Maltagliati alla curcuma

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I Maltagliati, pasta tipica della regione Emilia Romagna, sono ormai conosciuti e piuttosto diffusi un po' in tutta Italia. La pasta fatta in casa può essere prodotta in molte varianti, aromatizzata, colora e insaporita con vari ingredienti secondo il proprio gusto basti pensare alle tagliatelle paglia e fieno. Quella che vogliamo proporvi oggi è una variante che ha il sapore dell'India: i maltagliati alla curcuma. Il procedimento è piuttosto semplice, ma il risultato per nulla scontato: provatelo per stupire voi stessi e i vostri commensali.

26

Occorrente

  • 200 gr farina
  • sale q.b.
  • 2 uova
  • curcuma
36

Impasto

Per l'impasto seguiremo il procedimento classico. Su una spianatoia di legno o marmo poniamo a fontanella 200 grammi di farina e saliamo. Aggiungiamo un cucchiaino colmo di curcuma (la quantità di curcuma potrà essere adattata al vostro gusto le prossime volte che impasterete) e rompiamo nel foro 2 uova. Sbattiamo le uova con una forchetta, quindi passiamo ad impastare a mano fino ad ottenere una bella palla di pasta liscia e omogenea. L'impasto dovrà essere piuttosto asciutto per poterlo lavorare meglio nella fase successiva. Avvolgiamo in un foglio di pellicola trasparente e lasciamo riposare per circa un'ora.

46

Taglio della pasta

Liberiamo la pasta dalla pellicola e poniamola sulla nostra spianatoia infarinata. Spolveriamo di farina anche la superficie superiore della pasta e spianiamola con un matterello. Dovremo raggiungere uno spessore di circa 1-2 millimetri. Per semplificare il procedimento, potremo aiutarci con una macchina per la pasta dove stendere delle sfoglie più piccole partendo da piccole porzioni di pasta tagliate dalla palla iniziale. Tagliamo poi dei rombi irregolari (maltagliati) di sfoglia non troppo piccoli con un coltello affilato liscio o con una rotella. Se non intendiamo cuocere subito i maltagliati, deponiamoli ad asciugare su dei vassoi coperti con uno strofinaccio o su una spianatoia di legno asciutta. Ricordiamo però che la pasta all'uovo fatta in casa e seccata non ha una lunga conservazione, proprio per via delle uova.

Continua la lettura
56

Cottura e varianti

La pasta fatta in casa richiede una cottura piuttosto breve, sicuramente inferiore a quella della pasta conservata. Secondo la regola generale, quando la pasta sale a galla nel pentolone d'acqua è pronta per essere scolata. Allora lessate i vostri maltagliati e conditeli come più vi piace.
I maltagliati si prestano a innumerevoli accostamenti per soddisfare ogni tipo di palato. Dal semplice sugo rosso al ragù, dal pesce ai legumi alle verdure a foglia verde saltate, potrete provare tante combinazioni diverse.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Più l'impasto è asciutto, più facile sarà lavorare la pasta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Ricetta: maltagliati alla cannella con crema di porri e scamorza

I Maltagliati sono un formato di pasta tipico dell'Emilia Romagna. Il nome deriva dalla loro forma irregolare e disomogenea. I Maltagliati sono infatti gli eccessi di pasta che si creavano quando le antiche massaie preparavano le tagliatelle in casa....
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati alla zucca

La ricetta che vi mostreremo oggi è quella di un piatto antico di origine emiliana: i Maltagliati. I Maltagliati sono un tipo di pasta fatta in casa. L'etimologia del nome deriva dalla loro particolare forma. Essi erano infatti i ritagli di pasta in...
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati con funghi e salsiccia

Un buon primo piatto è sempre l'apertura migliore per un pranzo domenicale o un qualunque pasto diurno. La pasta prevede diverse varianti, tutte differenti tra loro in base al tipo di condimento e alla forma della pasta. Ad esempio, i maltagliati con...
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati al ragù di pesce

I maltagliati al ragù di pesce è un primo piatto delicato e gustoso, che include una ampia varietà di crostacei e pesci carnosi, tipo il salmone o la trota. La sua preparazione è alquanto rapida e offre un gusto delicato, necessariamente da assaporare...
Primi Piatti

Come preparare la teglia di maltagliati tartufati

La teglia di maltagliati tartufati è una di quelle specialità da riservare alle occasioni speciali. Si tratta di un goloso primo piatto destinato a chi ama i sapori decisi e vuole concedersi di tanto in tanto un peccato di gola. È abbastanza semplice...
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati di farro con fagiolina del trasimeno

Un piatto che unisce genuinità e sapore è rappresentato, senza dubbio dai maltagliati di farro con fagiolina del Trasimeno. Quest'ultimi sono dei deliziosi e teneri legumi, tipici dell'Umbria. La preparazione di questa ricetta non è assolutamente complicata...
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati con fagioli e astice

I maltagliati con fagioli ed astice è un piatto tradizionale cruel-free, che non necessita di tagliare l'astice vivo sul piano di lavoro. La salsa d'ostriche conferisce al piatto il profumo del mare, ma senza eclissare il sapore delicato del crostaceo....
Primi Piatti

Ricetta: maltagliati al salame

Quando si dice "Italia" si dice pasta! E nella tradizione italiana possiamo trovare decine di ricette e di tagli completamente diversi tra loro. Ogni tipologia di pasta, fresca o secca, presenta caratteristiche peculiari. Possiamo trovare la pasta lunga...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.