Cucinare il risotto: 10 errori da non fare

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

Nonostante il risotto sia uno dei piatti tipici della cucina italiana, cucinarlo bene non è affatto semplice come appare. Infatti, nonostante esistano svariate modalità di preparazione, spesso si commettono degli errori, comuni sopratutto tra i principianti, che compromettono la buona riuscita del piatto. In questa guida vedremo 10 semplici consigli per assicurare una corretta preparazione delle vostre ricette, vediamo come fare!

211

Scegliere la pentola sbagliata

L'utilizzo della pentola corretta è molto importante per dare al riso una cottura omogenea. Infatti, scegliendo una pentola troppo alta e stressa, il riso su cuocerà in maniera non uniforme, presentato delle parti troppo crude e altro troppo cotte. L'ideale sarebbe utilizzare un tegame largo e di media altezza, in modo tale che il riso si trovi più o meno tutto alla stessa altezza.

311

Scegliere il riso sbagliato

Un secondo elemento fondamentale è, ovviamente, il riso. Ne esistono moltissime varietà, le quali presentano notevoli differenze tra di loro, come la grandezza o la forma. Per ottenere un buon risotto è importante scegliere un riso dai chicchi grandi e consistenti. Ottimi per la cottura classica sono l'Arborio, il Carnaroli e il Vialone nano, poiché rispecchiano perfettamente queste caratteristiche. Per esempio, da evitare è il riso ad alto contenuto di glutine, poiché la cottura lo renderà colloso, e quindi difficile da masticare.

Continua la lettura
411

Lavare il riso

Molte guide di cucina consigliano di lavare il riso crudo, ma si tratta di un grave errore. Il lavaggio in acqua fredda, infatti, farà perdere ai chicchi molte delle loro sostanze nutritive, inoltre determinerà una perdita di consistenza del cereale, e questo comprometterà l'intera cottura.

511

Bruciare il soffritto

Un buon risotto non si può chiamare così se la cottura non è accompagnata da una buona preparazione del soffritto. Questo andrà preparato facendo soffriggere su un filo d'olio della cipolla o dello scalogno. È importante che la tritatura di questi sia sufficientemente fine da non superare in misura la dimensione dei chicchi di riso. I pezzettini di cipolla o scalogno andranno lasciati a fuoco basso, ad appassire lentamente, accompagnati con del brodo caldo, in modo tale che non si brucino e non diventino così troppo saporiti. Il risultato deve essere un soffritto asciutto.

611

Non tostare il riso

La tostatura del riso è importante perché renderà i chicchi più consistenti e permetterà la caramellizzazione dell'amido sulla superficie del riso, rendendolo capace di una maggiore tenuta alla cottura. Saltare questo passaggio vi farà ottenere un risotto molle e non piacevole da gustare.

711

Dimenticarsi di mescolare

Questo passaggio è fondamentale per ottenere una cottura omogenea del risotto. Anche una volta scelta la pentola giusta, questa da sola non basterà per ottenere una preparazione perfetta: è importante mescolare senza interruzioni. Quindi prima di iniziare, assicuratevi di avere vicino a voi tutti gli ingredienti e gli strumenti che vi servono, così da non dover interrompere il vostro lavoro.

811

Mettere subito tutto il brodo

Il brodo va versato lentamente, poco alla volta, e deve essere rigorosamente caldo. Infatti, se fosse freddo, cambierebbe i tempi di cottura, probabilmente fino a farlo scuocere. Inoltre, aggiungendolo poco per volta, e continuando a mescolare, farete in modo che tutti i chicchi assorbano omogeneamente la stessa quantità di brodo.

911

Riscaldare il risotto

Scaldare il risotto non è mai una buona idea, a meno che voi non vogliate preparare un timballo o altre ricette che uniscano al risotto altri ingredienti. Infatti riscaldarlo da solo porterà non solo una perdita di umidità del piatto, rendendolo secco e difficile da mangiare, ma faranno perdere sapore agli ingredienti con cui l'avete cucinato, compromettendo il gusto del risotto appena cucinato.

1011

Non mantecarlo

La mantecatura è il tocco finale della preparazione. Una volta pronto, togliete la pentola dal fuoco, e aggiungete un pezzettino di burro. Mettete il coperchio alla pentola e lasciate che il burro si sciolga per un paio di minuti, dopo di che mescolate e servite sul piatto. Saltare questo passaggio farà perdere di cremosità al piatto, una delle caratteristiche più importanti per la buona riuscita di un risotto.

1111

Servire su un piatto caldo

Servire il risotto su un piatto caldo è un errore, poiché questo farà continuare la cottura dei chicchi, che dalla giusta consistenza di una cottura al dente, che sulla pentola sembrava perfetta, diventeranno meno consistenti, e questo potrebbe compromettere l'ottima riuscita del piatto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come cucinare un risotto radicchio e pinoli

Il radicchio è una verdura di colore rosso/amaranto e dal sapore piuttosto amarognolo che è adottato come ingrediente base per la preparazione di moltissimi piatti davvero squisiti. In genere viene affiancato a sapori a contrasto, come ad esempio lo...
Primi Piatti

Come cucinare il risotto alle vongole

Le vongole sono molluschi bivalve con la conchiglia di forma triangolare, arrotondata, piuttosto comuni nel Mediterraneo e nell'Atlantico orientale. Si prestano a tante ricette di cucina. Generalmente le vongole costituiscono uno degli ingredienti principali...
Primi Piatti

Come cucinare il risotto alla portoricana

Se siete amanti di ogni tipo di risotto e volete provare anche una nuova ricetta, semplice e al tempo stesso gustosa, il risotto alla portoricana fa al caso vostro. Si tratta, infatti, di un piatto tipico della tradizione portoricana, che si caratterizza...
Primi Piatti

I segreti per cucinare un buon risotto

Il risotto è un piatto gustoso della tradizione italiana molto diffuso nelle cucine regionali del nord ma gradito anche nel resto d'Italia. È un alimento per palati sopraffini o semplicemente per chi vuole dilettarsi nell'intento di cucinare un piatto...
Primi Piatti

Come cucinare il risotto con gamberi e zucchine

Dopo aver imparato a fare il risotto, il passo per iniziare a sbizzarrirsi con un’infinità di varianti, è breve. Potete dare avvio alle prove con questa semplice ricetta che riesce ad unire gli odori e l’aroma della terra e del mare. La difficoltà...
Primi Piatti

Come cucinare la pasta col metodo risotto

La pasta con il metodo risotto, o "risottata", è un'originale preparazione che, per chi non l'ha mai provata si rivelerà interessante, tanto da essere riproposta in tante occasioni. Questo primo piatto prevede una lunga cottura, insieme a tutti gli...
Primi Piatti

Come cucinare il risotto con le tinche

Se vogliamo stupire i nostri ospiti con una cena piuttosto particolare, possiamo preparare un risotto con le tinche ovvero un piatto davvero originale ed ideale per soddisfare il palato di tutta la famiglia. La tinca è un pesce di acqua dolce che ama...
Primi Piatti

Come cucinare risotto pistacchi e gamberi

L'arte culinaria è arricchita da notevoli creazioni che sposano ingredienti sia di terra che di mare regalando sapori inaspettati. Oggigiorno è impossibile annoverare queste creazioni culinarie in modo completo e definitivo, proprio per via delle grandi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.