Come si prepara il kombucha

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Kombucha non è altro che il nome di un tè orientale fermentato che, per questo motivo, risulta essere particolarmente frizzante con un retrogusto leggermente acido. Pare che questa bevanda faccia molto bene all'organismo, anche se le sue origini sono davvero antichissime: infatti, si parla del 250 a. C. In Cina. Il kombucha viene pian piano esportato in varie parti del mondo, anche se ormai si è alla fine dell'Ottocento quando arriva in Russia e nell'Europa dell'est. Il kombucha, denominato anche elisir di lunga vita, è un insieme di microrganismi, di lieviti e, appunto, di tè. La consistenza di questa bevanda è alquanto gelatinosa e, a prima vista, per nulla invitante. Tuttavia, nei successivi passi di questa guida, vedremo come si prepara correttamente il kombucha.

27

Occorrente

  • 2-3 bustine di tè verde o nero
  • 80 gr di zucchero
  • acqua q.b.
  • 2 cucchiaini di aceto di mele
  • fermento di kombucha già pronto
37

Portare l'acqua ad ebollizione

Anzitutto, per preparare un buon kombucha, ci occorreranno pochi e semplici ingredienti. In particolare, avremo bisogno di: tè verde o nero, zucchero, aceto di mele, acqua ed il fermento del kombucha già pronto. Per prima cosa prendiamo una pentola abbastanza capiente e versiamo l'acqua al suo interno, quindi portiamola ad ebollizione e versiamo le bustine di tè prescelto. Una volta fatto ciò, lasciamo le bustine in infusione per circa 15 minuti, dopodiché lasciamo intiepidire ed aggiungiamo una parte dello zucchero. È assolutamente fondamentale lasciar intiepidire il kombucha altrimenti, se troppo caldo, potrebbe morire.

47

Aggiungere lo zucchero al tè

Successivamente prendiamo il nostro tè, versiamolo all'interno di una vaso di vetro ed aggiungiamo il restante zucchero. Mescoliamo bene il composto in maniera tale da sciogliere completamente lo zucchero. Adesso prendiamo il fermento di kombucha già pronto e versiamolo nel vaso di vetro, quindi aggiungiamo 2 cucchiaini di aceto di mele e chiudiamo il tutto con un tovagliolo di carta ed un elastico. Lasciamo riposare il kombucha per 8 giorni se ci troviamo nella stagione estiva, mentre nella stagione invernale occorrerà allungare un po' i tempi a 10-15 giorni.

Continua la lettura
57

Inserire il kombucha in frigorifero

Trascorso il tempo necessario rimuoviamo il tovagliolo di carta, prendiamo un bottiglia di vetro, posizioniamo un imbuto ed un colino e cominciamo a versare il kombucha al suo interno. Lasciamo circa il 10% del liquido all'interno del barattolo di vetro poiché servirà da base per una successiva infusione. Arrivati a questo punto, mettiamo da parte il liquido rimasto ed imbottigliamo il kombucha appena preparato. Lasciamo in frigorifero a riposare per 2 giorni, dopodiché la nostra bevanda sarà pronta per essere gustata.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per una prima prova, è preferibile utilizzare metà dose del tè preparato
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.