Come usare il malto nella panificazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

IIl malto è un ingrediente piuttosto importante nella panificazione. Le varietà esistenti dell'alimento in questione, confondono un po' le idee per chi è meno esperto nel settore, ma leggendo con estrema attenzione i passi di questa guida ed approfondendo l'argomento sul web, potrete sicuramente apprendere quante più informazioni utili possibili, per ottenere ottimi risultati. In questo modo, non solo avrete la possibilità di apprendere notizie utili per poter realizzare da soli il pane ed altri impasti simili, ma potrete anche risparmiare economicamente dal momento che potrete prepararvi da soli tante e deliziose ricette. A questo punto, non vi rimane che continuare a leggere con estrema attenzione le interessanti indicazioni riportate esattamente nei successivi passi di questa guida, per apprendere utilmente come usare il malto nella panificazione.

25

Occorrente

  • Malto
35

Sofficità e il volume:

Quando si mettono le "mani in pasta", e si desidera creare un impasto gonfio e ben lievitato, il malto sicuramente è adatto a favorire la lievitazione. Questo, oltre a creare una perfetta lievitazione, dona un colore vivo e dorato al pane formando una crosta davvero croccante e gustosa e in più; il profumo emanato da un pane lievitato con l'aggiunta del malto è davvero particolare e irresistibile. La sofficità e il volume della mollica dipendono molto speso dal malto, ma anche la riduzione dell'acidità nell'impasto può spesso dipendere dall'uso del malto.

45

Digeribilità e croccantezza:

L'amido contenuto nel chicco si trasforma in piccole molecole o meglio in zuccheri semplici. Questi zuccheri sono fondamentali per il processo di panificazione perché nutrono i lieviti, donano gusto e sapore intenso, profumano, colorano e migliorano la qualità del glutine presente nel pane. Il suo aspetto è simile al colore del miele ma molto spesso è anche di colorazione più scura. Il malto non è zucchero perché quest'ultimo toglie il sapore di lievito dal pane, mentre il malto trasforma l'amido in glucosio favorendone la lievitazione. Il malto dona una maggiore digeribilità, croccantezza, friabilità, voluminosità, eccetera.

Continua la lettura
55

Percentuali di malto da utilizzare:

Le percentuali di malto utilizzate rispetto alla farina, sono dell'uno o due percento. Anche nell'impasto della pizza, che solitamente richiede molto tempo, il malto è assolutamente consigliato. Il malto fornisce costantemente il cosiddetto "cibo" ai lieviti durante la lievitazione soprattutto alle farine più deboli. La qualità del malto si può misurare per il contenuto di amilasi: più il malto ne contiene più è di qualità. Il malto concentrato è infatti quello che ha più funzionalità e che viene più utilizzato nella panificazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pizze e Focacce

Come fare le focaccine alle erbe aromatiche

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter fare, con le proprie mani, le classiche focaccine alle erbe aromatiche, nella maniera più semplice e veloce, possibile.Attraverso i consigli e i suggerimenti contenuti all'interno...
Pizze e Focacce

Lievito madre: trucchi e consigli

Il lievito madre o pasta acida, è l'ingrediente principale di tante ricette di panificazione. Il lievito madre nasce nasce dall'impasto di farina e acqua, a cui viene aggiunto il cosiddetto "starter" cioè lo zucchero, che accelera il processo. Attivare...
Pizze e Focacce

Ricetta: baguette francese

La baguette è un pane dalla consistenza croccante sul lato esterno e morbida e spugnosa in quello interno. Questo formato di pane è tipico della tradizione culinaria francese ma viene utilizzato in tutto il mondo come base per realizzare gustosi panini...
Pizze e Focacce

Come fare il pane ai pistacchi

Il pane è uno degli alimenti maggiormente consumati in Italia e alla base di quella che viene definita "dieta mediterranea". Prima il pane veniva principalmente prodotto in casa, le nostre nonne erano delle esperte in questione. Oggi giorno invece sia...
Pizze e Focacce

Come preparare il bagel

Ripieno di salmone e crema di formaggio, spalmato di marmellata o semplicemente tostato con un po' di burro, il bagel è un vero toccasana per la colazione di tutti i giorni. A meno che non risediamo a New York (il bagel, infatti, è un alimento tradizionale...
Pizze e Focacce

Come fare la pasta madre senza glutine

Per fare la pasta madre senza glutine non si deve utilizzare la farina di grano duro. Questo cereale si sconsiglia a chi soffre d'intolleranze alimentari al grano oppure di celiachia. Essa è un problema autoimmune dell'intestino tenue. Colpisce i soggetti...
Pizze e Focacce

Come fare il pancarré

Il pancarré in casa finisce sempre troppo presto. È ideale per preparare veloci tramezzini, deliziose tartine oppure toast. Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo! Si caratterizza per la sua semplicità, il gusto delicato e la consistenza morbida....
Pizze e Focacce

Come preparare le focaccine al latte

Se decidiamo di preparare una colazione con qualcosa di gustoso, possiamo orientarci verso le focaccine al latte che si prestano a diverse farciture; infatti, sono semplici da realizzare, ci vogliono pochi ingredienti e occorre soltanto un po' di tempo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.