15

Consigli per cuocere bene (e far lievitare) una torta

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

Un settore culinario molto importante è quello dolciario, in particolar modo l'ambito che rappresenta tutti i dolci è quello legato alla preparazione delle torte. La torta oltre ad essere simbolo per eccellenza del dolce è anche un dolce che ha avuto una storia non poco recente, figurando come elemento di raffinatezza e prelibatezza per pochi soprattutto nei secoli scorsi. Oggi le torte possono essere facilmente acquistate in molti punti vendita alimentari anche non specializzati in quest'unico settore; chi invece ha intenzione di volersi confrontare con questa sfida di preparazione potrà seguire la nostra guida. Infatti in questa occasione daremo dei consigli su come cuocere una torta, che sia per un nostro caro o solo per fare una sorpresa alla nostra famiglia vedrete che il pensiero sarà sicuramente gradito da tutti. Per la preparazione non occorrerà altro che una buona dose di pazienza e tanta passione, considerando che per gli aspetti tecnici non vi basterà altro che seguire i passi di questa guida. Buon lavoro!

25

Innanzitutto sarà necessario procurarsi tutti gli ingredienti necessari. Dopodiché bisognerà mescolare i suddetti ingredienti seguendo l'ordine riportato nella ricetta. Nel frattempo è opportuno preriscaldare il forno. Se si fa un buon ciambellone occorrono 3 uova (montare prima i bianchi), un vasetto di yogurt da usare come contenitore, tre vasetti di farina, due di zucchero, uno di olio di mais, vanillina, lievito e cioccolato o marmellata secondo le preferenze.

35

È bene tenere conto del tipo di forno che si utilizza per cuocere il dolce.
Se si possiede un forno ventilato, la temperatura ideale per cuocere la torta si aggira intorno ai 180°C con calore sopra e sotto. Se si adopera una temperatura più alta, il rischio sarà quello di far bruciare esternamente il dolce, lasciandolo crudo dentro. Mentre se si ha un forno a gas, la temperatura ideale si aggira intorno ai 200°C. Se, invece, il un forno è moderno, quindi statico e ventilato, è preferibile utilizzare la modalità statica per la cottura dei dolci con una temperatura che si aggira intorno ai 180°C.

Continua la lettura
45

È importante in ogni caso rispettare il tempo di cottura della suddetta torta indicato nella ricetta. È assolutamente vietato aprire il forno nei primi 20 minuti di cottura, soprattutto se il dolce contiene lievito. Sarebbe preferibile non aprirlo fino alla fine della cottura.
Dopo aver riscaldato il forno alla giusta temperatura è possibile infornare la torta disponendo la teglia a metà altezza.

55

Grazie al vapore la torta rimarrà morbida. Di tanto in tanto bisogna visionare la cottura, e prima di tirar fuori la suddetta torta dal forno, è bene accettarsi che sia ben cotta punzecchiandola con uno stecchino. Se lo stecchino rimane asciutto vuol dire che la torta è ben cotta e pronta per essere tirata fuori dal forno.

14

Come far lievitare una torta

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

La lievitazione di prodotti a base di farina rappresenta un processo al quale non sempre viene riconosciuta la giusta importanza. Il risultato, in molti casi è quello di ottenere una volta terminata la fase di cottura, una torta bella alta e degna della migliore tradizione dell'arte pasticcera. A tale proposito, ecco una guida con alcuni consigli utili su come far lievitare al meglio una torta.

24

La soluzione più semplice è quella di utilizzare il lievito secco in polvere; in questo caso è sufficiente versarlo in un bicchiere, aggiungere un dito di acqua fredda e la punta di un cucchiaino di zucchero, quindi mescolare con un cucchiaio e lasciare riposare la miscela per una decina di minuti. Successivamente versarlo assieme alla farina per lavorare l'impasto. Quando si decide di impiegare il lievito di birra per realizzare le torte, invece, è necessario tenere conto che la sua attività è influenzata in maniera importante dalle temperature.

34

Nella fase di lievitazione di una torta cercare di mantenere umida la crosta dell'impasto. È praticamente impossibile avere a disposizione una temperatura di lievitazione ottimale; il consiglio è quello di preparare un impasto tiepido. Per tale motivo, iniziare impastando la farina assieme all'acqua tiepida, ma se devono essere aggiunte uova e burro, ingredienti piuttosto freddi, è preferibile fare ricorso all'acqua calda. Una volta terminato di lavorare l'impasto trasferirlo su di una teglia (con la superficie coperta da fogli di carta da forno) e ricoprirlo con un telo di plastica (o, in alternativa, con un sacchetto di plastica tagliato sui lati). Quest'ultimo è fondamentale per trattenere l'umidità eventualmente fuoriuscita dalla torta. Nel caso in cui l'ambiente cucina risulti eccessivamente freddo, potrebbe rallentare la lievitazione dell'impasto, per cui conviene trasferirlo nel forno, accendendo quest'ultimo con una temperatura impostata al minimo dei gradi.

Continua la lettura
44

A margine di questa guida è importante ricordare e nel contempo sottolineare alcuni dettagli non trascurabili; infatti, c'è da sapere che l'aggiunta di zucchero e burro ad un impasto tendono in genere ad appesantire la torta, per cui la fase di levitazione potrebbe essere molto più lunga del previsto e la stessa buona riuscita non è garantita. Il consiglio in tal caso trattandosi di un dolce, è di usare il lievito specifico che in pratica non richiede l'uso eccessivo dei suddetti ingredienti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.