Conserve da preparare a aprile

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Lo facevano le nostre nonne e, molti di noi, amano farlo ancora oggi, non solo per risparmiare ma, soprattutto per poter gustare cibi sani e con sapori che difficilmente troviamo nei prodotti che acquistiamo al supermercato. Preparare le conserve in casa, è un ottimo modo per avere nella dispensa dei prodotti di rara qualità e che amiamo consumare, oltre che per la loro bontà, per la soddisfazione di spalmare sul pane qualcosa fatto con le nostre mani. Vediamo, in questa guida, quali sono le conserve da preparare nel mese di aprile, quando la primavera ci regala alcuni dei suoi frutti migliori. Attenzione, però: ricordatevi sempre di sterilizzare i vasetti prima e dopo di averli riempiti, per evitare di contrarre malattie anche piuttosto gravi.

26

Confettura di fragole

Uno dei primi frutti che ci viene in mente pensando alla primavera, sono sicuramente le fragole, che iniziano a maturare già a marzo. Per realizzare questa ricetta vanno utilizzate solo fragole completamente mature che vanno lavate e asciugate per bene prima di essere preparate. Dopo averle tagliate a pezzi, si mischiano con il succo di due limoni (dose per due chili di fragole) e 1 kg di zucchero, lasciando riposare per circa due ore. A quel punto si inizia la cottura che durerà tre giorni, ma sarà molto veloce. Ogni 24 ore dovrete, infatti, far bollire il composto per 5 minuti, lasciarlo riposare e metterlo in frigo fino al giorno dopo. Al termine dei tre giorni la vostra confettura sarà pronta da mettere nei vasetti, che andranno chiusi in maniera ermetica e lasciati raffreddare a temperatura ambiente.

36

Marmellata di arance

Ad aprile, le arance stanno terminando, ma questo è proprio il periodo migliore per fare delle ottime marmellate, approfittando dell'ottimo grado di maturazione dei frutti. Prendete sei arance non trattate: della metà dovete utilizzare la scorza, avendo cura di non includere anche la pellicina bianca. Tale scorza andrà tagliata a piccolissimi tocchi che dovrete mischiare alla polpa, anche essa tagliata a cubetti, facendo attenzione a eliminare i semi. In una pentola, versate acqua sufficiente a ricoprire tutto il contenuto e mescolate poi con 1 kg di zucchero, fino a quando quest'ultimo non si sarà completamente sciolto. Lasciate bollire per un quarto d'ora e poi mettete il composto a riposare. Una volta che si sarà raffreddato, dovrete rimetterlo sul fuoco e lasciarlo cuocere per circa un'ora, mescolando di tanto in tanto per non farlo attaccare. Per assicurarsi che sia cotta al punto giusto, prendetene un cucchiaino e versatelo in un piattino. Se la marmellata colerà come miele, allora sarà pronta.

Continua la lettura
46

Marmellata di limoni

I limoni sono, in realtà, un frutto presente tutto l'anno. Aprile è, però, un ottimo momento per preparare la marmellata, avendola pronta per la stagione più calda in cui pochi di noi amano stare davanti ai fornelli caldi. La preparazione è praticamente uguale a quella della marmellata di arance, con l'unica differenza che non dovrete separare le scorza e che dovrete tagliare il tutto non a cubetti ma a fette molto sottili.

56

Conserva di asparagi

Il periodo migliore per fare la conserva di asparagi è a metà del mese di aprile, quando il prodotto raggiunge il periodo di massima produzione ed è quindi facilmente reperibile. La preparazione è veramente semplice. Bisogna pelare il gambo degli asparagi che vanno, poi, messi a bagno in una bacinella di acqua tiepida. Mentre facciamo questa operazione, mettiamo a bollire una pentola di acqua salata. Una volta terminati di pelare i gambi, inseriamo gli asparagi in verticale nei barattoli di vetro e andiamo poi a riempire lo spazio restante con l'acqua salata, accertandoci che i vegetali siamo completamente coperti. Se questi risultano troppo lunghi, evitare di schiacciarli ma, piuttosto, tagliamo la parte eccedente. I barattoli andranno poi chiusi ermeticamente e lasciati raffreddare a temperatura ambiente, prima di conservarli in un luogo buio e fresco.

66

Conserva di cicoria

La cicoria è una pianta ricca di proprietà nutritive che si conservano anche sott'olio. La verdura andrà, innanzitutto, privata delle sue parti più dure e poi immersa nell'acqua con del bicarbonato, utile per disinfettare e rimuovere tutti i residui di terra. Una volta risciacquata, si metterà a bollire con una manciata di sale grosso, vino e aceto (in quantità dimezzata rispetto al peso della cicoria. Se, ad esempio, decidete di preparare due chili di cicoria, dovrete usare un litro di vino e uno di aceto. Non vi preoccupate: gran parte del liquido evaporerà con il calore) per circa 10 minuti. A quel punto andrà scolata e lasciata asciugare su un panno di cotone per circa 6 ore, al termine delle quali potrete mettere il composto ottenuto nei vasetti, ricoprendo tutto di olio extravergine di oliva.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Conserve da preparare a febbraio

Febbraio è il mese dei kiwi, ma anche di arance, limoni, pompelmi e mandarini. Si tratta di frutta particolarmente ricca di vitamina C, indispensabile per potenziare le difese immunitarie dell’organismo. Ottime anche le mele e le pere, polpose e zuccherine,...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a novembre

Le conserve sono buone da mangiare in qualsiasi momento dell'anno; esse possono essere a base di frutta oppure di deliziose verdure. Per la preparazione di conserve perfette bisogna fare un lavoro: molto laborioso, di precisione e di pazienza. Inoltre,...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a gennaio

La frutta e la verdura sono un tipo di alimento che cambiano a seconda della stagione, per cui ogni mese è possibile trovarne una tipologia differente da poter utilizzare per le proprie ricette in cucina. Con questi alimenti è possibile preparare anche...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a giugno

Ogni frutto e ogni tipo di verdura cresce e matura in periodi diversi dell'anno. Alcune specie preferiscono i climi caldi, altre quelli più rigidi. Altre ancora sono presenti tutto l'anno. Nei primi casi parliamo di frutta e verdura di stagione. Possiamo...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a Marzo

Le conserve alimentari sono delle preparazioni gastronomiche antichissime, nate per poter consumare le verdure e gli ortaggi anche fuori stagione. Sono dette conserve anche quelle a base di frutta, più comunemente conosciute come "marmellate". Prepararle...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a dicembre

Oggi, grazie alle moltissime varietà di verdura e frutta disponibili in gran parte dell'anno, chi non vuole rinunciare al sapore di alcuni degli alimenti più amati può decidere di preparare delle conserve da gustare quando desidera. Si tratta di preparazioni...
Consigli di Cucina

10 consigli per preparare le conserve

Tradizione antica quelle delle conserve, che ci riporta alla mente i ricordi di qualche decennio fa, quando, soprattutto se si abitava in zone contadine e a scarsa industrializzazione, avere a disposizioni degli alimenti per tutto l'anno non era facile...
Consigli di Cucina

5 cose importanti da sapere se prepari le conserve in casa

È uso comune di molte persone, preparare in casa conserve o marmellate, utilizzando come materia prima i prodotti del proprio orto o giardino. Niente di meglio di questo procedimento per regalare al nostro palato sapori genuini, proprio come quelli di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.