Gazpacho di melone

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Gazpacho di melone

Tra le più famose ricette della cucina spagnola, un ruolo di primo piano è occupato da una zuppa fredda, solitamente preparata con l'impiego di verdure crude, tritate e quasi sempre successivamente frullate. Stiamo parlando del gazpacho, un piatto molto diffuso e apprezzato in tutta la Spagna, ma in particolare nella zona dell'Andalusia, da dove ha appunto origine. Questa zuppa, perfetta per la stagione estiva, quasi sempre viene servita come antipasto; ma nelle sue versioni più elaborate, può anche essere servita come primo. Se si vuole variare la più classica ricetta del gazpacho, si può sostituire la verdura con della frutta o comunque aggiungerla a quella che è la ricetta base. Si può scegliere la frutta che più si gradisce. In particolare, in questa semplice e breve guida, andremo a vedere come preparare un ottimo gazpacho di melone.

26

Occorrente

  • - 8 fette di melone; - 4 fette di pane raffermo; - aceto di mele q.b.; - olio extravergine di oliva q.b.; - sale q.b.; - pepe nero q.b.;
36

Preparare il gazpacho

Preparare il gazpacho, richiede pochi semplici passaggi e quindi può essere tranquillamente preparato anche da chi non ha delle elevate doti culinarie. L'importante è avere a portata di mano un buon frullatore o un mixer ad immersione e assicurarsi che il melone sia maturo al punto giusto. Solitamente il melone quando è pronto per essere gustato, emana un graditissimo profumo che invita a consumarlo. Per prima cosa, bisogna lavare accuratamente sotto acqua corrente fredda il melone. Successivamente può essere pulito, eliminando tutti i filamenti e i semi che si trovano al suo interno. A questo punto si può eliminare la buccia e tagliandolo a cubetti, può essere versato dentro il bocale del mixer o comunque dentro un recipiente dai bordi alti, in modo che nel momento in cui andremo a frullarlo non schizzi fuori. Aggiungere il pane ammorbidito precedentemente con dell'aceto di mele, il pepe nero, il sale e l'olio extravergine di oliva. Azionare il frullatore e frullare il tutto, fino ad ottenere una zuppa dalla consistenza cremosa.

46

Lasciare riposare

Se si preferisce una zuppa tendenzialmente dolce, possiamo omettere l'uso del pane e al melone ridotto a cubetti, possiamo aggiungere 2 cucchiai di aceto di mele, il succo di un limone, l'olio di oliva, un po' di pepe nero, una spolverata abbondante di zenzero e dello sciroppo di agave. La fase più importante per una buona riuscita del gazpacho di melone è che venga lasciato riposare in frigo, coperto con della pellicola, per almeno 4 ore.

Continua la lettura
56

Servire

Trascorso il tempo di riposo, il gazpacho di melone può essere tranquillamente servito. Versiamo la zuppa in delle piccole ciotoline o in dei bicchierini, accompagnandola con dei gamberetti, del prosciutto crudo o con delle mandorle tostate. Nel caso della versione dolce, invece, possiamo benissimo accompagnarlo con delle fette di frutta, per esempio mango, e delle foglioline di menta fresca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Come preparare le seppie in tempura al pepe

Il pesce come tutti sanno, è un ingrediente dalle grandi proprietà, dal sapore piacevole e dal gusto raffinato, soprattutto se viene preparato nella maniera giusta. Esistono molte ricette che prevedono la cottura del pesce in olio bollente, che regalano...
Cucina Etnica

Ricetta: sashimi di dentice

Il sashimi è una prelibatezza giapponese composta da carne cruda molto fresca o pesce tagliato a pezzi sottili. Questa prelibatezza giapponese deliziosamente semplice ma elegante è composta esclusivamente da pesce crudo molto fresco, nella nostra ricetta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.