Come usare i germogli di bambù

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I popoli asiatici ed in particolare i giapponesi, non rinunciano mai ai germogli di bambù, ovvero dei vegetali commestibili e simili agli asparagi, ideali per un contorno dal sapore particolare e vellutato. In riferimento a ciò, ecco una guida in cui spieghiamo come usare questi germogli, elencando anche una gustosa ricetta.

26

Occorrente

  • Germogli di bambù 120 grammi
  • Riso bianco o integrale 200 gr
  • Salsa di soia o di pomodoro 100 ml
  • Sale 1 cucchiaino
  • Funghi secchi 3 pz.
36

I germogli di bambù quando sono freschi, quindi appena scavati, risultano un po’ duri e con un retrogusto amaro, tutt’altro che sgradevole, ed in tal caso, è necessario farli bollire per ammorbidirli. I germogli di bambù sono inoltre a basso contenuto calorico, quindi ideali per inserirli in una dieta vegetariana, tenendo conto che per 100 grammi si ottengono soltanto 12 calorie e circa 1 grammo di fibre.

46

Se dunque si ha la fortuna di averne alcuni da coltivare oppure li acquistiamo in un supermercato etnico, ecco come cucinarli. Innanzitutto bisogna selezionarli, eliminando la spessa pelle che li riveste. A questo punto vanno tagliati a pezzetti, e messi in una pentola con abbondante acqua non prima di averli lavati accuratamente. Adesso è sufficiente portarli all’ebollizione (circa un'ora o più), fino a quando non appaiono sufficientemente teneri. Alcuni testi di cucina orientale, suggeriscono tra l’altro di aggiungere un paio di peperoncini nell’acqua bollente, poiché questi tendono ad aumentare paradossalmente la dolcezza dei germogli. Dopo averli fatti raffreddare, va rimossa l'eventuale pelle rimasta attaccata che non siamo riusciti ad eliminare in fase di pulizia. A questo punto, possiamo conservarli sottovuoto in una scatola, oppure cucinarli direttamente preparando la ricetta (Takenoko Gohan) illustrata nella foto, che di seguito ci apprestiamo a descrivere.

Continua la lettura
56

Per realizzare questo piatto tipico della primavera (germogli e riso), bisogna far cuocere del riso
bianco, anche se si potrebbe usare quello integrale. In entrambi i casi, vanno aggiunti quando è ancora crudo anche dei funghi secchi, la salsa di soia o del succo di pomodoro ed un pizzico di sale, lasciandolo però in ammollo per tutta la notte. Il giorno successivo in una padella si fa cuocere il riso dopo averlo filtrato, e nel frattempo si preparano i germogli tagliati a piccoli pezzetti, che si aggiungono quando il riso è cotto. Lasciandolo poi riposare per almeno dieci minuti, il risotto con i germogli è pronto per essere gustato come vuole la tradizione giapponese, e magari accompagnato dal classico sake.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come usare la farina di riso

La farina di riso gode di tutte le proprietà nutritive dell'alimento da cui deriva: il riso. Nella cucina orientale viene utilizzata prevalentemente per la preparazione di biscotti secchi, cracker e gallette. Rispetto ad altre tipologie di farina, possiede...
Consigli di Cucina

Preparare il sushi in 5 semplici passi

Il sushi è un piatto tipico della tradizione culinaria giapponese che negli ultimi anni ha raccolto un vasto consenso tra i più golosi dei paesi occidentali. Si tratta di una pietanza a base di riso bianco cotto, condito con dell'aceto di riso e unito...
Consigli di Cucina

Come fare la conserva di melanzane sott'olio

Qualora vi piacciono le melanzane, vi consiglio assolutamente di procedere nell'attenta lettura dei passaggi successivi della seguente pratica e deliziosa guida, nella quale vi spiegherò bene come bisogna fare correttamente la conserva di melanzane sott'olio,...
Consigli di Cucina

5 idee per realizzare una cena thailandese

Siete da sempre amanti della cucina orientale in particolare di quella thailandese e avete voglia di organizzare una deliziosa cena a base di cibo thai? La cucina è forse una della più apprezzate dai cultori della cucina fusion e dei nuovi mercati della...
Consigli di Cucina

5 modi di cucinare i tenerumi

I tenerumi sono le foglie tenere di una tipologia particolare di zucchina, dalla forma allungata e dal colore verde chiaro molto intenso, tipica della Sicilia, detta anche “zucchina serpente”, “tallo” o “cucuzza”. La peculiaritá delle sue...
Consigli di Cucina

I 10 cibi più ricchi di proteine

Le proteine costituiscono una parte essenziale di tutte le cellule del nostro corpo e svolgono un ruolo fondamentale nella crescita, nello sviluppo dei muscoli e nella riduzione del tessuto adiposo. Il nostro organismo non è capace di produrre proteine...
Consigli di Cucina

5 condimenti per gli spaghetti di soia

Gli spaghetti di soia, tipici della cucina orientale, sono oramai divenuti un alimento di facile reperibilitá anche sul mercato italiano, oltre che per le proprietá organolettiche, anche per le loro note proprietá salutari. Eccellente fonte di proteine...
Consigli di Cucina

Come cuocere le pere a vapore

Molto spesso a causa di problemi di salute o per una questione di dieta, è indicato mangiare il cibo cotto a vapore. La cottura a vapore mantiene intatte le proprietà del cibo e crea una cottura perfettamente appropriata per ogni alimento. Un broccolo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.