Come togliere l'amarezza al cetriolo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Di un bel verde vivace, sodi al tatto, i cetrioli sembrano perfetti per una bella insalata ma, al primo assaggio, ci tradiscono con quel sapore amaro che rovina tutto. I cetrioli fanno parte della famiglia delle Cucurbitaceae e contengono in abbondanza i glucosidi triterpenici noti come cucurbitacine, che ne causano talvolta l'amarezza. Le cucurbitacine sono presenti in tutte le parti della pianta. Le foglie, lo stelo e le radici delle varietá piú comuni coltivate contengono differenti quantità di questo composto, però solo occasionalmente si distribuiscono anche nel frutto e, quando ciò avviene, purtroppo tutto il cetriolo diventa amaro. Il gusto amaro, se c'è, è sempre interno e giusto sotto la buccia, molto raramente dentro alla polpa in profonditá o nei semi. Se siete alla ricerca di un metodo per togliere amarezza al cetriolo, la guida che segue farà al caso vostro. Vi sarà infatti spiegato, passo dopo passo, come ovviare correttamente a questo sgradevole inconveniente.

26

Occorrente

  • Cetrioli
36

Assaggiate una fettina di cetriolo

Le soluzioni non sono garantite, poiché non esistono prove scientifiche sulla loro efficacia; si tratta comunque di piccoli trucchi che spesso funzionano. Essenzialmente due sono i metodi principali: sbucciarli con metodo e farli trasudare. Il primo si basa sul fatto che le cucurbitacine siano concentrate nella buccia e nello strato di polpa immediatamente sottostante, così come in prossimità delle estremità. Prima di affettare tutto il cetriolo per l'insalata, assaggiatene sempre una fettina da ciascuna delle due punte.

46

Rimuovete la sua buccia

Se risulta essere amaro, spelatelo partendo dall'attaccatura del fiore. Aiutandovi con un pelapatate rimuovetene la prima striscia di buccia e la polpa immediatamente sottostante, poi lavate lo sbucciapatate e prelevate un'altra striscia di buccia. Proseguite alla stessa stregua fino ad averlo completamente pelato. Gran parte degli elementi nutritivi dei cetrioli sono concentrati proprio nella buccia e nei semini. Un metodo alternativo, impiegato da alcuni cuochi giapponesi ed indiani per privare i cetrioli del sapore amaro senza sacrificarne la buccia consiste nel farli trasudare.

Continua la lettura
56

Sciacquate il cetriolo

Dopo averli accuratamente lavati, tagliate entrambe le punte, prelevando un pezzetto da circa due centimetri. Avvicinate la cima tagliata al cetriolo, fate aderire le due facce e, con movimento rotatorio antiorario, strofinatele una contro l'altra. Noterete che si sviluppa una sorta di schiuma biancastra: proseguite sfregando per almeno un minuto o finché il cetriolo smetterà di produrre la sostanza schiumosa. Sciacquate e il cetriolo è pronto per essere mangiato. Pare che questo procedimento serva ad attrarre per capillarità ed espellere tutte le cucurbitacine.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come togliere l'amaro dalle olive

È risaputo che la terra ci regala tanti frutti, dalle mele alle arance, dai limoni ai mandarini, fino ad arrivare alle olive. Gli alberi che producono queste ultime stanno attraversando un periodo piuttosto brutto, in quanto sono infestate da un parassita...
Consigli di Cucina

5 ricette di insalate con avocado

L'avocado è ricco di acidi grassi che prevengono il rischio di malattie cardiovascolari, e vitamina A e E. È pur vero che l'avocado è uno dei frutti più calorici, ma ci aiuta a mangiare meno in quanto è ricco di fibre e acido oelico che aumentano...
Consigli di Cucina

Menù di Pasqua vegano

L'alimentazione vegana riscuote sempre più consensi e in molte famiglie si festeggia la Pasqua, realizzando menù ricchi di gusto. La scelta è ampia e per questa occasione è possibile preparare svariati piatti. Per cominciare si possono proporre degli...
Consigli di Cucina

5 ricette con l'aneto

L'aneto è una pianta aromatica di origini molto antiche. Proviene dall'India, ma il suo utilizzo è molto comune in tutti i Paesi mediterranei e nel Nord Europa. È simile al finocchio e all'anice, ma con un gusto più intenso. L'aneto ha anche proprietà...
Consigli di Cucina

Come usare la farina di riso

La farina di riso gode di tutte le proprietà nutritive dell'alimento da cui deriva: il riso. Nella cucina orientale viene utilizzata prevalentemente per la preparazione di biscotti secchi, cracker e gallette. Rispetto ad altre tipologie di farina, possiede...
Consigli di Cucina

5 ricette sfiziose se non vuoi accendere i fornelli

Non sempre c'è voglia di accendere i fornelli, sarà per il caldo o per il poco tempo. Ma chi ha voglia di rinunciare a un pasto soddisfacente e gustoso? Certamente nessuno. Ecco perché abbiamo deciso di proporti 5 ricette sfiziose se non vuoi accendere...
Consigli di Cucina

Come servire e abbinare il cous cous

Il cous cous è un piatto a base di semola di grano duro cotto a vapore tipico della cucina nordafricana, in special modo di quella marocchina, tunisina ed algerina. Non ha radici certe sebbene tracce della sua presenza lo farebbero risalire addirittura...
Consigli di Cucina

Come fare la conserva di melanzane sott'olio

Qualora vi piacciono le melanzane, vi consiglio assolutamente di procedere nell'attenta lettura dei passaggi successivi della seguente pratica e deliziosa guida, nella quale vi spiegherò bene come bisogna fare correttamente la conserva di melanzane sott'olio,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.