Cozze alla tarantina: ricetta

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Cozze alla tarantina: ricetta

La ricetta delle cozze alla tarantina rappresentano uno dei piatti tipici della cucina pugliese. Chi ama i sapori decisi e caratteristici, apprezzerà senza dubbio questa pietanza. Le cozze alla tarantina sono ottime sia come primo piatto che come antipasto. Il pane tostato sarà il tocco finale che esalterà ancora di più il mix delizioso di pesce, pomodoro ed aromi. La preparazione è abbastanza complicata e richiede due ore di tempo.

26

Occorrente

  • Cozze 1 kg
  • Polpa di pomodoro 400 g
  • Vino bianco 50 g
  • Peperoncino fresco 1
36

La preparazione delle cozze

La parte più laboriosa della ricetta delle cozze alla tarantina è la pulizia dei molluschi. Prendete le cozze e lavatele sotto il getto dell'acqua corrente. Togliete le impurità e le escrescenze esterne aiutandovi con un coltellino. In una padella versate due cucchiai abbondanti di olio extravergine di oliva. Sbucciate uno spicchio di aglio e rosolatelo per qualche minuto nell'olio. Tritate finemente il prezzemolo e un po' di erba cipollina. Buttate le cozze in padella e aggiungete il trito di erbe aromatiche. Dopo cinque minuti di cottura a fiamma bassa, versate poco per volta il vino bianco. Vedrete che le cozze inizieranno a schiudersi.

46

Il sugo

Quando le cozze saranno cotte, toglietele dal fuoco. Tritate nel frattempo un peperoncino rosso, eliminando i semi. In una seconda padella, versate altri due cucchiai di olio e rosolate uno spicchio di aglio. Mescolate il soffritto con un cucchiaio di legno per un paio di minuti. Versate quindi la polpa di pomodori, meglio se fatta in casa. Aggiustate con sale e pepe. Non esagerate con il sale, perché le cozze alla tarantina sono già molto saporite. Aggiungete anche un pizzico di zucchero per eliminare il gusto acidulo del pomodoro.

Continua la lettura
56

La preparazione dei crostini e la presentazione del piatto

Scolate le cozze e tenete da parte il brodo di cottura. Intanto, lasciate che il sugo al pomodoro cuocia per altri dieci minuti. Nel frattempo, tagliate a tocchetti qualche fetta di pan carrè o, come vuole la ricetta delle cozze alla tarantina, del pane pugliese. Preriscaldate il forno ventilato a 250 gradi. Oliate in abbondanza una teglia e adagiatevi i tocchetti di pane. Infornate e cuocete i crostini per circa cinque minuti. Buttate le cozze nel sugo al pomodoro e mescolate tutti gli ingredienti. Proseguite la cottura per qualche minuto, poi trasferite le cozze alla tarantina nel piatto di portata. Servite la pietanza ancora ben calda in tavola, insieme ai deliziosi e croccanti crostini. Il vino perfetto per la ricetta delle cozze alla tarantina è un bianco fermo a temperatura ambiente. Non mi resta che augurarvi buon appetito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Come fare le cozze fritte

Quella delle cozze fritte, è una ricetta di origine Pugliese, proveniente probabilmente dalla provincia di Taranto, città famosa per la pesca e l'allevamento di cozze, considerate patrimonio gastronomico locale. È una ricetta gustosa e sfiziosa, che...
Pesce

Come preparare le cozze gratinate al pecorino

Il pesce è un ingrediente largamente utilizzato nella cucina italiana. Le cozze, in particolare, si prestano a numerose preparazioni. Una ricetta semplice e di grandissimo effetto è sicuramente quella che prevede la gratinatura delle cozze. Perfette...
Pesce

Come fare la frittata di cozze

Le cozze sono spesso sottovalutate: in molti, infatti, le considerano lo scarto del mare. La loro pulizia è abbastanza impegnativa e si impiega molto tempo per completarla al meglio. Sul loro guscio troviamo attaccate diverse sporcizie provenienti dagli...
Pesce

Come cucinare le cozze con le uova

Questa è una ricetta molto particolare, un modo diverso e originale di preparare e servire le classiche cozze. Attraverso questa ricetta saremo in grado di dare un sapore del tutto nuovo a questo mollusco. Potremo tranquillamente usare questa ricetta...
Pesce

Come cucinare le cozze

Le cozze sono dei molluschi molto utilizzati in cucina, ma il loro consumo richiede particolari precauzioni, in quanto molto spesso sono un vero e proprio deposito di virus e batteri portatori di malattie infettive come il tifo, il colera e l'epatite...
Pesce

Come riconoscere le cozze fresche

La cozza è un mollusco che nella sua parte strutturale è costituito da due valve uguali tra loro, a forma di goccia, ed unite da una specie di cerniera, costituita da dentelli. È presente in abbondanza, nel Mar Mediterraneo e, vive aggrappata agli...
Pesce

Come preparare le cozze in crema di fagioli

In questa ricetta vi spiegherò in tre semplici passi come preparare le cosse in crema di fagioli. Vi sembrerà una ricetta alquanto stramba, al primo impatto lo sarà per tutti. Ma assaggiando le cozze in crema di fagioli vi ricrederete e e ci ritornerete....
Pesce

Come fare le cozze al vapore

Ci sarà sicuramente capitato di organizzare con i nostri amici e parenti, un pranzo o una cena presso la nostra abitazione. Il problema principale, che ogni volta si pone, è cosa preparare per riuscire a soddisfare tutti i nostri invitati. Su internet...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.