Come sostituire il lievito per dolci

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Per far sì che un dolce o un impasto salato raggiunga la giusta consistenza e morbidezza, occorre aggiungere un ingrediente fondamentale: il lievito. Il lievito può essere di birra o per dolci (chimico); il primo, che si trova in commercio fresco o disidratato, è utilizzato soprattutto per la panificazione, per la creazione di pizze o focacce e per alcune ricette dolci come i cornetti, il secondo, invece, viene utilizzato appunto per i dolci soprattutto nella variante già vanigliata. Purtroppo non tutti possono mangiare cibi che contengono questi prodotti a causa di allergie e intolleranze. In questo caso occorre trovare delle soluzioni per sostituire il lievito: vediamo, ora, come fare per eliminare quello per dolci.

25

Occorrente

  • Bicarbonato di sodio
  • Cremor tartaro
  • Farina, acqua, olio extravergine di oliva, miele naturale
  • Succo di limone o aceto
  • Yogurt
35

Come usare il bicarbonato per sostituire il lievito per dolci

Il primo prodotto che subito viene in mente per eliminare il lievito per dolci è il bicarbonato. Questo è un ottimo prodotto, sia per l'igiene che in cucina. Il bicarbonato con le sue tante proprietà non ha agenti lievitanti ma se viene unito a una sostanza acida si può mettere in moto il processo di lievitazione e fermentazione. Occorre, quindi, mescolare il bicarbonato con qualche goccia di limone oppure di aceto, lasciando in posa per circa 20 minuti. In alternativa si può anche aggiungere al bicarbonato un vasetto di yogurt da 250 grammi; il risultato sarà invariato.

45

Come usare il cremor tartaro per sostituire il lievito per dolci

Un altro agente lievitante naturale è il cremor tartaro, nome comune del bitartrato di potassio, un sale acido venduto in bustine contenenti anche un po' di bicarbonato di sodio. Non è difficile da usare: basta, infatti, aggiungerlo all'impasto come per il lievito comune. Se viene comprato puro, sarà necessario aggiungervi del bicarbonato di sodio perché svolga la sua azione lievitante. Per un dolce basta usarne 8 g con 4 g di bicarbonato; per una focaccia 8 g con un cucchiaino di bicarbonato.

Continua la lettura
55

Come usare la pasta madre per sostituire il lievito per dolci

Infine tra i metodi più antichi per sostituire il lievito per dolci c'è quello di usare la pasta madre, conosciuta anche sotto il nome di pasta acida. Per realizzarla c'è bisogno di molta fatica: occorre impastare energicamente tutti ingredienti naturali come la farina, l'acqua, l'olio extravergine d'oliva ed il miele. Una volta ottenuto un impasto liscio ed omogeneo occorrerà farlo riposare per circa due giorni in un luogo fresco e asciutto. Passato il tempo necessario, il suo volume diventerà circa il doppio. A questo punto bisogna rinfrescarlo aggiungendo altra acqua e farina e farlo riposare per un altro giorno. Il procedimento va ripetuto per 10 giorni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Pancake proteici senza lievito

I pancake sono dolci tipici americani e assomigliano moltissimo a delle frittelle. Tutti gli ingredienti sono leggeri e sani, da abbinare a miele, marmellata o a una crema di nocciole, e da accompagnare a una tazza di tè o di latte di vegetale. In questa...
Dolci

Come preparare una torta senza lievito

Qualche intolleranza alimentare non permetterà di rinunciare al gusto dei piatti preferiti. Anche chi ama i dolci ed è intollerante al lievito potrà ugualmente assaporare tutta la fragranza e la dolcezza di una torta senza lievito. Godendo contestualmente...
Dolci

Come riattivare il lievito naturale vecchio

Lo scopo principale del lievito, è di fungere da catalizzatore nel processo di fermentazione di un impasto, oltre a quello di alimentare gli zuccheri presenti nella farina ed espellere l'anidride carbonica durante il processo di lievitazione. Il lievito...
Dolci

Come fare una torta al cioccolato senza lievito

Il lievito contribuisce alla realizzazione di dolci alti, soffici e spumosi, ma non è indispensabile. Gli intolleranti a questo ingrediente possono seguire alcuni accorgimenti per ottenere, in ogni caso, un ottimo prodotto. Tra i consigli utili, l'uso...
Dolci

Ricetta: pandoro con lievito madre

In questa guida vogliamo proporre una nuova ricetta e cioè quella del pandoro con l’utilizzo del lievito madre. In vista del periodo natalizio, che ci accingiamo a vivere, abbiamo pensato di iniziare a preparare tutte quelle ricette, che saranno in...
Dolci

Ricetta: treccia dolce con lievito madre

La merenda fatta in casa, si sa, è l'ideale per i nostri bimbi. Ma anche per noi può essere estremamente gradevole fare colazione con un dolce fatto in casa. Quando realizziamo ricette con le nostre mani la soddisfazione aumenta insieme alla sazietà....
Dolci

Come preparare dolci senza lattosio

I dolci sono quella parte del pasto che merita sempre un piccolo spazio di riserva nel nostro stomaco. Anche gli intolleranti al lattosio, però, dovrebbero avere l'opportunità di godersi un buon dessert. Per questo motivo, quando invitiamo qualcuno...
Dolci

Come preparare dolci senza latte

L'intolleranza al lattosio è sempre più diffusa, sopratutto tra i giovani. Chi adora i dolci e non può rinunciarvi per colpa del lattosio, deve sapere che esistono tantissime ricette di dolci che non prevedono il latte. In alternativa, esistono anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.