Estratto di rosa: errori da non commettere nella preparazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se abbiamo a disposizione delle piante di rose possiamo provare a produrre un estratto di rose, un ottimo profumo o un delicato lenitivo per la pelle. Esistono due procedimenti che permettono di ottenere quest'acqua profumata. Si può procedere con la bollitura oppure per infusione. In entrambi i casi il procedimento risulta abbastanza semplice, ma spesso si commettono degli errori che vanificano il nostro impegno. Vediamo nel dettaglio quali errori dobbiamo evitare di commettere nella preparazione dell'estratto di rose. Così potremo ottenere un'acqua profumata e perfetta per la nostra pelle.

26

Utilizzare delle rose vecchie

I petali di rosa si deteriorano molto in fretta e la prima cosa che perdono è proprio il loro profumo. Bastano anche poche ore perché i petali smettano di profumare come appena colti. Cerchiamo di tagliare le rose poco prima della preparazione dell'estratto. In questo modo saremo sicuri di sfruttare tutte le proprietà del fiore e la nostra acqua profumata avrà un odore molto più forte.

36

Lavare male i petali

Occorre rimuovere dai petali delle rose tutte le impurità che possono danneggiare il nostro estratto. Spesso invece curiamo poco questa fase per vari motivi. Innanzitutto abbiamo paura di rovinare i petali nel lavaggio, soprattutto se fatto con l'acqua corrente. Invece basta sciacquarli delicatamente in una bacinella di acqua fredda. Inoltre pensiamo che con il filtraggio tutte le impurità vengano rimosse. Ma mentre prepariamo l'infuso possono rilasciare delle sostanze che compromettono la buona riuscita del nostro lavoro.

Continua la lettura
46

Utilizzare dell'acqua normale

L'acqua rappresenta un elemento essenziale nella preparazione degli estratti. Molti di noi utilizzano l'acqua del rubinetto o quella minerale, ma in questo modo le proprietà della rosa vengono alterate oppure in parte coperte. Per avere un estratto molto profumato l'ideale è utilizzare l'acqua distillata. Le proprietà dei petali non verranno coperte ma enfatizzate dall'acqua così pura.

56

Bollire i petali di rosa

Se prepariamo l'estratto di rose con il metodo della bollitura dobbiamo spegnere appena l'acqua bolle. Infatti, se li facciamo bollire, i petali di rosa rilasciano delle sostanza acide. Queste possono rovinare l'odore e rendere l'estratto inadeguato come unguento. Appena l'acqua inizia a bollire dobbiamo spegnere il fuoco, in modo che il petalo non si rovini con l'eccesso di calore.

66

Non filtrare bene l'estratto

Quando finiamo la preparazione del nostro estratto di rose dobbiamo filtrarlo per bene. Il metodo migliore è quello di utilizzare un colino con sopra un foglio di carta assorbente per cucina. Se saltiamo questa fase rimangono delle impurità che accelerano il decadimento dell'estratto, che in pochi giorni andrebbe a male. Quindi è molto importante rimuovere tutti i residui con un filtraggio preciso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

I 10 errori da non commettere quando si fa un barbecue

Quando si fa un barbecue da amici, sicuramente è un'ottima esperienza, ma bisogna avere alcune accortezze per far sì che tutto riesca bene e senza nessun tipo di problema. In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili in merito...
Consigli di Cucina

5 modi per sostituire lo zucchero nella preparazione dei dolci

Lo zucchero raffinato bianco è un ingrediente molto usato nella preparazione dei dolci. Spesso però accade che si debba evitare il suo consumo. Sia per motivi di alimentazione che per scelta personale. Ma non bisogna intimorirsi! Esistono molti modi...
Consigli di Cucina

Come preparare i gamberetti in salsa rosa

I gamberetti in salsa rosa sono un ottimo antipasto da preparare per sorprendere i vostri ospiti. La ricetta è abbastanza semplice, ma non per questo di poco effetto. Grazie al sapore delicato dei gamberetti unito alla cremosità della salsa rosa infatti,...
Consigli di Cucina

Frico morbido: consigli per la preparazione

Il frico è una pietanza dalle origini carniche. Era tipica del consumo di contadini e boscaioli durante le pause lavorative. Il frico ha due tipi di preparazione. Si può infatti ottenere un frico friabile, oppure uno morbido. La ricetta si basa essenzialmente...
Consigli di Cucina

Come preparare la tagliata vegan al pepe rosa

Se avete pensato ad un'alimentazione vegana, ciò vuol dire che non ingerite nessun tipo di alimento che sia di derivazione animale, comprese uova e latticini. Molto spesso vi sentirete chiedere se per caso non avete un'alimentazione troppo poco variegata....
Consigli di Cucina

Consigli per la preparazione della besciamella senza burro

La Besciamella è una delle salse più importanti della gastronomia nazionale e internazionale. Appartiene alla categorie delle cosiddette salse madri di cui nascono altre. Infatti, con la besciamella si può fare la salsa Mornay, la Nantua e la salsa...
Consigli di Cucina

5 consigli per la preparazione degli gnocchi

Gli gnocchi vengono comunemente serviti come primo piatto e sono estremamente versatili: c'è chi ama condirli con pomodoro e basilico, chi non resiste alla tentazione di immergerli in una crema di formaggio e chi li vuole solo accompagnati dal ragù...
Consigli di Cucina

Ricetta: risotto al pompelmo rosa e gamberi

In cucina la fantasia è un ingrediente indispensabile, è quello che ci permette di osare abbinamenti improbabili e scoprire sapori meravigliosi. Cosi possiamo imparare che un agrume e un pesce possono sposarsi divinamente e il nostro palato può essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.