Crespelle calabresi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Farcite con acciughe, pomodorini, miele o ricotta e presentate sotto diverse forme (allungata per il ripieno all'acciuga o rotonde per quelle ripiene alla ricotta) il modo più tradizionale e semplice per preparare le crespelle è quello con farina, acqua, e lievito. Le crespelle, hanno origini calabresi e vi sono, dunque, diversi modi e diverse tecniche per prepararle.

26

Occorrente

  • Per la pastella, utilizzo: 150 g di farina (tipo 00) due uova, una presa di sale, un quarto di latte, 10 g di lievito.
  • Per friggere: sei cucchiai di olio extra vergine d'oliva.
  • Per il ripieno: acciughe, ricotta, miele, zucchero.
36

Il procedimento per questa golosa ricetta, è molto semplice e può anche essere eseguito dai meno esperti ai fornelli. Per iniziare con la preparazione di questa golosa ricetta, mettete la farina in una ciotola, rompete al suo interno le uova, aggiungete il latte, il sale e il lievito e mescolate bene tutto il composto fino ad ottenere una pastella semi fluida senza grumi. Lasciate riposare il tutto per almeno 10 minuti. Nel frattempo, iniziate a far scaldare l'olio extravergine d'oliva in una padella molto ampia.

46

Trascorsi i 10 minuti prendete la pastella e cercate di modellarla con le mani dando la forma che più vi piace e inserite il ripieno che avete scelto in precedenza. Se desiderate le crespelle semplici non aggiungete nessun tipo di ripieno. Dopo aver controllato che l'olio arrivi a giusta temperatura, versate le crespelle in padella e friggete il tutto in olio extravergine d'oliva. Non appena le crespelle avranno raggiunto la giusta doratura, toglietele dall'olio e mettetele ad asciugare su un po' di carta assorbente da cucina. È consigliato fare asciugare per bene le crespelle per evitare il gusto troppo forte dell'olio fritto in bocca e per evitare che si rammolliscano per l'eccessivo olio assorbito durante la frittura. Disponetele su un piatto di servizio riscaldato in precedenza. Servitele guarnite con spicchi di limone e ciuffetti di prezzemolo.

Continua la lettura
56

Per chi volesse preparare le crespelle dolci, classiche senza ripieno, seguite tutti gli descritti in precedenza ma senza aggiungere alcun tipo di ripieno. Friggete le crespelle per bene e una volta dorate uscitele dalla padella, fatele asciugare su carta assorbente da cucina oppure su carta gialla. Una volta asciutte aggiungete sopra dello zucchero a velo oppure in un pentolino ampio fate scaldare il miele con un po' di acqua e versate il miele sulle crespelle. Le crespelle calabresi sono solitamente preparate in Calabria non solo nel periodo natalizio, ma anche in altri periodi dell'anno, ottime da gustare a fine pasto come dolce o come sfizioso antipasto salato prima di cena.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Provatele sia dolci che salate!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Pasqua: dolci tipici calabresi

Tutte le regioni italiane si differenziano per una grande varietà di piatti tipici tradizionali. Dal Natale alla Pasqua c'è soltanto da preparare la pancia ad assaporare la stragrande varietà di dolci e dolcetti, uno più buono dell'altro. La Calabria,...
Dolci

Ricetta: crespelle con marrons glacès

Oggi vi presentiamo la ricetta delle crespelle con marrons glacès, un dolce dal sapore delicato e relativamente facile da preparare. In effetti la parte più impegnativa consiste nella preparazione delle crespelle, mentre la parte più facile è quella...
Dolci

Crespelle meringate: ricetta

Le crespelle meringate sono un dolce a base delle ben note crepes, pietanza ritenuta tipica della cucina francese. Le crespelle ben si prestano a preparazioni dolci e salate. Accompagnate da panna e creme o da salumi e formaggi, sulla tavola faranno sempre...
Dolci

Come preparare le crespelle di San Martino

Le crespelle di San Martino sono dei dolcetti di origine siciliana molto apprezzati anche nel resto delle regioni italiane. Esse sono piuttosto facili da preparare e non necessitano di troppi ingredienti. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato,...
Dolci

Dolci pasquali calabresi

Ogni anno a Pasqua le vetrine sono piene di prelibatezze da gustare; uova gigantesche con sorpresa, cioccolatini e colombe di vari tipi. Ci sono però anche tante delizie che si possono fare a casa. Ogni regione italiana ha le proprie specialità per...
Dolci

Ricetta: crespelle di riso al miele

L'Italia è probabilmente uno dei paesi in cui si mangia meglio al mondo: la dieta mediterranea, i prodotti tipici e l'enogastronomia italiana in generale ricevono apprezzamenti da ogni parte del globo. Ciò che è davvero interessante è che ogni zona...
Dolci

Ricetta: crespelle con ricotta e carciofi

La ricetta di crespelle con farcia di “ricotta e carciofi” che voglio proporvi in questa semplicissima guida, risulta essere molto più sana e digeribile, per la presenza dell’olio d’oliva e delle verdure. Buona preparazione! Molte ricette...
Dolci

I dolci tipici della Calabria

I prodotti dolciari calabresi hanno antiche tradizioni, tramandate di generazione in generazione. Queste vengono correlate a un significato rituale e offerto come espressioni di sentimenti puri. I dolci tradizionali calabresi vengono spesso realizzati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.