Consigli per conservare la frutta fresca più a lungo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La frutta fresca, soprattutto se di stagione, oltre ad essere un toccasana per la salute si rivela un buon spuntino per le prossime giornate estive. Non appesantisce, aiuta la digestione, ha proprietà drenanti, diuretiche ed antiossidanti. In poche parole rappresenta la risposta adatta ad una dieta sana ed equilibrata. L'estate è la stagione che regala la maggior varietà di frutta, ed acquistarla quotidianamente consente di consumarla sempre fresca. Non tutti però fanno la spesa giorno dopo giorno, vuoi per questioni di lavoro, vuoi per la lontananza dei punti vendita, per cui conservare bene la frutta diventa un'esigenza utile contro qualsiasi spreco. Di seguito darò dei consigli per mantenerla fresca più a lungo.

27

Acquistare frutta ancora acerba

Molti di noi vivono la quotidianità divisa fra lavoro, casa e famiglia e l'assenza di tempo ci conduce a riorganizzare la spesa nell'arco del tempo libero, ovverosia il sabato pomeriggio. Armati di carta di credito e di promemoria si acquisteranno provviste che dovranno durare per la settimana a venire, comprendendo anche una scorta di frutta. Se l'intenzione sarà quella di comperarne molta, scegliete quella più acerba, come ad esempio le banane ancora verdi, le mele dalla buccia leggermente bianca, i kiwi ancora duri. In questo modo essa maturerà nell'arco dei giorni successivi, giusto il tempo di essere gustata a metà settimana.

37

Utilizzare gli scomparti del frigorifero

Il frigorifero è un buon alleato per mantenere la frutta intatta fino al momento della consumazione. Per non fare di tutta la frutta un cespo esistono alcune varietà che dovranno essere lasciate fuori, altre invece conserveranno le loro proprietà all'interno del frigo. Ottimi per ambienti freschi sono gli agrumi, come i limoni, il lime, le arance, o la frutta giunta a maturazione, come le mele e le banane leggermente macchiate. Il frigorifero non è adatto per le fragole e i frutti di bosco che, essendo delicati, perdono facilmente il loro sapore. Anche le pesche non tollerano il frigo. A contatto con ambienti freddi esse formano le classiche macchie marroni che ne deturpano il gusto.

Continua la lettura
47

Non lavare la frutta se non consumata

Per questioni di igiene si è abituati a lavare la frutta non appena si giunge a casa. Polvere, metalli e quant'altro potrebbero entrare in contatto con altri alimenti, contaminandoli. Lavare la frutta per poi consumarla in un secondo momento contribuisce al loro deterioramento, poiché l'acqua e l'umidità formerebbero la muffa guastando tutto. Utilizzate piuttosto dei cesti in vimini, delle insalatiere in plastica o delle cassette per riporla fino all'effettivo consumo e, per mantenere intatto il sapore, separate le varietà nei vari contenitori. Lasciate riposare la frutta in luoghi bui e asciutti, come la credenza o il ripostiglio.

57

Toglierla dagli involucri di plastica dopo la spesa

I supermercati forniscono sacchetti di plastica per riporre la frutta prima dell'acquisto. Nelle occasioni delle offerte le fragole, l'uva, i kiwi vengono preimbustati per essere venduti a peso già stabilito. Giunti a casa togliete tutto dagli involucri di plastica che, pur esseno perforati, impediscono alla frutta di respirare. La plastica, inoltre, rilascia sostanze nocive e conducendo calore può far marcire i prodotti al suo interno. Inoltre non conservate mai la frutta nei sacchetti del congelatore che, generando umidità, contribuiscono all'insorgere della muffa. Usateli per carni e altro.

67

Usare canovacci e stagnola per mantenerla fresca

È il caso delle angurie e dei meloni quando vengono iniziati ma non del tutto consumati. Alcuni consigliano di riporre le fette in frigo, per assaporarle fresche, ma la loro durata non dovrebbe protrarsi oltre i due - tre giorni. Il frigo, inoltre, tende ad asciugare raggrinzendone la polpa rendendo il sapore scialbo e pastoso. Se preferite consumare freddi sia l'anguria che il melone, ricoprite la superficie con dei fogli di stagnola o dei canovacci puliti. La polpa manterrà la sua consistenza succosa e non perderà i liquidi dissetanti.

77

Conclusioni

Gli escamotage casalinghi sono infiniti. Ad esempio per evitare l'ossidazione delle mele avanzate basterà tagliarle e irrorarle di succo di limone, ponendole all'interno di un contenitore ermetico e lasciandole in frigo. Oppure qualcuno parla di etilene, un gas rilasciato dalla frutta matura, utile per quelle varietà ancora acerbe. Qualsiasi sia il vostro rimedio personale il miglior consiglio è uno solo: acquistate la frutta giorno dopo giorno!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

10 consigli per conservare frutta e verdura

Conservare gli alimenti in modo corretto è importante, non solo per la salute, ma anche per esser sicuri che le proprietà organolettiche dei cibi non vengano compromesse. Frutta e verdura, da questo punto di vista, non sempre sono facili da gestire,...
Consigli di Cucina

5 consigli per montare la panna fresca

Quando prepariamo in casa dei dolci, spesso ci blocchiamo nel momento di montare la panna. Questa operazione è ideale per guarnire torte e gelati e può risultare difficile, ma in realtà non è cosi; infatti, in base alla qualità del latte e dalla...
Consigli di Cucina

Consigli per mantenere l'aglio a lungo

L'aglio è un vegetale molto utile in cucina. Grazie all'aglio si possono infatti insaporire moltissimi cibi e creare combinazioni davvero gustose. Spesso l'aglio viene venduto in confezioni molto abbondanti ma, avendo un gusto abbastanza intenso, non...
Consigli di Cucina

5 consigli per macerare la frutta

Quando si pensa alla macerazione della frutta torna sicuramente subito alla mente la sangria, la celebre bevanda spagnola a base di frutta e vino rosso. La sangria però non è l'unica ricetta che prevede la macerazione della frutta: esistono anche moltissime...
Consigli di Cucina

Consigli per conservare la salsa tahina

Oggi daremo dei consigli per conservare un composto che serve in cucina, la cui consistenza è pari al patè, particolarmente gustoso e nutriente, infatti contiene una buona quantità di calcio e rinforza il sistema immunitario, tenendo conto che è principalmente...
Consigli di Cucina

Consigli per conservare il pesto

Il pesto, un gustoso condimento a base di basilico fresco, spopola sulle tavole soprattutto durante la stagione estiva. È possibile prepararne in maggiori quantità, da mettere da parte e conservare, al fine di poterlo gustare anche durante l'inverno....
Consigli di Cucina

Consigli per un cous cous alla frutta

Il cous cous è un alimento tipico dell’Africa settentrionale e del Vicino-Oriente, ma si consuma anche in Sicilia e in Francia. È costituito da granelli di frumento cotti al vapore, essiccati e macinati. Dal punto di vista nutrizionale è ricco di...
Consigli di Cucina

Come utilizzare la curcuma fresca

Nelle nostre cucine, aumenta sempre più il consumo di spezie, anche di quelle meno conosciute. Oggi vi parliamo della Curcuma, una spezia di origine asiatica, ricca di proprietà benefiche. Questa spezia è un vero toccasana per la nostra salute, perché...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.