Come togliere le lische alle sarde

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I piatti a base di pesce sono sempre molto apprezzati ma spesso sono anche i più difficili da preparare. Inoltre, molti tipi di pesce richiedono moltissimo tempo per essere puliti bene e cucinati. Come fare quindi se volete cucinare del pesce ma non avete abbastanza tempo? L'ideale è preparare le sarde! Si tratta di un tipo di pesce che fa bene alla nostra salute in quanto è ricco di Omega 3 ed è anche delizioso! Le sarde hanno altri grandissimi vantaggi: possono essere pulite e preparate in pochissimo tempo e possono essere cucinate in moltissimi modi! Quindi se avete in mente un pranzo con parenti o amici potete optare per diverse ricette a base di sarde che possano soddisfare tutti! Potete prepararle fritte, al forno, alla siciliana, potete persino usarle per condire la pasta! Però dovete stare attenti a pulire molto bene questo tipo di pesce, vediamo quindi insieme come togliere le lische alle sarde!

27

Occorrente

  • Scolapasta
  • Lavandino
37

Preparare gli occorrenti

Prima di cominciare con la pulizia del pesce, dovete prendere dei piccoli accorgimenti per mantenere la cucina pulita e seguire un certo ordine. Innanzitutto procuratevi uno scolapasta da mettere in un lavandino. Vi consiglio di usare lo scolapasta perché è lì che dovrete gettare le interiora del pesce per evitare che finiscano nel lavandino ma anche un piatto andrà bene.

47

Aprire il pesce

Innanzitutto dovete sapere che è meglio utilizzare le mani per pulire le sarde e mai un coltello. Questo perché si tratta di un tipo di pesce molto piccolo (stessa cosa, infatti, vale per le alici) e con un coltello potrebbe spezzarsi. Bisogna dunque sporcarsi un po' le mani e avere tanta pazienza e attenzione nei movimenti che dovranno essere secchi ma allo stesso tempo delicati. Staccate la testa del pesce aiutandovi con il pollice e l'indice. Dovete fare un movimento secco. Trascinate il dito indice nel corpo tirando e, durante questa operazione, eliminate le interiora del pesce. Fate molta attenzione a non rompere il pesce mentre lo aprite. Con i pollici, effettuando dei movimenti molto delicati ma netti, aprite a metà il pesce fino alla coda.

Continua la lettura
57

Estrarre la lisca

Aiutandovi sempre con due dita afferrate e tirate fuori la parte iniziale della lisca e, assicurandovi di tenere stretta la sarda tra il dito indice e il dito medio, estraete lentamente la lisca. Cercate con molta cura di farlo scivolare lungo tutto il corpo fino a quando non si stacca. Dopodiché girate la sarda e staccate anche la pinna dorsale. A questo punto avrete pulito la vostra sarda e dovete lavarla per bene sotto l'acqua corrente.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Effettuare movimenti netti ma delicati
  • Non usare coltelli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come togliere l'amaro dalle olive

È risaputo che la terra ci regala tanti frutti, dalle mele alle arance, dai limoni ai mandarini, fino ad arrivare alle olive. Gli alberi che producono queste ultime stanno attraversando un periodo piuttosto brutto, in quanto sono infestate da un parassita...
Consigli di Cucina

Ricette estive con la menta

La menta, senza dubbio, è una delle erbe aromatiche maggiormente impiegata nella tradizionale cucina mediterranea. A differenza del basilico che, viene usato per arricchire diverse salse e, per fare il famoso pesto, la menta invece è un componente che...
Consigli di Cucina

10 idee per usare l'orzo in cucina

L'orzo è un cereale da usare maggiormente in campo alimentare. Può essere utilizzato in diversi modi, trasformato in farina per realizzare dolci, tostato e macinato per fare il caffè d'orzo, tostato e liofilizzato per preparare velocemente bevande...
Consigli di Cucina

Come preparare la besciamella di pesce

Per i piatti di pesce esiste una besciamella da preparare seguendo quella classica, ma studiata appositamente per sostituire il latte. In genere, non è molto semplice trovare questa particolare besciamella nei supermercati come invece accade con quella...
Consigli di Cucina

5 utilizzi del miele in cucina

Se siete abituati ad utilizzare il miele solo come dolcificante di infusi e tisane, allora possiamo dirvi che state veramente perdendo il meglio che questo prodotto può offrire. Non a caso, in passato ma talvolta ancora oggi, esso è soprannominato "il...
Consigli di Cucina

5 salse per la grigliata di pesce

Preparare una ricca cena a base di pesce, è senz'altro l'idea migliore per far apprezzare a tutti gli invitati le vostre capacità culinarie e il sapore del buon pesce fresco.Per rendere il pesce saporito però, spesso è necessario creare delle salsine...
Consigli di Cucina

Come addolcire il cetriolo

Il cetriolo è un ortaggio prettamente estivo nonostante si possa reperire dai fruttivendoli e nei supermercati in ogni periodo dell'anno. Il gusto è molto particolare in quanto è insapore. Nonostante ciò è molto buono ed è croccante sotto i denti....
Consigli di Cucina

Come usare la farina di riso

La farina di riso gode di tutte le proprietà nutritive dell'alimento da cui deriva: il riso. Nella cucina orientale viene utilizzata prevalentemente per la preparazione di biscotti secchi, cracker e gallette. Rispetto ad altre tipologie di farina, possiede...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.