Quindim brasiliani: la ricetta originale

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il quindim è un dessert tipico del Brasile, molto leggero e saporito. È un dolce dall'aspetto simile al budino, con un ripieno morbido e va servito freddo. Il quindim è tra i dolci più facili e veloci da realizzare e anche tra quelli che richiedono l'utilizzo di pochi ingredienti. E tra questi, quello base è il cocco. Di bell'aspetto, si presentano di colore giallo intenso e lucidi. Se volete realizzare questo dolce dal gusto esotico, provate la ricetta originale dei quindim Brasiliani.

25

Occorrente

  • Farina di cocco 150 gr. - Tuorli 6 - Latte condensato 350 gr. - Latte di cocco 50 gr. - Succo di limone 1 cucchiaio - Burro q.b. - Zucchero q.b.
35

Iniziate col prepararvi le uova. Dovete togliere gli albumi, perché per realizzare i quindim vi occorrono solo i tuorli. Metteteli da parte e andate avanti. Prendete una ciotola capiente e versateci dentro, la farina di cocco e il latte condensato. Mescolate energicamente per far amalgamare bene gli ingredienti. Per accelerare i tempi ed ottenere un risultato migliore, potete aiutarvi utilizzando un mixer. Di seguito unite, ad uno ad uno, i tuorli facendoli incorporare all'impasto. Per ultimo aggiungete il succo di limone e il latte di cocco.

45

Quindi coprite con della pellicola trasparente il composto, e lasciatelo riposare per una ventina di minuti. Nell'attesa preparatevi gli stampini. Potete utilizzare quelli di alluminio usa e getta, quelli in silicone, ma anche i contenitori di plastica per budini o la teglia per cupcake. Non utilizzateli molto grandi, perché la caratteristica di questi dolcetti è proprio l'esser piccoli. In ogni caso, dovete spennellarsi con del burro e spolverizzarli con un poco di zucchero. Trascorso il tempo, riprendete il composto e riempite, per due terzi, gli stampini. Di sequito trasferite i quindim dentro una teglia, riempita a metà di acqua calda.

Continua la lettura
55

Ultimate con la cottura. Mettete i quindim brasiliani in forno, preferibilmente statico e già caldo, e cuocete a 180 gradi per 40 minuti circa, fino a che il compsto non risulterà asciutto. Usciteli quindi dal forno e lasciateli raffreddare un poco. Appena si intiepidiscono, potete toglierli dagli stampini e farli raffreddare del tutto in frigorifero. A questo punto i quindim brasiliani sono pronti. Potete gustarli in questa versione classica, oppure definirli e decorarli, con farina di cocco, frutta di stagione, sottili fettine di limone, con una colata di cioccolato fuso, o semplicemente con dello zucchero a velo.
Nella ricetta originale dei quindim brasiliani, vengono usati solo i tuorli, ma come per ogni dolce, ci sono delle varianti che vedono l'utilizzo anche degli albumi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Babaganoush: la ricetta originale

Il babaganoush è un piatto leggero e genuino del Medio Oriente. Gli ingredienti principali sono le melanzane, ma se non vi piacciono, andranno benissimo anche altre verdure. Il sapore di questo piatto è unico e particolare. Le melanzane ridotte in purea...
Cucina Etnica

Ricetta originale del whopper

Il Whopper è il prodotto, riconosciuto in tutto il mondo, simbolo della catena di fast food Burger King. Creato nel lontano 1957, oggi è uno dei panini più venduti ogni anno. Il suo aspetto non è come i comuni hamburger, il panino si sviluppa in...
Cucina Etnica

Come preparare un menù brasiliano

La cucina brasiliana è piuttosto particolare e si differenzia rispetto a quella europea. Al contrario di quanto, erroneamente, si possa pensare, essa non ha nulla in comune con la tradizione culinaria spagnola. Gli elementi che le fanno da sfondo sono...
Cucina Etnica

Ricetta: Papas rellenas

Le Papas rellenas hanno origini peruviane dove rappresentano il piatto della cucina tradizionale. La ricetta delle Papas rellenas viene tramandata nelle varie generazioni subendo spesso anche delle modifiche. Ma cosa sono in realtà? Si tratta di polpette...
Cucina Etnica

Ricetta anglosassone: club sandwich

Se durante la pausa pranzo ti precipiti in una paninoteca oppure al bar per ordinare un panino farcito ed hai sempre i minuti contati poiché il tempo ma soprattutto il tuo capo non ammette proroghe, ti trovi nel posto giusto. Selleggetai la seguente...
Cucina Etnica

Ricetta cinese del pollo in agrodolce

Il pollo in agrodolce è una delle ricette tipiche della tradizione gastronomica cinese, tra le più conosciute e gradite da tutto il resto del mondo. La realizzazione di questa pietanza è abbastanza laboriosa, ma il risultato lascerà stupiti gli ospiti...
Cucina Etnica

Ricetta: sashimi di dentice

Il sashimi è una prelibatezza giapponese composta da carne cruda molto fresca o pesce tagliato a pezzi sottili. Questa prelibatezza giapponese deliziosamente semplice ma elegante è composta esclusivamente da pesce crudo molto fresco, nella nostra ricetta...
Cucina Etnica

Ricetta: i takoyaki

I takoyaki sono una ricetta Giapponese che ha come ingrediente principale il polpo. Per la sua preparazione nono necessari ingredienti che non sono facilmente reperibili in Italia, per questo motivo elencherò un metodo di preparazione leggermente variato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.