Pettole pugliesi: la ricetta

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Le pettole pugliesi non sono solo palline di pasta lievitata e fritta che si preparano durante le festività natalizie, ma rappresentano il dolce del Natale per antonomasia. La loro preparazione non è affatto complicata anche se richiede dei passaggi ben precisi. In riferimento a ciò, ecco una guida su come preparare la ricetta delle pettole pugliesi.

25

Occorrente

  • 500 grammi di farina
  • 375 grammi di acqua tiepida
  • 3,5 grammi di lievito in polvere o 12 di lievito di birra
  • Un cucchiaio di sale grosso
  • Zucchero, marmellata, creme o miele quanto basta
35

Le pettole sono un piatto semplice che molte persone preparavano, e preparano ancora oggi. Si tratta inoltre di un dolce gustoso e nutriente e per prepararlo si usano ingredienti economici e sempre disponibili. Sia che desideriate cucinare le pettole salate o quelle dolci, l'impasto viene preparato nello stesso modo, perciò per iniziare versate la farina setacciata in una capiente terrina e disponetela a fontana. Versate nel foro parte dell'acqua tiepida in cui avrete fatto sciogliere il lievito e quindi mescolate con cura. Sciogliete quindi il sale grosso in ciò che rimane dell'acqua e unitela versandola a filo. Impastate bene con le mani.

45

Il composto deve risultare omogeneo e a questo punto deve essere posto a lievitare, ma se volete servire delle pettole salate più saporite, potete arricchirle con ingredienti a vostra scelta. Potete unire infatti prosciutto o pancetta tagliati a piccoli pezzi, ciccioli di maiale sbriciolati o anche del salame piccante o no. Il composto deve poi essere coperto con una pellicola trasparente e lasciato lievitare finché non si raddoppia di volume. A questo punto non resta che friggere le pettole: preparate perciò un tegame con dell'abbondante olio e versate l'impasto a cucchiaiate, bagnando il cucchiaio per fare in modo che non si attacchi. In tal modo si formeranno delle frittelle che vanno poi lasciate cuocere finché non sono ben dorate e alla fine le togliete dal tegame facendo scolare l'olio in eccesso in una carta assorbente.

Continua la lettura
55

Alla fine le pettole le potete salare e servirle subito, mentre se avete deciso per quelle dolci, allora potete scegliere se rotolarle con cura nello zucchero a velo oppure intingerle nel miele. Volendo potete anche farcirle aiutandovi con un sac à poche nel quale potete introdurre ad esempio marmellata, crema pasticcera, o crema al cacao. Infine è importante sottolineare che le pettole pugliesi si possono anche farcire in un altro modo più raffinato e cioè aggiungendo oltre al miele anche del cedro e dei codini di cioccolato, o delle scaglie ricavate da tavolette di cacao fondente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Ricetta: friselle pugliesi

Le friselle pugliesi sono un ottimo piatto, gustoso e veloce. Le friselle hanno una tradizione antichissima: erano infatti considerate il pane dei crociati, quando dovevano partire per la Terra Santa da Otranto, Taranto, Santa Maria di Leuca e dagli altri...
Antipasti

Ricetta: cipolle alle erbe gratinate

Un modo per completare un menù per una cena estiva è quello di inserire un antipasto gradevole. Si tratta della ricetta di cipolle alle erbe gratinate. Questo piatto si può sostituire al secondo, non sempre gradito nella stagione calda. Oppure, si...
Antipasti

Ricetta: insalata di ceci e pomodori

La ricetta dell'insalata di ceci e pomodori è un piatto ideale per chi ha abbracciato un'alimentazione vegetariana e per chi ha a cuore la sua salute e vuole perdere qualche chilo. È un piatto fresco ed estivo, perfetto per un pranzo conviviale con...
Antipasti

Ricetta: frittatine di lampascioni

I lampascioni sono dei cipollotti selvatici originari del sud Italia e in particolare nella zona della Murgia materana e barese. Appartengono alla famiglia delle liliacee e sono caratterizzati da una serie di fiori di colore violaceo che sbocciano in...
Antipasti

Ricetta: taralli al sesamo e limone

Se avete fatto di recente un viaggio o una gita fuori porta in Puglia, non potete non aver assaggiato i celebri taralli, delle saporite ciambelline cotte al forno che possono essere preparate in moltissimi modi differenti. I taralli sono diventati un...
Antipasti

Ricetta di pupi fritti con conserva di pomodori e peperoncino

I pupi fritti sono meglio conosciuti da tutti come panzerotti o calzoni e sono delle frittelle di pasta lievitata che si possono farcire in tantissimi modi diversi. I pupi sono diffusi in tutto il Sud Italia, ma i migliori sono indubbiamente i campani...
Antipasti

Ricetta: friselle con verdure grigliate

La ricetta che vi presento in questa guida sono le friselle. Le friselle, sono dei panini aventi una forma d'anello, ed hanno origine pugliese. I panini vengono precotti, per poi esser tolti dal fondo e tagliati in due. Successivamente, vengono fatti...
Antipasti

Ricetta: involtini di verza con prosciutto e fontina

La ricetta: involtini di verza con prosciutto e fontina sono una scelta vincente per chi vuole portare la verdura in tavola. Questa ricetta, sfiziosa e semplice, sarà in grado di soddisfare anche i palati più esigenti, come quelli dei bambini! Gli involtini...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.