Creare un perfetto Cocktail Martini

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nella seguente guida che vi esplicheremo immediatamente nei passaggi che seguiranno, indicandovi come potrete creare un perfetto Cocktail Martini. Esso ha potuto avere un successo enorme in tutto il mondo, in quanto è la bevanda preferita del celebre agente segreto molto conosciuto James Bond: in ciascun film suo infatti, lui ne ordina sempre uno. Precisamente è famosa la frase "Shaken, not stirred"!!! Il "Martini" (bevanda riconosciuta ufficialmente dalla "International Bartenders Association") è uno dei maggiori cocktail conosciuti che vengono serviti in qualsiasi bar e pub, nei diffusissimi ormai aperitivi pre-dinner. Buona lettura e buona preparazione!

26

Occorrente

  • 1 oliva verde con il nocciolo
  • 1 fettina di limone
  • "10 ml" di dry vermut
  • "60 ml" di gin
  • Mixing-glass
  • Vermut rosso e ciliegina (per il "Martini Perfect")
  • Vodka (per il "Vodka Martini")
36

Il nome

Attualmente, però, l'idea comune è quella di non legare l'etimologia alla celebre "Martini & Rossi". Con riferimento all'origine del nome, esistono diversi correnti di pensiero: secondo certe persone deriverebbe da quello del barista italiano che lo creò per primo nella bellissima città di New York, mentre altre persone sostengono che deriva dal famoso cocktail del Martinez.

46

Preparazione cocktail

Con riferimento alla preparazione del cocktail, le operazioni che dovrete fare sono quelle che seguiranno, indicate precisamente: dovrete riempire un mixing-glass con dei cubetti di ghiaccio, per poter raffreddare le pareti e servire la bevanda a temperature molto ridotte. Una volta che avrete aromatizzato il ghiaccio, versandoci 1 centilitro di dry vermut, poi dovrete agitare tutto quanto in modo energico. Procedete versando il vermouth internamente ad una coppa "Martini", raffreddata in precedenza come a dovere. Continuate con la creazione del vostro cocktail aromatizzando il ghiaccio di nuovo con 6 centilitri del distillato gin. Completato la vostra opera con un'oliva verde e la scorza di limone.

Continua la lettura
56

Conclusioni

Un'altra modifica è quella apportata dal "Vodka Martini", che non prevede la presenza del gin, in quanto viene sostituito dalla vodka che dona una gradazione alcoolica molto più maggiore: in quest'ultimo caso, l'oliva verde potrete anche non metterla, scegliete voi come meglio desiderate. Con il trascorrere degli anni, si sono venute a creare veramente tantissime varianti del cocktail "Martini". Tra esse appunto potrete trovare lo "Sweet Martini". Esso è caratterizzato da una presenza piccolissima di gin, ed una maggiore dolcezza, come si desume dal nome, ed il "Martini Perfect", che è conosciuto per la compresenza di vermut dry, vermouth rosso ed anche da una piccola ciliegina.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare e servire un Martini

Il Martini, è uno dei cocktail più famosi e popolari in tutto il mondo. Esso viene consumato solitamente come aperitivo e viene servito generalmente assieme a nocciolie, patatine o pop corn a seconda dei gusti. Esistono diverse versioni di questo cocktail,...
Vino e Alcolici

Come si prepara un Martini Royale

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di cocktail. Nello specifico, come avrete ben compreso dal titolo della nostra guida, andremo a spiegarvi in pochi passi Come si prepara un Martini Royale.Durante un pranzo speciale è sempre buona...
Vino e Alcolici

5 cocktail per riscaldare le sere invernali

Arrivano gli amici a cena? Oppure ricevete visite di amici o parenti a sorpresa? Nelle fredde sere invernali, prepara loro un cocktail per riscaldare l'atmosfera. Esistono vari tipi di cocktail: analcolici, alcolici, vegani e addirittura adatti ai bambini....
Vino e Alcolici

Come preparare un cocktail 'Sbagliato'

In questo semplicissimo e pratico tutorial vengono dati alcuni utili consigli su come preparare un cocktail "sbagliato". Cerchiamo di vedere cosa bisogna fare per la preparazione di questo cocktail. Per la realizzazione di un buon sbagliato occorre procurarsi...
Vino e Alcolici

I 5 migliori cocktail a base di gin

Il gin è ormai noto in tutto il mondo come ingrediente fondamentale di molti cocktail famosi. Sebbene sia nato in Inghilterra, il successo dello gin risiede in Olanda, infatti è in queste regioni che è stato usato per la prima volta come aromatizzatore...
Vino e Alcolici

I 5 migliori cocktail a base di vodka

La vodka costituisce una bevanda alcolica originaria probabilmente della Russia o della Polonia. Questa bevanda può essere bevuta da sola ma si adatta bene anche alla realizzazione di numerosi cocktail piuttosto apprezzati. In questa guida pertanto verranno...
Vino e Alcolici

Come fare decori da cocktail

Vi piacerebbe preparare dei cocktail per i vostri amici? L'estate è calda e si ha voglia di qualcosa di fresco. Magari per un aperitivo in casa o per accompagnare una grigliata! Per prepararli, ormai le loro ricette si trovano ovunque: libri, internet,...
Vino e Alcolici

Come preparare il cocktail Margarita

Il cocktail è una bevanda che si ottiene tramite la miscela di diversi ingredienti alcolici, non alcolici e aromi. Tuttavia se eseguito senza l'uso di componenti alcoliche viene detto cocktail analcolico. Il cocktail può presentare all'interno del bicchiere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.