Cozze alla busara

tramite: O2O
Difficoltà: media
Cozze alla busara
15

Introduzione

Le cozze sono sicuramente i molluschi più comuni che si possono trovare, ed ideali per servirli come antipasto oppure per condire dei primi piatti. In questa guida nello specifico, ci occupiamo di descrivere una specialità detta alla busara, ovvero una particolare elaborazione delle cozze con vino bianco e pangrattato, che trae le sue origine in Croazia.

25

Occorrente

  • Cozze 1 kg.
  • Prezzemolo q.b
  • Vino bianco 1 bicchiere
  • Pangrattato 50 gr.
  • Peperoncino 1
  • Pepe nero 20 gr.
35

Per preparare un gustoso tegame a base di cozze con il metodo di cottura croato, l'ideale è optare per quelle di tipo coltivato poiché oltre ad essere maggiormente sicure dal punto di vista igienico sanitario, sono anche più grandi di dimensioni. Anche quelle di scoglio sono tuttavia ottime per l'elaborazione della ricetta in oggetto, pur essendo più piccole; infatti, secondo molti chef, profumano di più rispetto alle prime.

45

Per iniziare prendiamo innanzitutto le cozze, e con una spazzola metallica le liberiamo sulla superficie della classica peluria peraltro simile alla canapa. A questo punto, le sciacquiamo in abbondante acqua corrente, non prima di aver tirato da ognuna con le mani, il filo che in modo naturale le cozze creano per attaccarsi alle nasse (se coltivate) oppure agli scogli. Fatto ciò, le mettiamo un attimo da parte, e prendiamo una padella abbastanza alta e all'interno versiamo l'olio, aggiungendo dell'aglio e facendolo soffriggere fin quando non diventa dorato. A questo punto, prendiamo le cozze e le versiamo nella padella ricoprendola con un coperchio, in attesa che i gusci si aprano. Trascorsi circa dieci minuti, e dopo aver controllato che effettivamente l'apertura sia avvenuta per tutte le cozze, non ci resta che procedere con la fase finale dell'elaborazione della ricetta alla busara.

Continua la lettura
55

Nella padella adesso aggiungiamo dell'abbondante prezzemolo opportunamente tritato con una mezza luna, e lo versiamo a pioggia cercando di farlo amalgamare su gran parte delle cozze. A questo punto, giunge finalmente il momento di utilizzare i due ingredienti base che caratterizzano questa ricetta; infatti, nello specifico versiamo del vino bianco, dopodichè rimettendo la padella sul fuoco (a fiamma bassa) lo facciamo sfumare. Quando ciò avviene, a pioggia aggiungiamo del pangrattato girando poi le cozze con due cucchiai, e facendo in modo che il prodotto vada a depositarsi sul fondo, unendosi quindi all'olio e creando una specie di cremina. A margine c'è da aggiungere che per arricchire ulteriormente il gusto, è possibile utilizzare del peperoncino oppure del pepe nero, come prevedono gran parte dei piatti a base di molluschi della cucina mediterranea.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Ricetta: cozze gratinate con ripieno di verdure

Ci sono piatti che si possono portare a tavola sia come antipasti sia come secondi. I frutti di mare fanno parte di questo elenco. In particolar modo vengono molto apprezzate le cozze. Infatti, la cucina mediterranea ha messo a disposizione nel tempo...
Pesce

Ricetta: cozze ripiene alla calabrese

Oggi vi presentiamo un piatto a base di cozze ideale da servire come antipasto: le cozze ripiene alla calabrese. Quando acquistate le cozze, qualsiasi sia il periodo dell'anno, controllate che ci sia la luna crescente o piena; vi assicurerete di trovare...
Pesce

Come fare la frittata di cozze

Le cozze sono spesso sottovalutate: in molti, infatti, le considerano lo scarto del mare. La loro pulizia è abbastanza impegnativa e si impiega molto tempo per completarla al meglio. Sul loro guscio troviamo attaccate diverse sporcizie provenienti dagli...
Pesce

Ricette veloci con le cozze

Uno dei molluschi utilizzato spesso in cucina sono le cozze. Queste si possono cucinare in mille modi. Inventando anche ricette, che aiutano a variare l'alimentazione giornaliera. Le cozze risultano molto apprezzate e particolarmente versatili. Inoltre,...
Pesce

Come fare le cozze fritte

Quella delle cozze fritte, è una ricetta di origine Pugliese, proveniente probabilmente dalla provincia di Taranto, città famosa per la pesca e l'allevamento di cozze, considerate patrimonio gastronomico locale. È una ricetta gustosa e sfiziosa, che...
Pesce

Ricetta: zuppa di cozze allo zafferano

Per la loro economicità le cozze, questi frutti di mare gustosissimi, hanno un sicuro successo nella tavola degli italiani. Generalmente prima di cucinarle è indispensabile pulirle accuratamente. Solitamente le cozze che andiamo a comprare dal pescivendolo...
Pesce

Cozze alla tarantina: ricetta

La ricetta delle cozze alla tarantina rappresentano uno dei piatti tipici della cucina pugliese. Chi ama i sapori decisi e caratteristici, apprezzerà senza dubbio questa pietanza. Le cozze alla tarantina sono ottime sia come primo piatto che come antipasto....
Pesce

Come preparare le cozze gratinate al pecorino

Il pesce è un ingrediente largamente utilizzato nella cucina italiana. Le cozze, in particolare, si prestano a numerose preparazioni. Una ricetta semplice e di grandissimo effetto è sicuramente quella che prevede la gratinatura delle cozze. Perfette...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.