Guida ai vini con bassi livelli di solfiti

Tramite: O2O 14/04/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

I bassi livelli di solfiti naturalmente presenti nel vino sono frutto della fermentazione. Alcuni produttori di vino ne aggiungono ancora di più con lo scopo di migliorarne il sapore,. Invece, nella maggior parte dei paesi produttori, i vini devono riportare un'apposita etichetta se la quantità di solfiti è maggiore di 10 parti per milione (ppm). Ma i vini importati non hanno quest'obbligo. In tal caso è difficile effettuare un identificazione. Anche se solo l'1% della popolazione mondiale soffre di allergie ai solfiti, ci sono molteplici tipologie di vini che ne contengono in quantità ridotta. In questa guida, vi illustrerò alcuni dei vini che contengono i livelli più bassi di solfiti. Vediamo quindi come procedere.

26

Optate per i vini rossi

Innanzitutto, i vini rossi contengono una minore quantità di solfiti rispetto ai vini bianchi. I vini rossi secchi, in particolare, hanno una quantità variabile di solfiti, a seconda della cantina. I vini bianchi secchi sono un gradino sopra in termini di solfiti. I vini dolci hanno generalmente una maggiore quantità di solfiti. L'Italia ha 20 regioni vinicole su 20, ognuna con diversi gusti e qualità di vino. Inoltre, l'Italia produce alcuni vini classificati dalla quantità di solfiti contenuti. Un esempio di vino rosso a basso contenuto di solfiti è il Chianti Classico. Esso che è un vino a basso solfito con soli 12 ppm per litro (un vino medio ne ha 80 ppm).

36

Optate per i vini franceis

Successivamente, ci sono molti tipi di vini francesi, tra cui alcuni classificati a seconda dei solfiti. Lo Château Saint-Germain del 2004 è di produzione biologica e contiene solo 6 ppm a bottiglia. Il Perrin 2004 ha un buon profumo di fragole, more, e pepe; è un vino corposo, con molti sapori e ha solo 9 ppm a bottiglia. Il produttore "Perrin et Fils" ha anche un'etichetta CDR che riporta la stessa quantità di ppm per bottiglia. Anche lo Château 2007 è un rosso da tavolo con bassi livelli di solfiti. Lo Château Laubarit bianco del 2007 è un vino bianco che ha un buon sapore e accompagna il cibo.

Continua la lettura
46

Optate per i vini americani

Per quanto riguarda i vini americani, riconoscere i vini provenienti dagli Stati Uniti è molto più facile grazie alle leggi in materia di etichettatura. I vini americani vengono prodotti con uve di agricoltura biologica, senza l'aggiunta artificiale di solfiti, ciò significa che quasi tutti i ??vini americani sono a basso contenuto di solfiti e possono variare in base al tipo di vino e della cantina. Esiste una lunga lista di vini bianchi e rossi a bassi livelli di solfiti che non sacrificano il loro sapore. Ad esempio, il Frey Vineyards è il marchio più popolare, la cui cantina si trova in California.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come classificare vini

Se state pensando che i vini sono tutti uguali, e se credete che, per ciascuna occasione può andare bene qualsiasi tipo di vino basta che si beva, e se ancora credete che l'unica caratteristica di ciascuno sia il sapore e colore, c'è veramente il bisogno...
Vino e Alcolici

Come riconoscere i vini

Saper riconoscere un vino non è certo cosa facile e per riuscirci solitamente si seguono dei corsi appositi che spiegano in che modo e in base a quali caratteristiche è possibile riconoscere un vino e magari saperlo abbinare ad una pietanza. Acquistare...
Vino e Alcolici

Carne rossa: i vini da abbinare

In questa guida, passo dopo passo, provvederò a parlare dei vini da abbinare in merito alla carne rossa, un secondo piatto che è fra i più consumati nei ristoranti d'Italia. Proprio la carne rossa rappresenta senza ombra di dubbio un piatto tipico...
Vino e Alcolici

I migliori vini del Lazio

Il vino è un prodotto che viene ottenuto dalla fermentazione dell'uva. Questa ha una notevole importanza e il vino va preparato con molta attenzione. Infatti, durante i processi di vinificazione, per ogni genere di vino vanno rispettate delle regole...
Vino e Alcolici

I 10 vini più pregiati in Francia

La Francia è tra i maggiori produttori vinicoli in Europa. Insieme all’Italia, vanta il primato dei vini più pregiati al mondo. Si tratta di una tradizione millenaria, coltivata con zelo nell’arco dei secoli. Le zone della Borgogna, di Bordeaux...
Vino e Alcolici

5 vini da portare ad una grigliata di carne

L'invito ad una grigliata, specialmente all'aperto in estate, è difficile da rifiutare. È un appuntamento conviviale davvero accattivante, sia per la gradevole atmosfera che per il tipo di cottura dei cibi. Alla griglia, sull'apposito barbecue, si possono...
Vino e Alcolici

Vini aromatizzati: come sceglierli

Gustare un buon calice di vino, rosso o bianco, è il modo migliore per accompagnare una pietanza prrelibata o per passare qualche momento di allegria e spensieratezza con gli amici. Sia che lo si voglia bere durante i pasti sia che lo si utilizzi come...
Vino e Alcolici

Come consigliare i vini

Alcuni paesi, fra i quali includiamo a pieno diritto l'Italia, possono vantare una tradizione vinicola centenaria e impareggiabile. Quando si tratta di consigliare i vini per un pasto in un ristorante Italiano c'è solo il proverbiale imbarazzo della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.