Ulteriori idee

Se vi sentite in vena di sperimentare un po' potete tentare degli accostamenti meno convenzionali: alcuni cuochi suggeriscono l'aggiunta di acciughe. Ottime se vi sentite temerari; altrimenti potete accompagnarlo con delle noci e un po' di radicchio per un sapore più ricercato. Non abbiate paura di sperimentare e osare per proporre ai vostri ospiti sapori meno scontati e convenzionali!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come servire e accompagnare il riso

Il riso è un tipo di pasta che può essere servito sia come primo piatto che come ingrediente per preparare dei gustosi secondi. Si può servire anche freddo o come piatto unico con verdure e carne, ma è davvero eccezionale nei dolci. Quindi il riso...
Consigli di Cucina

Come servire la paella

La paella è un tipico piatto di origine spagnola, caratteristico della Valencia. Il termine "paella" significa "padella" e prende il nome dal recipiente nel quale si cucina questo delizioso piatto. È una pietanza a base di riso asciutto con pollo, pesce...
Consigli di Cucina

Come servire un timballo farcito

Servire un timballo farcito è molto semplice data la fattura stessa del piatto. Chiaramente la difficoltà aumenta in base alla tipilogia, cioè se fatto con una base di pasta, di riso o di patate. Come vedremo con pochissime semplici mosse arriveremo...
Consigli di Cucina

Come servire il pesce crudo

Il pesce crudo è una prelibatezza sempre più diffusa e amata nel nostro territorio. In particolare con la cucina giapponese abbiamo potuto apprezzare tante ricette particolari e gustose che ci permettono di gustare il pesce crudo in mille modi diversi....
Consigli di Cucina

Come servire le crespelle

Le crespelle, conosciute anche come crepes, sono un piatto tipico della cucina francese fatte da una cialda sottile, morbida e non croccante. L'impasto della cialda è sostanzialmente a base di latte, uova e farina e viene cotto per pochi minuti su una...
Consigli di Cucina

5 modi di servire le verdure crude

Le verdure sono un alimento sano che non dovrebbe mai mancare nella nostra dieta. Tuttavia è bene reinventarsi e servirle sempre in modi diversi, perché sia grandi che piccini le mangino volentieri. Lungo i passi di questa guida vi daremo qualche consiglio...
Consigli di Cucina

5 piatti da preparare con la zucca gialla

La zucca gialla, appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, è giunta in Europa dal Nuovo Continente, è ricca di fibre, vitamine e minerali, che contribuiscono al benessere del corpo e contrastano l’invecchiamento cellulare. Può avere forma...
Consigli di Cucina

Come servire gli antipasti caldi

Preparare un grande ed abbondante pranzo oppure una cena a buffet per amici e familiari può essere molto divertente: chi ama cucinare in modo creativo può, infatti, trovare molto stimolante la preparazione di antipasti sfiziosi, insalate colorate e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.