Pappardelle al ragù di capriolo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Pappardelle al ragù di capriolo

Se avete a pranzo degli ospiti particolarmente esigenti, provate a fare un primo originale. Scegliendo di fare qualcosa di diverso dal solito. Per poi, stupirli una volta che porterete la pietanza a tavola. Per riuscire in questo intento, provate a cucinare le pappardelle al ragù di capriolo. Questa è una ricetta piuttosto particolare, ma che ha un riscontro importante nelle tradizioni culinarie delle regioni Umbria e Toscana. Le pappardelle al ragù di capriolo sono facili da fare, ma la preparazione richiede un po' di tempo. Nella seguente guida vi spiego come fare le pappardelle al ragù di capriolo.

27

Occorrente

  • 500 g di polpa di capriolo
  • Per preparare la marinatura: 1 bicchiere di vino rosso, mezzo bicchiere di aceto, mezzo spicchio di aglio, 1 rametto di rosmarino, 1 cucchiaino di semi di finocchio, 1 foglia di allora, 2 chiodi di garofano
  • 200 g di polpa di pomodoro
  • 1 cipolla
  • 1 costola di sedano
  • 1 carota
  • mezzo dado
  • 1 bicchiere di vino
  • Olio extravergine d'oliva
  • 250 g di pappardelle all'uovo in scatola
  • Sale e pepe
37

Marinare la polpa di capriolo

La ricetta che vi propongo è un tipo di pasta che dovete fare con il ragù di capriolo. Per farle dovete acquistare della polpa di capriolo. Dopodiché, preparare la marinatura. Prendete una pentolina e versate un bicchiere di vino rosso, mezzo bicchiere di aceto, tutti gli aromi, mezzo spicchio di aglio, una manciata di sale e qualche granello di pepe. Per poi, fare bollire il liquido per circa un'ora. Una volta pronto, spegnete il fuoco e fatelo raffreddare. Trascorso il tempo, mettete il capriolo in una ciotola capiente e irrorate con la marinatura. Coprite con della pellicola e mettete il capriolo in frigo per venti ore. Durante il riposo, giratela spesso, in modo che resti sempre imbevuto.

47

Preparare e cuocere il ragù

A questo punto, togliete la marinata di capriolo dal frigo. Scolate il liquido e asciugatelo accuratamente. Dopodiché, tritatele la polpa di capriolo nel mixer e mettetela da parte. Adesso iniziate a preparare il ragù. Pulite la cipolla, il sedano, la carota e tritateli finemente. Procuratevi un tegamino e aggiungete un po' di olio e fate risolare il trito. Unite la carne di capriolo e lasciate che prenda colore da tutte le parti in modo uniforme. Bagnatela con il vino rosso e fatela evaporare. Aggiungete la polpa di pomodoro, il sale e pepe. Mescolate e bagnate con un mestolo di acqua bollente a cui avete aggiunto mezzo dado sbriciolato. Coprite il recipiente e fate cuocere il ragù di capriolo per circa tre ore e mezza. Giratelo ogni tanto con un cucchiaio di legno.

Continua la lettura
57

Cuocere e condire le pappardelle con il ragù

Trascorso il tempo di cottura del ragù, spegnete il fuoco e cominciate a cuocere le pappardelle. Prendete una pentola e mettete a ebollizione l'acqua con il sale. Quando bolle versate le pappardelle e fatele lessare. Quando sono pronte, scolatele e versatele in una terrina. Aggiungete un po' di ragù e mescolate. Sistemate le pappardelle in ogni piatto e mettete in ognuno un mestolino di ragù. Infine, servite le pappardelle al ragù di capriolo a tavola.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Pappardelle al ragù di cervo

Durante il freddo inverno può essere una sana ed ottima idea quella di preparare un buon primo piatto, caldo e saporito, da gustare in famiglia o da offrire ai propri invitati a tavola in occasione di una cena speciale. Un buon piatto di pappardelle...
Primi Piatti

Ricetta: pappardelle al ragù di cinghiale

Il cinghiale è un animale selvatico molto diffuso e usato in cucina. Il ragù di cinghiale è una ricetta appartenente alla tradizione culinaria Toscana. La carne di cinghiale offre al piatto un sapore unico e inconfondibile. Il sapore forte e deciso...
Primi Piatti

Ricetta: pappardelle al ragù di cinghiale e porcini

Vi sono piatti culinari che vengono tramandati da generazioni: sono quelli preparati dai chi vive nelle montagne dove la caccia e la raccolta dei funghi è una normale tradizione. Il cinghiale è un animale molto apprezzato nella preparazione di ottimi...
Primi Piatti

Ricetta: ravioli di ricotta al ragù di capriolo

I ravioli sono una ricetta della cucina italiana che possono essere ripieni di vari ingredienti, di solito si fanno ripieni di carne o di provola e speck, ma possono essere fatti anche ripieni di sola ricotta se volete farli in una maniera più delicata,...
Primi Piatti

Come fare le pappardelle al ragù bianco di coniglio

Oggi parleremo di uno dei piatti più gustosi della tradizione culinaria toscana: si tratta delle pappardelle al ragù bianco di coniglio. Primo piatto unico nel suo sapore e molto facile da preparare, anche a causa delle sue tempistiche di cottura (si...
Primi Piatti

Come preparare le pappardelle in casa al ragù bianco

Pappardelle al ragù bianco: siamo di fronte ad un piatto della tradizione, e non c'è niente di meglio che dedicarsi alla cucina imparando come prima cosa le basi di uno dei piatti principe riguardante la pasta fatta in casa. In questo caso specifico...
Primi Piatti

Come preparare le pappardelle al sugo di noci

Una delle tipologie di pasta nazionali italiane, conosciuta ed ammirata in tutto il mondo, è la trafila delle pappardelle. Le pappardelle fatte in casa hanno un sapore unico ed inimitabile, sopratutto se preparate con amore. La preparazione delle pappardelle...
Primi Piatti

Come preparare le pappardelle ai funghi porcini

Siamo anche noi pronti a proporre a tutti i nostri ospiti, una ricetta che è tipica del periodo autunnale, ma anche utilizzata un po' in tutto il periodo dell'anno, grazie alla possibilità di avere sempre a portata di mano questo fungo, veramente unico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.