Conserve da preparare a gennaio

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La frutta e la verdura sono un tipo di alimento che cambiano a seconda della stagione, per cui ogni mese è possibile trovarne una tipologia differente da poter utilizzare per le proprie ricette in cucina. Con questi alimenti è possibile preparare anche delle conserve, ideali soprattutto nel periodo estivo, in modo tale da poter mangiare in inverno cibi prettamente estivi. Vero che oggi grazie alla globalizzazione, è possibile reperire frutta e verdura di ogni tipo in qualsiasi momento dell'anno, ma le conserve consentono di mangiare prodotti non concimati e per questo più salutari. In particolare questa guida si concentrerà sulle conserve da preparare a gennaio, per gustare qualcosa dal sapore naturale e genuino.

24

Innanzitutto bisogna classificare i frutti e le verdure che si possono reperire in inverno, in particolare a gennaio. Tra la frutta si hanno arance, limoni, mandarini, kiwi e pere. Tra le verdure invece ci sono finocchi, carciofi, carote, cavolfiori e broccoli.

34

Si possono preparare conserve con i singoli ortaggi, oppure unire tutte le verdure in una giardiniera sottaceto, per condire insalate di riso o come antipasto. Per i carciofi pulirli scartando le foglie esterne che sono più dure e, lasciando quelle interne più morbide, togliendo le eventuali punte acuminate. Tagliare poi il gambo fino ad un cm. Dividere i carciofi a metà e farli riposare in acqua e limone, per evitare l'ossidazione, che rende i carciofi di un colore scuro. Bollire una parte di acqua e una di aceto, in una pentola non di alluminio, per non rendere i carciofi amarognoli. Aggiungere delle spezie come alloro, pepe in grani, sale. Immergere i carciofi e cuocere per 4 minuti circa, in base alla grandezza. Togliere dal fuoco e mettere a scolare su un panno, per eliminare l'acqua. Preparare in seguito i vasetti di vetro già sterilizzati e riempirli con aglio, peperoncino e grani di pepe. Aggiungere i carciofi e ricoprire con olio di oliva e di semi. Lasciar riposare per almeno 30 giorni prima di consumare. Questo procedimento si può usare per tutti i tipi di verdure con olio o aceto.

Continua la lettura
44

Per mantenere le conserve a lungo ed assicurarsi che non si formino muffe o batteri, oltre alla sterilizzazione sarà necessario creare il sottovuoto. Per le marmellate, inserire il prodotto ancora caldo nel vasetto e capovolgere. Per le verdure invece, riempire il vasetto di olio o aceto, fino all'orlo. Per essere sicuri basterà premere il centro del tappo, che dovrà aver fatto una piccola fossetta, prova che nel vasetto non c'è aria e quindi il sottovuoto è andato a buon fine.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Conserve da preparare a febbraio

Febbraio è il mese dei kiwi, ma anche di arance, limoni, pompelmi e mandarini. Si tratta di frutta particolarmente ricca di vitamina C, indispensabile per potenziare le difese immunitarie dell’organismo. Ottime anche le mele e le pere, polpose e zuccherine,...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a novembre

Le conserve sono buone da mangiare in qualsiasi momento dell'anno; esse possono essere a base di frutta oppure di deliziose verdure. Per la preparazione di conserve perfette bisogna fare un lavoro: molto laborioso, di precisione e di pazienza. Inoltre,...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a giugno

Ogni frutto e ogni tipo di verdura cresce e matura in periodi diversi dell'anno. Alcune specie preferiscono i climi caldi, altre quelli più rigidi. Altre ancora sono presenti tutto l'anno. Nei primi casi parliamo di frutta e verdura di stagione. Possiamo...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a Marzo

Le conserve alimentari sono delle preparazioni gastronomiche antichissime, nate per poter consumare le verdure e gli ortaggi anche fuori stagione. Sono dette conserve anche quelle a base di frutta, più comunemente conosciute come "marmellate". Prepararle...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a dicembre

Oggi, grazie alle moltissime varietà di verdura e frutta disponibili in gran parte dell'anno, chi non vuole rinunciare al sapore di alcuni degli alimenti più amati può decidere di preparare delle conserve da gustare quando desidera. Si tratta di preparazioni...
Consigli di Cucina

10 consigli per preparare le conserve

Tradizione antica quelle delle conserve, che ci riporta alla mente i ricordi di qualche decennio fa, quando, soprattutto se si abitava in zone contadine e a scarsa industrializzazione, avere a disposizioni degli alimenti per tutto l'anno non era facile...
Consigli di Cucina

Conserve da preparare a aprile

Lo facevano le nostre nonne e, molti di noi, amano farlo ancora oggi, non solo per risparmiare ma, soprattutto per poter gustare cibi sani e con sapori che difficilmente troviamo nei prodotti che acquistiamo al supermercato. Preparare le conserve in casa,...
Consigli di Cucina

5 cose importanti da sapere se prepari le conserve in casa

È uso comune di molte persone, preparare in casa conserve o marmellate, utilizzando come materia prima i prodotti del proprio orto o giardino. Niente di meglio di questo procedimento per regalare al nostro palato sapori genuini, proprio come quelli di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.