Le orobanche in cucina

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Le orobanche (dal greco orobos = legume e ànchein = soffocare), o in dialetto barese "sporchie", sono delle erbe parassite, che invadono i terreni coltivati da legumi, soprattutto da fave, ma è sempre più crescente la loro diffusione anche sul pomodoro. L’aspetto di questa verdura è molto simile a quello degli asparagi. All'inizio del '900 venivano considerate nemiche dell'agricoltura, in quanto crescevano a dismisura soffocando le piante di fave compromettendone il raccolto. Con il tempo, invece, i contadini hanno imparato a conoscere le proprietà di queste erbe ed hanno scoperto che potevano essere cucinate e mangiate diventando un piatto prelibato riservato ai palati più fini e facoltosi. Il loro impiego gastronomico, sembra limitato alla cucina barese, nonostante sia una pianta diffusa in tutto il centro-sud. Allora vediamo in questa guida come impiegare le orobanche in cucina.

29

Occorrente

  • Orobanche
  • Olio extravergine
  • Sale
  • Menta
39

Dove trovare le Orobanche

Le orobanche non sono facili da trovare. Si possono acquistare solo in alcune località della provincia di Bari, e solo nei mesi di aprile e maggio. Sono composte da un fusto robusto chiamato turione, che è la parte commestibile della pianta, su cui si formano delle infiorescenze. Prima di cucinare le orobanche bisogna privarle della parte inferiore più dura e legnosa ed anche delle eventuali infiorescenze che si presentano sull'arbusto. Dopo di che procediamo a lavarle molto bene in acqua corrente. Questa operazione ci consente di eliminare i residui di terra che si annidano nella peluria che ricopre la pianta.

49

Come cucinare le le Orobanche

A questo punto, prendiamo una pentola d'acqua, aggiungiamo un cucchiaio di sale e mettiamo sul fuoco. Caliamo le orobanche prima che l'acqua prenda bollore e lasciamole cuocere per 20-30 minuti. Una volta cotte dobbiamo toglierle dal fuoco, scolarle bene dell'acqua di cottura e metterle in una ciotola dove faremo scorrere l'acqua per circa 1 ora. Questa operazione serve a togliere il sapore amarognolo che contraddistingue questa verdura. Infine, prima di condire il nostro contorno, dobbiamo scolarlo nuovamente.

Continua la lettura
59

Condimento delle Orobanche

Prendiamo un'insalatiera e condiamo le sporchie con 4 cucchiai di olio extravergine di oliva, della menta tagliata finemente e uno spicchio d'aglio. Se non amate il gusto forte dell'aglio potete metterlo intero, lasciarlo solo fino al momento della porta affinché trasmetta al piatto un delicato aroma e poi toglierlo e buttarlo. Lasciamo insaporire e trasferiamo le orobanche in un piatto da portata. Sono un ottimo contorno per accompagnare carne ai ferri.

69

Conservazione delle Orobanche

Le sporchie lessate che non vengono consumate, possono essere conservate anche in barattolo, avendo l'accortezza di coprire completamente la verdura con olio extravergine di oliva. Questa è la ricetta principale per consumare questa verdura gustosa e poco conosciuta, ma una volta lessata può essere fritta in pastella (realizzata magari con farina di kamut), oppure può essere ripassata in forno.

79

Orobanche: varianti in cucina

Le orobanche possono essere utilizzate in cucina anche in modo diverso. Una variante particolare è quella che vede le orobanche panate e fritte, da consumare calde e con un buon vino rosso. Per la panatura è consigliabile la mollica di pane raffermo condita con aglio tritato, prezzemolo finemente tritato e spezie varie come ad esempio menta e salvia. Prima di impanare le orobanche, passatele nell'uovo sbattuto oppure in abbondante olio extravergine di oliva e poi fate cuocere in abbondante olio caldo all'interno di una padella antiaderente. Fate dorare ogni lato e poi servite dopo aver fatto sostare per qualche secondo il manicaretto su carta assorbente. Se vi sembra una variante un po' troppo calorica, è possibile cuocere le orobanche panate direttamente in forno a 180° per 30 minuti in modalità "ventilato".

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lavarle bene per eliminare il sapore amarognolo
  • Una volta condite giratele spesso per insaporirle al meglio
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come utilizzare le mandorle in cucina

La mandorla è una varietà di frutta secca ricca di sostanze benefiche per l'organismo, tra le quali le più importanti sono i minerali, le vitamine e i grassi polinsaturi, questi ultimi efficaci controllori del colesterolo nel sangue. In cucina vengono...
Antipasti

Modi originali per usare la noce moscata in cucina

La noce moscata è una delle spezie più ricche di profumo e sapore e che viene utilizzata in molti piatti sia dolci che salati migliorandone notevolmente il gusto. Si tratta quindi di una sostanza ideale per preparare in cucina tantissimi piatti davvero...
Antipasti

Quinoa: l'utilizzo in cucina

Questa guida tratterà un cosa completamente diversa dal solito, una rivoluzione in termini pasta e di tanti alimenti che derivano dal grano. La quinoa è una pianta che produce un prodotto simile al cereale per forma, consistenza e lavorabilità, ma...
Antipasti

Come utilizzare il tarassaco in cucina

Il tarassaco (denominato anche dente di leone) è un'erba abbastanza comune che cresce spontaneamente dovunque (anche sui cigli di qualche strada), si sviluppa durante la Primavera e ha delle proprietà enormemente depurative: seppure si tratti di una...
Antipasti

Come utilizzare il peperoncino in cucina

Il peperoncino piccante era utilizzato fin dai tempi antichi; esso può essere coltivato in luoghi dal clima mite. Inoltre, si adatta facilmente ai terreni che sono esposti al sole. Il peperoncino viene raccolto durante il periodo agosto-settembre e si...
Antipasti

Come utilizzare le sottilette in cucina

Le sottilette sono delle morbide fettine di formaggio fuso che possono essere utilizzate in moltissime ricette; grazie al fatto di sciogliersi con facilità, hanno la capacità di rendere i piatti cremosi e saporiti. Con le sottilette possono essere preparati...
Antipasti

Come impiegare il bulgur in cucina

Il Bulgur è un antico piatto a base di cereali. Molto ricco di fibre ma anche di vitamine, fosforo e potassio, è ricavato dal frumento fatto essiccare, cotto al vapore ed infine macinato. È simile al cous cous ma i suoi chicchi sono un po' più grandi....
Antipasti

Come abbinare il radicchio in cucina

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, che sono amanti del radicchio, ad utilizzarlo nel modo migliore ed in particolar modo vogliamo insegnare, come poter abbinare, proprio il radicchio, una verdura unica e dal sapore inconfondibile,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.