Consigli per la conservazione del pangrattato

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In cucina, il pangrattato rappresenta uno degli ingredienti utilizzati con maggiore frequenza; ad esempio, viene impiegato per preparare delle verdure ripiene, oppure per condire un piatto di pasta, magari assieme a delle alici e ad un filo d'olio extravergine di oliva. Sono molte le persone che decidono di realizzare del pangrattato direttamente in casa, soprattutto per non sprecare del pane avanzato, ormai impossibile da usare normalmente a tavola perché secco. Nella presente guida verranno forniti dei consigli per la sua conservazione.

26

Conservare il pangrattato in barattoli di vetro

Il metodo più utilizzato per cercare di conservare a lungo il pangrattato consiste nell'affidarsi a dei barattoli di vetro. È possibile scegliere tra barattoli dotati di guarnizione di gomma e modelli che dispongono di un comune tappo a vite (come quelli solitamente impiegati per le conserve). Rispetto alla conservazione di marmellate o di altri alimenti, in questo caso non è necessario procedere alla sterilizzazione del barattolo. Dopo averli riempiti con il pangrattato, i vasetti devono essere riposti in un luogo fresco e asciutto; seguendo questo consiglio sarà possibile conservare il pane per dei mesi.

36

Utilizzare dell'alloro per aumentare i tempi di conservazione

Sono molte le persone che, quanto preparano il pangrattato in casa, decidono di dare a quest'ultimo un sapore particolare tritando, assieme al pane secco, anche delle piante aromatiche. Una di queste, l'alloro, ha anche la caratteristica di favorire la conservazione; una foglia secca, infatti, aiuta ad evitare che si formino delle pericolose muffe contribuendo, al contempo, ad allontanare eventuali insetti.

Continua la lettura
46

Impiegare dei sacchetti del pane vuoti per riporre il pangrattato

Un'alternativa ai vasetti di vetro è rappresentata dai comuni sacchetti nei quali viene riposto il pane una volta acquistato dal panettiere. Rispetto ai barattoli, i sacchetti sono più efficaci nell'evitare che si formino dei ristagni d'umidità, che potrebbero dare origine alla muffa. Quest'ultima si formerebbe soprattutto nel caso in cui il pane sia stato tritato ancora non perfettamente asciutto.

56

Fare ricorso ad un recipiente a chiusura ermetica

Un altro consiglio per la conservazione del pangrattato è quello di utilizzare un recipiente a chiusura ermetica. In questo caso lavare e asciugare quest'ultimo con estrema cura prima di utilizzarlo, quindi versare al suo interno il pangrattato, cercando di non arrivare al bordo. Per terminare chiudere con molta attenzione il coperchio.

66

Evitare di congelare il pangrattato

Infine, se si desidera conservare il più a lungo possibile il pangrattato evitare di congelarlo, perché si formerebbe inevitabilmente dell'umidità. Procedere in questo modo solo quando è possibile ricorrere all'apposita macchina per il sottovuoto. Ad ogni modo, se il pangrattato viene surgelato, cercare di utilizzarlo entro poche settimane.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Consigli per la conservazione del sugo

Quando in cucina si prepara una sugo particolare, o semplicemente una passata di pomodoro, può capitare di prepararne una quantità eccessiva rispetto a quella da utilizzare. A quel punto, per evitare inutili sprechi, occorre conservare il tutto nel...
Consigli di Cucina

5 alternative al pangrattato

Il pangrattato è un alimento molto utile che ci aiuta non solo ad addensare le nostre salse e ad assorbire l' umidità presente su alcuni cibi, ma anche a preparare delle gustosissime cotolette fritte. Tuttavia, se in casa non abbiamo il pangrattato,...
Consigli di Cucina

Guida domestica per la conservazione delle verdure

La cucina è il "cuore" della casa, dove i momenti più intensi e famigliari prendono corpo. Eppure, molto spesso ignoriamo i piccoli segreti per renderla ancora più funzionale e intelligente. Per evitare quindi sprechi inutili è importante conoscere...
Consigli di Cucina

Consigli per arrostire e condire le melanzane

Se come secondo piatto o per contorno preferiamo elaborare delle ricette a base di melanzane, possiamo sbizzarrirci con diversi metodi di cottura, ed alcuni ideali anche per chi segue una dieta. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni consigli...
Consigli di Cucina

Consigli per conservare il pesto

Il pesto, un gustoso condimento a base di basilico fresco, spopola sulle tavole soprattutto durante la stagione estiva. È possibile prepararne in maggiori quantità, da mettere da parte e conservare, al fine di poterlo gustare anche durante l'inverno....
Consigli di Cucina

10 consigli per non far scuocere il riso

Amate preparare il riso ma ogni volta avete sempre il timore che possa venire troppo scotto? Nessun problema! Questa guida va proprio al caso vostro. Seguendo i semplici consigli di questa guida anche voi riuscirete a non far scuocere il vostro riso....
Consigli di Cucina

5 consigli per macerare la frutta

Quando si pensa alla macerazione della frutta torna sicuramente subito alla mente la sangria, la celebre bevanda spagnola a base di frutta e vino rosso. La sangria però non è l'unica ricetta che prevede la macerazione della frutta: esistono anche moltissime...
Consigli di Cucina

5 consigli per una perfetta frollatura

La frollatura si può definire come una specie di stagionatura delle carni fresche. Essa permette di rendere le nostre bistecche molto tenere nonostante la presenza di tessuti fibrosi. I migliori macellai posseggono delle celle frigorifere con un'umidità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.