Come usare le mele cotogne in cucina

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le mele cotogne, una varietà dalla polpa e dal gusto particolarmente acre, sono originarie dell'Asia Minore. Gli antichi Greci e Romani apprezzavano molto questo frutto, tanto da citarlo in alcuni testi di autori molto importanti del passato, come Catone, Plinio il Vecchio e Virgilio. Il suo sapore particolare ne impedisce quasi l'uso allo stato non trattato e cioè da frutto fresco, per questo si usa in altri derivati. Questi derivati sono: le confetture dal gusto delicato, le gelatine e i liquori. Nella presente guida, vi fornirò alcune pratiche idee su come usare le mele cotogne in cucina. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • 1 kg di mele cotogne
  • un limone
  • 1 kg di zucchero
  • cannella o aromi a piacere
  • stampini preferibilmente in terracotta
36

Innanzitutto, questa ricetta è originaria della Sicilia, ma c'è anche chi la attribuisce alla città di Lodi. Come prima cosa, lavate molto accuratamente le mele e il limone sotto l'acqua corrente, dopodiché mettete a bollire sul fuoco una pentola con dell'acqua e tagliate il limone in due pezzi. Fatto ciò, tagliate le mele cotogne in pezzi più o meno della stessa dimensione e attendete che l'acqua raggiunga l'ebollizione, quindi versatevi dentro le mele e i due pezzi di limone: lasciate cuocere a fuoco basso e con un coperchio per circa 40 minuti. Trascorsi i minuti sopra indicati, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare il tutto.

46

Una volta che le mele si saranno raffreddate, potrete procedere a spellarle e a privarle completamente dei torsoli, dopodiché passatele al setaccio a maglia fitta e ponetele in una pentola insieme allo zucchero, quindi aggiungete alla purea di mele e lo zucchero, un mestolo dell'acqua filtrata dove prima avevate fatto bollire le mele e i limoni. Mettete la pentola sul fuoco basso per circa 30 minuti, mescolando frequentemente. Trascorsa la mezz'ora di cottura del composto, prendete gli appositi stampini di terracotta e bagnateli con dell'acqua.

Continua la lettura
56

Successivamente, aiutandovi con un mestolo o un cucchiaio, inserite il composto di mele negli stampini livellando bene il tutto. Arrivati a questo punto, non vi resta che esporre gli stampini al sole per alcuni giorni. Solidificata la parte esposta, dovrete togliere dallo stampino il composto e girarlo dalla parte che non è stata esposta, per farla solidificare al sole. In fase di cottura della purea, potete anche aggiungere alcuni aromi come la cannella, lo zenzero o la buccia di un'arancia. Gli stampini di terracotta sono tipici di questa ricetta, ma potete anche utilizzare altre tipologie di stampini, se non possedete quelli in terracotta.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare la gelatina di mele cotogne

La gelatina di mele cotogne consiste in una conserva di frutta, tipica delle regioni dell'Italia meridionale. I frutti del melo cotogno non sono adeguati per la consumazione a crudo, dal momento che sono particolarmente duri ed aspri. Tuttavia le mele...
Dolci

Come fare la marmellata di mele cotogne

Le mele cotogne rappresentano un tipo di frutta che è consumata principalmente durante la stagione autunnale. Si tratta di un alimento molto gustoso, a basso contenuto calorico e adatto a tutti. Le mele cotogne possono essere mangiate al naturale oppure...
Dolci

5 dolci da fare velocemente con le mele

Avete ospiti a cena e non sapete quale dessert cucinare? Ecco 5 dolci da fare velocemente con le mele, semplici e buonissimi. Vedremo come preparare un crumble di mele, un pasticcio di mele cotogne, delle ciambelle mele e banana, una deliziosa quiche...
Vino e Alcolici

Come preparare il vino di mele

Il vino di mele, meglio conosciuto come sidro, è una bevanda lievemente alcolica che affonda le proprie origini in tempi lontani. Nettare dolce e frizzantino tanto amato dalle popolazioni del Nord Europa, come i Bretoni e i Normanni, il vino di mele...
Dolci

Come fare lo zucchero di mela

In questa guida parleremo di un'alternativa interessante al classico utilizzo dello zucchero. Esisteno in commercio diverse tipologie di zucchero ma quella che tratteremo in questa guida è lo zucchero di mela. Si tratta di una tipologia di zucchero ideale...
Dolci

Come preparare lo sciroppo di mele

Lo sciroppo di frutta è una valida alternativa al comune zucchero; inoltre, rispetto a quest'ultimo ha un valore calorico inferiore. Una volta preparato, lo sciroppo può avere diversi utilizzi: essere bevuto caldo, diluito con acqua per avere una bevanda...
Dolci

Le 10 migliori ricette di dolci siciliani

La Sicilia costituisce senza dubbio una delle regioni italiane più ricche di storia e cultura. Inoltre questa regione ha una tradizione culinaria davvero antichissima e sono tantissime le ricette nate in questo luogo. Nella seguente guida pertanto verranno...
Dolci

Come preparare la marmellata senza zucchero

La marmellata può essere preparata senza zucchero scegliendo la frutta adatta. Essa è meno calorica, ma ugualmente gustosa e genuina in quanto viene preparata senza conservanti o dolcificanti. La preparazione della marmellata senza zucchero è un modo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.