Come servire il tacchino ripieno

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come servire il tacchino ripieno
17

Introduzione

Il tacchino ripieno è uno dei piatti simbolo della cucina americana, e protagonista assoluto del Giorno del Ringraziamento. Anche se questa ricetta può sembrare eccessivamente elaborata e complessa, in realtà è molto semplice. L'importante è seguire i giusti step per la preparazione! Ciò che può invece riservare delle incognite è il momento della presentazione a tavola. Per servire correttamente il tacchino ripieno è infatti necessario tagliarlo nel modo giusto. Questo per evitare di rovinare i vari tagli della carne. Andiamo allora a scoprire insieme come servire il tacchino ripieno.

27

Occorrente

  • Un tagliere
  • Coltello affilato
  • Forchettone
  • Piatto da portata
37

Separiamo le cosce

Per servire correttamente il nostro tacchino ripieno, dobbiamo eseguire dei tagli corretti. Prima però assicuriamoci di scegliere un coltello con una lama ben affilata. Iniziamo quindi andando a separare le cosce. Andiamo ad eseguire un taglio lungo l'anca del tacchino. Allontaniamo quindi leggermente la coscia dal corpo. Questo movimento ci servirà per trovare la giuntura. Una volta trovata, rimuoviamo la coscia con una leggera pressione. Nel caso dovesse opporre resistenza, incidiamo con il coltello. Andiamo ora a rimuovere dal corpo quanta più polpa possibile. Poniamo poi attenzione nel rimuovere la porzione di carne sferica situata alla base della schiena del tacchino. Questo è infatti il boccone più prelibato, chiamato anche "ostrica". Procediamo quindi affettando la carne della coscia, aiutandoci con un forchettone. Ripetiamo lo stesso procedimento anche per l'altra coscia.

47

Rimuoviamo il petto

Ora che le cosce sono state separate, possiamo occuparci del petto. Per eseguire un taglio perfetto, seguiamo con il coltello lo scheletro del petto. Questo infatti sarà la guida da seguire per effettuare un taglio preciso. Una volta eseguito il taglio, avremo ottenuto due porzioni corpose di petto. Portiamo ora il coltello in posizione angolare e rimuoviamo la carne dalla carcassa. Questo passaggio ci permetterà di rimuovere la giuntura dell'ala, che potrà essere quindi rimossa facilmente. A questo punto anche la porzione di petto potrà essere asportata in modo semplice. Non dimentichiamoci poi di rimuovere le punte dalle ali del petto.

Continua la lettura
57

Affettiamo la carne

L'ultimo step per servire il tacchino ripieno è quello di andare ad affettare la carne rimasta. Per mantenere la carne ben calda e succosa, tagliamo delle fette piuttosto spesse. A questo punto siamo quasi pronti per servire il nostro tacchino ripieno in tavola! Un piccolo segreto è quello di riscaldare il piatto da portata. In questo modo la carne manterrà il suo calore. Disponiamo quindi i tagli sul piatto e portiamo in tavola.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordiamoci di seguire sempre le giunture e di non tagliare in corrispondenza delle ossa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come preparare un ragù bianco con carne di pollo e tacchino

Il ragù bianco è un'ottima alternativa al classico ragù al pomodoro. Inoltre è l'ideale per tutte quelle persone che soffrono di allergia al nichel alle quali l'uso del pomodoro è inibito. Per preparare questo ragù occorrono solo carni bianche,...
Consigli di Cucina

5 idee per utilizzare il tacchino avanzato

Durante le festività non solo natalizie ma anche pasquali o durante le grandi cene che spesso si preparano per amici e parenti, spesso il cibo avanzato può essere parecchio. Per non sprecare nulla e per sfruttare degli avanzi di cibo, è possibile sbizzarrirsi...
Consigli di Cucina

Come servire le omelettes

Semplici, gustose e sempre d'effetto: che delizia le omelettes! Pietanze di origine francese, la loro conquista mondiale si può ormai affermare pienamente. A base di uova sbattute, le omelettes di distinguono dalla frittata per il tipo di cottura, che...
Consigli di Cucina

Come servire i salumi

Abbiamo una cena improvvisa e non abbiamo tempo di preparare nulla? Niente paura non disperiamo, c'è una soluzione. Tutte noi abbiamo sempre dei salumi in frigorifero pronti per qualsiasi evenienza. È arrivato il momento giusto per tirarli fuori. Certo...
Consigli di Cucina

Come servire le torte salate

Le torte salate sono delle pietanze ideali come antipasto o come piatto unico, con l'abbinamento di un bel contorno. Si conoscono anche con il nome di "quiches lorraine" in lingua francese. Le torte salate sono delle preparazioni a base di un impasto...
Consigli di Cucina

Come servire le tortillas

Le tortillas sono delle pietanze originarie del Messico. Per la loro bontà e versatilità, si diffusero presto egregiamente, prima nelle zone nordamericane e poi in tutto il resto del pianeta. Si preparano tipicamente e semplicemente con della farina...
Consigli di Cucina

Come servire le polpette

Le polpette sono un grande must della cucina italiana, che tramanda da generazioni deliziose cene nonché antipasti in compagnia di serate con amici o semplicemente in famiglia. Oggi scopriamo nel dettaglio come gustare e servire queste prelibatezze di...
Consigli di Cucina

Come servire i tacos

Per chi ama provare gusti nuovi e forti, magari riproponendo le ricette internazionali, si può sempre cimentare con qualche cosa di nuovo per stupire i propri commensali. Le ricette conosciute sono davvero tante e ve ne sono alcune davvero delioziose...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.