Come spellare facilmente le mandorle

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Durante le ore trascorse in casa a preparare il pranzo o la cena, o una sfiziosa merenda per i vostri amici, è bene conoscere le tecniche più veloci ed efficienti per ottenere più stuzzichini nel minor tempo possibile. In questo preciso articolo noi ci concentreremo essenzialmente sulle mandorle. Naturalmente come molti di voi sapranno, esistono diversi tipi di mandorle: in commercio potrete imbattervi nelle mandorle dolci, in quelle amare e, in alcuni casi, anche nelle cosiddette armelline, il tutto dipende dal luogo in cui le state cercando; con molte probabilità in Sicilia troverete più specialità rispetto ad altre regioni italiane.
Entrando ancora di più nello specifico di questo articolo, il nostro scopo è mostrarvi come spellare facilmente le mandorle tramite tre semplici passi che seguiranno questa introduzione.
Non perdiamo ulteriore tempo e concentriamoci direttamente sui tre passi fondamentali di questa guida. Non dimenticate di leggere i consigli e di visionare i link diretti e il video di Youtube che vi abbiamo proposto. Ecco a voi come fare per spellare le mandorle.

28

Occorrente

  • Acqua calda
  • Acqua fredda
  • Pentolino
  • Asciugamano
38

Far bollire l'acqua

La prima cosa da fare se volete ottenere delle mandorle perfettamente pulite e spellate in tutta la loro interezza è senza dubbio quella di preparare una scodella con un po' di acqua. Versate tutta l'acqua che avete appena riempito in una pentola di dimensioni medie per consentire una facile ebollizione. Accendente il gas e aspettate che l'acqua arrivi al suo punto di ebollizione.

48

Scegliere mandorle non trattate

In questo secondo passo non possiamo non raccomandarvi una cosa importantissima: ricordatevi che per ottenere delle mandorle perfettamente spellate, le suddette mandorle non devono contenere conservanti, non devono essere trattate e soprattutto dovete essere sicuri che si tratti di mandorle crude.

Continua la lettura
58

Immergere le mandorle in acqua

Quando l'acqua avrà raggiunto il suo punto di ebollizione potrete immergere tutte le mandorle che avete intenzione di spellare all'interno della pentola utilizzata, avendo cura di spegnere il fuoco, perché il vostro scopo non è quello di cuocerle. Non tenetele in acqua per più di 50 secondi altrimenti perderanno la loro croccantezza tipica.

68

Spellarle con le dita

Successivamente potete togliere l'acqua in eccesso e sciacquare le mandorle con dell'acqua fredda per poterle maneggiare senza il pericolo di bruciarvi. Sarà facilissimo a questo punto asciugare le mandorle e staccare la pellicina direttamente con le dita, senza l'ausilio di alcun attrezzo.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come spellare i peperoni arrostiti

Quante volte avete rifiutato un piatto - primo, secondo o contorno - a base di peperoni perché essi vi sono spesso risultati indigesti? Quello che forse non sapete è che non il peperone in sé a risultare poco digeribile: è la sua pelle la parte "incriminata"....
Consigli di Cucina

Come spellare i marroni

Il marrone, che differisce dalla castagna soprattutto per il maggior prezzo di vendita, deriva da una serie di innesti che ha portato una varietà di pianta di castagno a produrre ricci con meno frutti, tre o quattro al massimo. Inoltre, grazie sia al...
Consigli di Cucina

Ricetta: risotto all'arancia e mandorle

Una corretta alimentazione è sempre il modo migliore per mantenersi in forma senza rinunciare al gusto. Esistono molti piatti che ci aiutano a seguire un programma alimentare senza farci sentire la mancanza di cibi ipercalorici e ricchi di condimento....
Consigli di Cucina

Come fare un porridge di avena e mandorle

Il porridge è formato essenzialmente da avena, anche se possono essere altri gli ingredienti da utilizzare, come per esempio, vari cereali schiacciati o macinati e poi aromatizzati con diversi sapori. Si serve caldo nella versione salata di carne e verdure...
Consigli di Cucina

5 idee per utilizzare la farina di mandorla

La mandorla è il seme commestibile del mandorlo, che nasce e cresce nei Paesi del Mediterraneo, essendo un albero che sopporta solo i climi caldi. Ecco perché le mandorle sono tipiche delle cucine siciliana e pugliese, ma anche di quella greca e magrebina....
Consigli di Cucina

Come usare la farina di riso

La farina di riso gode di tutte le proprietà nutritive dell'alimento da cui deriva: il riso. Nella cucina orientale viene utilizzata prevalentemente per la preparazione di biscotti secchi, cracker e gallette. Rispetto ad altre tipologie di farina, possiede...
Consigli di Cucina

5 alternative all'olio di oliva

L'olio extravergine di oliva è, di certo, l'olio più genuino che si possa consumare. L'olio di oliva è altamente consigliato in ogni dieta equilibrata, e può essere consumato crudo o cotto, per cucinare oppure per condire piatti freschi e naturali....
Consigli di Cucina

Come preparare il pesto con zucchine e menta fresca

Siete stanchi del solito pesto alla genovese? Siete alla ricerca di un condimento ugualmente fresco e profumato ma un po' più originale del classico ligure? Allora il pesto con zucchine e menta fa sicuramente al caso vostro! Si tratta di una variante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.